Nardò, quasi 2 milioni per le reti idriche e fognarie in zona Pagani

Nardò – In un primo momento la Regione aveva destinato 800mila euro in opere idriche e fognarie nella zona Pagani, tra la città e Santa Caterina; davanti alle pressioni del Comune per completare una volta per tutte le infrastrutture necessarie, da Bari l’importo è stato più che raddoppiato: 1 milione 900mila euro. Il progetto è stato approvato oggi dalla Giunta presieduta dal Sindaco Giuseppe Mellone ed ora l’Acquesotto pugliese può procedere alle opere di completamento dell’urbanizzazione nelle vie D’Amore, Castrignanò, Pagliara, Formoso, Colangelo, De Rossi, Benedetto XIII, Benegiamo, Abate Filippo, Sisto V, Arnaldo di Crollalanza, Costadura, Gregorio XIII e Paolo VI e della rete fognante (quella idrica è già esistente) su via Felline.

Il primo progetto, finanziato con 800mila euro era risultato insufficiente rispetto alle

Giuseppe Mellone

esigenze della zona Pagani. L’Amministrazione comunale, col Sindaco Mellone e il vicesindaco con delega ai Lavori pubblici Oronzo Capoti, era perciò tornata alla carica presso Aqp e presso l’Autorità idrica regionale. Si erano quindi susseguiti sull’area interessata approfondimenti tecnici e sopralluoghi sul campo  che hanno indotto l’Autorità idrica e l’Acquedotto pugliese ad aumentare la dotazione finanziaria fino a quasi 2 milioni di euro, comprendendo così la copertura idrica e fognaria delle aree tipizzate dal Piano regolatore generale come aree di completamento (zone B) e di espansione (zone C) per circa 3.653 metri di rete idrica e 3.727 metri di rete fognante.

È un altro risultato di cui siamo orgogliosi – commenta Mellone – perché so quante richieste e quante preghiere, sacrosante, mi giungono ogni giorno dai residenti di quest’area. Devo dare merito all’assessore Capoti e agli uffici per aver indotto Autorità idrica pugliese (presieduta dal Sindaco di Andria Nicola Giorgino) e Acquedotto ad aumentare il finanziamento e a consentirci di coprire tutta questa porzione di territorio. So anche che ci sono altri cittadini che aspettano, ma stiamo facendo di tutto per rispondere anche a loro”. “Grazie a un lavoro tecnico e burocratico certosino di cui oggi raccogliamo i frutti – conclude l’assessore Capoti – i lavori interesseranno una quindicina di strade in zona Pagani in cui i residenti attendevano da molti anni opere infrastrutturali che sono irrinunciabili”.

 

                                                 

Commenta la notizia!