Un amore lungo venti anni

Alezio. Sono quasi venti gli anni di passione e amore per il calcio aletino della Polisportiva Don Bosco.  «L’anno prossimo a settembre – afferma Alberto Toma, consigliere – un nostro delegato andrà a Roma, ospite presso la Figc, per ritirare il riconoscimento del ventennale anniversario della Polisportiva». Nel Salento la “Don Bosco” è una delle poche, se non l’unica, a poter ambire a questo riconoscimento: fondata nel 1992 è ancor oggi protagonista attiva nella scena del calcio dilettantistico salentino.

«Nel corso degli anni – continua Toma – il vivaio aletino ha “sfornato” diversi talenti: da Alessandro Leopizzi, portiere che ora milita in serie D con il Nardò, a Cristiano Urso e Giuseppe Farina che hanno rispettivamente militato nel Casarano e nel Taviano.

Uno tra i più giovani che sicuramente merita di essere menzionato è Luca Romano, classe 1993, che partito dalla “Don Bosco” è arrivato a far parte del vivaio dell’ Us Lecce ed è ora in prestito al Gallipoli. Ricordo in modo particolare le vicende di un altro giovane aletino, Antonio Della Bona, che aveva i cosiddetti “piedi buoni” e che secondo il mio modesto parere, sarebbe diventato una promessa del calcio qualora avesse continuato ad allenarsi. A soli 14 anni fece notare a tutti le sue ottime doti, ma poco dopo abbandonò».

Qualche tempo fa presso il campo sportivo “G. Combi” è stata inaugurata la nuova stagione, con la presentazione dei programmi inerenti le categorie “Primi Calci” (foto sopra), “Pulcini” (in mezzo), “Esordienti” (sotto) e  “Giovanissimi”. E’ stato inoltre formato un team di allenatori: Cosimo Primiceri, Pierluigi Spennato, Renato Milauro e Giuseppe Stefanì di Alezio e Donato Costantini di Matino.

Nicolas Pisanello

Commenta la notizia!