Nardò – Nuovo intervento della Capitaneria di porto per contrastare il fenomeno del cosiddetto “ombrellone segnaposto”, lasciato sulla spiaggia per tutta la notte al fine di “prenotare” il posto per la mattina seguente. I militari, insieme alla Polizia locale, sono intervenuti tra Santa Maria al Bagno, Santa Caterina e Sant’Isidoro sequestrando sei ombrelloni e altro materiale (tipo sedie e sdraio). L’operazione è stata condotta in tarda serata, ovvero “oltre il tramonto del sole”, quando cioè l’apposita ordinanza balneare della Regione Puglia vieta di lasciare sulle spiagge libere “ombrelloni, lettini, sedie sdraio, tende o altre attrezzature”. Proprio per questo non è stato possibile risalire ai proprietari dell’attrezzatura.

L’assessore Tollemeto «Non è tanto il numero di ombrelloni sequestrati che merita di essere evidenziato – spiega l’assessore alla Polizia locale Ettore Tollemeto – quanto l’odioso principio della “privatizzazione” della spiaggia libera da parte di bagnanti fantasma, che arrivano quando non c’è nessuno, piazzano gli ombrelloni e tornano quando fa loro comodo, beffando tutti gli altri». Un malcostume  spesso causa di litigi o “malumori” sulle affollate spiagge d’agosto, già sanzionato di recente da carabinieri e guardia costiera a Torre Lapillo (Porto Cesareo), in questo caso con la denuncia di tre avventori. La Polizia locale, agli ordini del comandante Cosimo Tarantino, così come la Capitaneria di porto di Gallipoli assicurano che tali verifiche proseguiranno anche nelle prossime settimane.

 

Pubblicità

 

Pubblicità

Commenta la notizia!