Infiorati 60 metri

by -
0 1898

Foto di Alberto Caputo

Melissano. Notte e giorno 30 persone al lavoro dal venerdì mattina alla domenica, festa del Corpus Domini per un tappeto di fiori lungo 60 metri su via Casarano.

Per la seconda volta il Centro turistico giovanile, col suo presidente Mario Siciliano, hanno curato la realizzazione dell’Infiorata. Migliaia di fiori offerti dai floricoltori di Taviano e Leverano, impegno senza sosta dei volontari e il risultato è sotto gli occhi di tutti, documentato dalle foto che pubblichiamo. I motivi che i fiori disegnano sono quelli tradizionali tratti dall’iconografia religiosa.

Infiorata anche a Tuglie organizzata dalla parrocchia Maria SS Annunziata col parroco don Emanuele Pasanisi. La compongono 5000 garofani rossi e l’artista è Franco Boccadamo.

L’abitudine di gettare petali di fiori sulle statue dei santi portati in processione è antichissima L’infiorata, invece, l’arte di comporre con i fiori quadri a vari soggetti per fare da tappeto a processioni è nata nel 1625. La notizia è contenuta nel “De florum coltura” del gesuita Giovan Battista Ferrari che descrive la prima Infiorata in Vaticano, appunto il 29 giugno di quell’anno in occasione della festa di S. Pietro e Paolo. L’artista era Benedetto Drei, responsabile della Floreria vaticana, con l’aiuto del figlio Pietro.

Da Roma la tradizione si diffuse rapidamente sui colli Albani soprattutto per gli stretti legami che il Bernini, che era successo al Drei, aveva con quel territorio.

SIMILAR ARTICLES

Commenta la notizia!