Nardò, processo da rifare: annullata sentenza a 6 anni 8 mesi

francesco mandoi galatoneNARDÒ. Accusato e condannato per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di droghe e, dopo dieci anni, vedersi cancellate due sentenze, entrambe con condanne a 6 anni e otto mesi non capita, per fortuna, tutti i giorni ma a Graziano Bosco, oggi 32enne ma all’epoca dei fatti poco più che 19enne, è capitato. Ci hanno pensato i giudici della Cassazione che hanno rinviato tutti i fascicoli dei due processi alla Corte d’Appello di Lecce per un nuovo dibattimento e una nuova sentenza.
Nonostante l’età e altre condizioni oggettive (diploma, servizio militare), al neretino vennero appioppate pesanti accuse, anche perchè risultava amico di uno dei boss coinvolti nell’operazione “Taurus” del 24 aprile 2004 tra Nardò e Galatone. Colpite 39 persone  che gestivano le estorsioni e il mercato della droga nella zona con minacce e attentati a componenti delle forze dell’ordine e a magistrati. Tra questi ultimi una bomba fu fatta esplodere davanti al domicilio galatonese dell’allora sostituto procuratore Francesco Mandoi (foto).

Commenta la notizia!