Luca Gorgoni, sulle corde del violino fino al palco di RaiUno

di -
0 1113


Alezio. Occhi puntati su Rai uno il 20 marzo alle 21 in punto. Tra i membri dell’orchestra del “Premio regia televisiva 2011” – che mira a premiare le migliori dieci trasmissioni della stagione televisiva italiana del 2011 – potrà capitare di scorgere il violinista aletino Luca Gorgoni. Non una novità, dato che Luca vi partecipa ogni anno ormai dal 2006.

Luca, com’è nata la passione per il violino?
«Da bambino volevo imparare a suonare la fisarmonica. Non essendoci in paese un insegnante di questo strumento, decisi in alternativa, e anche un po’ a malincuore, di dedicarmi al violino».

Che studi ha fatto?
«Avevo sette anni quando iniziai e a nove m’iscrissi al Conservatorio, dove mi sarei diplomato nel ‘92. Mi definisco un violinista eclettico: dalla musica classica spazio alla leggera. Infatti, faccio parte della Filarmonica del Conservatorio di Lecce, ma anche del gruppo “Quelli della frisa”».

E lavora anche in tv…
«Il maestro Antonio Palazzo mi scelse nel 2006, attingendo a una lista fornitagli dal Conservatorio. Nel 2007 ebbi anche l’occasione di far parte dell’orchestra del Festival di Sanremo, marifi utai».

Come mai?
«Avevo altri impegni lavorativi, ma fu anche una questione di principio: i musicisti erano sottopagati e io mi rifiutai di accettare un compenso di circa 50 euro al giorno. In compenso, dal 2006 salgo regolarmente sul palco del premio Barocco e ci sarò anche a giugno prossimo, al porto di Gallipoli».

Si può vivere solo di musica?
«È un’ambizione, ma è difficile. Io cerco di differenziare le mie attività e da qualche anno insegno anche alla scuola Harmonium con sedi a Parabita e a Nardò. Mi entusiasma trasmettere la passione per la musica ai miei allievi».

E le soddisfazioni non mancano. Ha debiti di riconoscenza?
«Verso i miei genitori che mi hanno pagato gli studi e per anni mi hanno accompagnato quasi tutti i giorni da Gallipoli, dove frequentavo il Nautico, a Lecce per il conservatorio. A loro dedico i miei piccoli successi».

Nicolas Pisanello

Commenta la notizia!