Piccola e storica

by -
0 1555

lizza 2013 alezio (8)

ALEZIO. Con la “Lizziceddhra” alle porte (il 27 agosto), la “Festa della Lizza” è andata in archivio con un grande successo. La tre giorni dedicata alla santa patrona ha attirato, come ogni anno, migliaia di visitatori che hanno  affollato le vie del paese, dalle prime luci dell’alba, in occasione della solenne messa del 15, fino a notte fonda, per assistere al tradizionale spettacolo pirotecnico.

Sarà la “magia” della festa o il periodo ferragostano, sta di fatto che Alezio in questi giorni veste gli abiti della grande città.

«Ogni anno uguale, ogni anno diversa: buona Lizza a tutti”: è stato scritto su Facebook per ricordare che la festa nel tempo non perde mai il suo fascino e trasforma Alezio in una grande piazza, dove si incontrano le persone che non si vedono da tempo, quelle che hanno lasciato il paese in cerca di lavoro all’Estero o al Settentrione, ma che almeno ritornano nel loro paese in occasione della “Grande festa”.

«Anche quest’anno il bilancio della Lizza è stato abbastanza positivo. Abbiamo ricevuto molti complimenti – spiega Maurizio Dimo, presidente del “Comitato festa della Lizza” – e, naturalmente, anche qualche critica. Molti consensi, oltre che dagli aletini sono arrivati da turisti e persone dei paesi limitrofi, che più di tutto hanno apprezzato le luminarie della ditta “Mariano light”, grazie anche alle quali ogni anno la nostra festa acquista sempre più fama e notorietà. È doveroso un ringraziamento a tutti gli aletini, ai commercianti, ai componenti del Comitato, all’Amministrazione comunale e a tutte le forze dell’ordine: grazie all’apporto di tutti loro la “Lizza” mantiene viva la fama e il suo prestigio». Quella vissuta dal presidente Dimo è stata una Lizza particolare perchè proprio quest’anno ha “festeggiato” il decennale della sua presidenza iniziata nel 2003. In molti sono soliti dire che trascorsa la Lizza finisca l’estate, ma non per gli aletini che per chiudere la bella stagione si danno appuntamento il 27 agosto in occasione della festa della “Lizziceddhra”, per ricordare l’intercessione della Madonna che proprio in quella data, ma nel 1886, salvò Alezio da un terremoto. Per  l’occasione, sono in programma le messe alle 8.30 e 18.30 (al santuario) e la processione delle 19.30 al termine della quale ci sarà la fiaccolata offerta dalla signora Giovanna Giuranno. Alle 21, infine, sul sagrato della Lizza, il concerto della “Cittadella dei ragazzi” di Nardò.

Commenta la notizia!