Intarsi e mosaici l’artigianato si mette in mostra

di -
0 955

ANTICHI PREZIOSI MESTIERI Il presidente della sezione parabitana di Confartigianato Dino Turlizzi e Ippazio Stefanelli, il primo presidente dell’associazione e tra i soci fondatori della mostra, premiato in questi giorni di festa. Sullo sfondo il preisdente della Provincia, Antonio Gabellone

Parabita. Era il lontano 15 giugno 1972 quando Ippazio Stefanelli, Elvio Laterza e Aldo d’Antico pensarono di allestire una mostra collettiva di prodotti artigianali.

Sono passati 40 anni ed oggi i tre sono ancora lì per inaugurare, ancor una volta, quella mostra. Allestita nei locali del Palazzo Galleria, in occasione dei festeggiamenti patronali, la mostra ha accolto le pregiate esposizioni di mosaicisti, intarsiatori del legno, orafi, pittori, scultori del ferro e restauratori. Quella dell’artigianato di Parabita è una storia che dura secoli e che ebbe il suo culmine nel 1908 quando Enrico Giannelli fondò una scuola di disegno applicata all’artigianato poiché sosteneva che gli artigiani non dovessero solo eseguire ma anche pensare, ideare e progettare la propria arte.

Al taglio del nastro erano presenti il presidente della Provincia Antonio Gabellone e il sindaco Alfredo Cacciapaglia insieme ai rappresentanti provinciali di Confartigianato. L’occasione è stata propizia per far risuonare qualche campanello di allarme: dal bisogno di essere tutelati con nuove leggi, alla necessità di ricevere più attenzioni e fondi economici, se non si vuole vedere sparire l’artigianato di qualità.

Le parole più dure sono venute dal presidente della sezione di Parabita di Confartigianato, Dino Turlizzi che ha affermato: «Questi mestieri sono frutto di esperienza e passione, tramandati da padre in figlio, ma non vedo tra di noi un rinnovamento generazionale». Tanta la commozione tra i partecipanti, tra coloro che hanno ricevuto la targa per essersi distinti negli anni nel loro lavoro, primo fra tutti Ippazio Stefanelli, il primo presidente dell’associazione di categoria.

SM

Commenta la notizia!