A Parabita festa fa rima con impegno

La banda in piazza Umberto I per la festa di Santa Lucia

La banda in piazza Umberto I per la festa di Santa Lucia

PARABITA. “Svegliarsi a Natale in Salento, niente freddo ma un bel vento caldo, l’odore del caffè e un pasticciotto, tutta la famiglia stretta intorno ad un banchetto”. Ad accendere l’atmosfera di festa, anche le note del parabitano Carlo Nicoletti (dj per radio RTL 102.5) e del Collettivo salentino (composto da Fernando Proce e da Carlo e Nicco Verrienti di Casarano), per un progetto musicale destinato a diventare tormentone del Natale salentino.  Sempre musica, ma più tradizionale che mai, con la pastorale parabitana che, fino al 24 dicembre, riscalderà d’emozione le fredde notti d’Avvento. A promuoverla quest’anno, la Compagnia teatrale Lucia La Greca. Ultime fatiche prima delle vacanze anche per gli alunni dell’Istituto comprensivo.

Quello della scuola media “Dimo” sarà un Natale all’insegna della solidarietà. Il 20 dicembre i ragazzi allestiranno un mercatino di beneficienza con prodotti preparati da loro e dalle famiglie. Il 22, invece, una tombolata alla quale parteciperanno anche le classi quinte della scuola primaria. Sarà consegnato ad un rappresentante Unicef anche il ricavato della recita natalizia dei bambini della scuola d’infanzia “Fagiani”. Il loro spettacolo “E’ Natale per tutti”, il 19 dicembre alle 17, sarà in continuità con  il progetto annuale “Pinocchio e i diritti dei bambini”. Ogni giovedì, per tutto il mese di dicembre, è stata condotta l’iniziativa “la merenda della solidarietà”, mangiando pane e pomodoro e rinunciando alla propria merenda portata da casa per devolvere il corrispettivo in euro a favore dei bambini meno fortunati. In arrivo anche il cartellone eventi “Natale a Parabita” firmato dai Presidi del libro e dall’Amministrazione comunale. Il 22 dicembre si parte con lo spettacolo “Automotores Orletti” – scritto e diretto da Luigi Giungato (di Gallipoli) per la compagnia Calandra (di Tuglie) e ispirato alle vicende che dal 1976 al 1982 insanguinarono l’Argentina della dittatura.

Commenta la notizia!