La Diocesi di Nardò-Gallipoli piange la scomparsa di don Primaldo Gioffreda. A Matino i funerali

Matino –  Gravemente malato, è morto la notte scorsa nell’ospedale di Gallipoli, dov’era ricoverato da qualche giorno, don Primaldo Gioffreda, 71enne parroco di San Giorgio Martire a Matino. Originario di Chiesanuova (frazione di Sannicola), don Primanldo era stato ordinato sacerdote il 28 giugno del 1972 dall’allora vescovo della diocesi di Gallipoli mons. Pasquale Quaremba, dopo aver completato a Molfetta gli studi liceali e di teologia. Molto conosciuto e apprezzato, ha ricoperto l’importante incarico di assistente diocesano dell’Azione cattolica, ed è stato per lunghi anni parroco ad Alezio, Melissano e da ultimo a Matino, nella chiesa di S.Giorgio Martire. “È tornato nella casa del Padre il caro d. Primaldo. Preghiamo. +Fernando, vescovo”, questo l’annuncio dell’ordinario diocesano monsignor Fernando Filograna.

Il cordoglio di Matino e della Diocesi «Siamo vicini ai parenti dell’amato don Primaldo, a chi lo ha conosciuto come prete e parroco nella Chiesa Madre di Matino e Alezio. Dal Cielo possa intercedere per quanti sulla terra hanno avuto il privilegio di conoscerlo come uomo giusto, consacrato all’annuncio del Vangelo e generoso con il prossimo. Ancora una volta facciamo corona attorno al suo sorriso». Questo invece l’annuncio commosso ai suoi parrocchiani di don Antonio Minerba (parroco nativo di Aradeo ora ad Alezio): «Raccordo il mio cuore di fratello nel sacerdozio e di pastore con il cuore di ognuno di voi, che per anni lo ha avuto come padre, Pastore e maestro». La salma dello scomparso è stata composta nella chiesa del Rosario, a Matino, dove stasera, alle 19,30 ci sarà una veglia di preghiera. I funerali, invece, presieduti dal vescovo mons. Filograna, saranno, sempre a Matino, domani pomeriggio alle 16 nella chiesa madre di San Giorgio. Tanti gli attestati di cordoglio da vari paesi e nella “sua” Matino, città che ricorda la sua umanità ed il suo costante impegno nel rilancio del Villaggio del fanciullo.

 

 

Commenta la notizia!