Natale, a Santa Caterina ritorna il presepe vivente dei record di presenze

Nardò – Fascino, bellezza e preghiera si mescolano nella 37esima edizione del presepe vivente di Santa Caterina, piacevole consuetudine del natale neretino. La parrocchia della “Betlemme dello Jonio” di don Piero Inguscio, domenica 17 dicembre, dopo la messa delle ore 16.30, inaugurerà il presepe vivente: alla presenza delle autorità civili e di una delegazione del comitato del presepe vivente di Tricase, la lampada della “Luce della pace di Betlemme” giungerà sino al terreno adiacente alla chiesetta di via Micca. Il 26 dicembre alle ore 17, grazie alla collaborazione con “Costa del Sud” Diving Service e Oltremare, lo spettacolo della stella cometa che si leverà dal mare e proseguirà verso il presepe vivente. Il 30 dicembre e l’1 gennaio 2018 apertura dalle ore 17 alle 20; ultima giornata il 6 gennaio: alle 15.30 la Befana in piazza presso la marina neretina con distribuzione delle calze ai bambini prima dell’arrivo dei Magi. Il presepe vivente di Santa Caterina è stato inserito nell’ambito di “Nardò coi fiocchi”, la rassegna di eventi natalizi dell’Amministrazione comunale, e si avvale della collaborazione con la Proloco Santa Caterina, l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Ezio Vanoni”, il Liceo Artistico e il Comprensivo Polo 3 “Pantaleo Ingusci”. Lavorazione del rame a cura di Agostino Casalino di Alezio, Antonio Stefanelli di Collemeto si è dedicato al ferro.

A Santa Caterina la memoria storica della nascita di Gesù Cristo fa rima con la riproposizione di tradizioni tipicamente salentine. Il suggestivo tragitto del presepe vivente si comporrà di 25 strutture con oltre 120 figuranti coinvolti. L’obiettivo sarà quello di infrangere il record stabilito  nell’ultima edizione: 15mila presenze da tutta la Puglia.

Commenta la notizia!