Nardò – Il progetto approvato a ottobre scorso dal Consiglio comunale e finalizzato a valorizzare gli spazi urbani grazie alla creatività entra nel vivo con il primo dei murales previsti: l’opera – già ultimata – è stata realizzata davanti alla scuola primaria “Gabelli” (in via Bellini). A firmarla Stefano Bergamo in arte “Best”, artista di Leverano classe 1970, con all’attivo svariate mostre in Italia e all’estero.

Il tema scelto per inaugurare questa “galleria” d’arte urbana è il rapporto uomo-animale. Il dipinto raffigura infatti una bambina accompagnata da un cane e un gatto. Soddisfatta l’associazione neretina “Mai più randagio”, che si occupa di animali abbandonati e aveva chiesto al Comune che un’opera tra quelle in programma venisse dedicata proprio a questo tema. «È una scelta tutt’altro che casuale – fa sapere il direttivo dell’associazione, – ispirata dalla convinzione di rivolgere un messaggio d’amore ai bimbi e, perché no, ai loro genitori. Inoltre, quel muro da tempo vandalizzato e oggi finalmente riqualificato esprime leggerezza e dona nuova luce al plesso scolastico. Al buon esito dell’iniziativa hanno contribuito in tantissimi, soci e simpatizzanti, donandoci ciascuno un indispensabile sostegno. Con una piccola targa nei prossimi giorni li citeremo tutti».

Soddisfatto anche Gianluca Fedele, consigliere comunale con delega al randagismo. «Ho seguito personalmente le varie fasi – commenta – che hanno portato alla realizzazione di questa suggestiva opera, e ho constatato un diffuso entusiasmo. Ringrazio in primis Pasquale Alfieri per aver preparato in tempi record il muro sul quale è stata realizzata l’opera, e l’assessore alla Cultura Ettore Tollemeto per aver caldeggiato l’iniziativa. Questo è solo il primo esempio di come un luogo possa cambiare aspetto grazie alla street art. Presto – conclude Fedele – altri luoghi della nostra Nardò ospiteranno bellissimi e colorati murales».

Pubblicità

Sono cinque gli spazi individuati finora da Palazzo Personè per ospitare i murales: alla già citata via Bellini si aggiungeranno il muro esterno di via Rubichi (all’altezza dello stadio “Giovanni Paolo II”), il campetto di via Deledda (zona Penta), la recinzione degli uffici comunali di via Falcone (ex tribunale) e i muri esterni della scuola di via Bologna.

Pubblicità

Commenta la notizia!