Nuova linfa per i centri storici

OLTRE UN MILIONE E MEZZO La piazza su cui si affaccia la sede del Gal. Alla base dei bandi di promozione turistica una fi losofi a che mira a far “rivivere” i centri antichi che altrimenti richierebbero di restare desolatamente vuoti e in degrado. La realizzazione dell’albergo diffuso impegna direttamente i privati a ripensare al ruolo degli immobili nel contesto più ampio di una visione turistica basata sulla consapevolezza dell’identità

Racale. Turismo, agroalimentare e cultura è il nuovo Tac su cui scommette il Gruppo di azione locale “Serre salentine”, presieduto da Salvatore D’Argento di Taviano.

E i primi concreti risultati, che apriranno la strada a una nuova concezione di ”vivere” il territorio enfatizzandone le potenzialità, ci sono già. Sono quarantadue, infatti, gli imprenditori singoli o associati finanziati nell’ambito del bando   “Incentivazione di attività turistiche”,  per il recupero delle abitazioni private nel centro cittadino da adibire a piccola ricettività e alla commercializzazione e promozione dell’offerta turistica rurale.

L’investimento complessivo è di 1 milione 638mila euro per la realizzazine di “alberghi diffusi” nei centri che compongono il Gal. In particolare gli imprenditori che sono risultati in regola con le domande sono: 11 a Casarano, 3 a Matino, 3 ad Alezio, 12 a Racale, 8 a Melissano, 8 a Taviano,3 a Parabita, 2 ad Alliste, 1 a Tuglie.  Successivamente il Gal e gli imprenditori sceglieranno l’accordo di gestione unitaria per ogni singolo “albergo diffuso” in modo da renderne  la realizzazione più efficiente e più funzionale al progetto.

L’obiettivo finale, infatti, non è solo quello di recuperare dal punto di vista strutturale i centri antichi che in parte risultano abbandonati, ma di farli ri-vivere in una rinnovata integrazione con la realtà che esprimono.  Anche per questo motivo, considerate  le numerose richieste di finanziamento  che di fatto superano la dotazione finanziaria prevista  è intenzione del Consiglio di amministrazione del Gal di reperire altre risorse per soddisfare tutte le richieste che hanno superato l’esito dell’istruttoria tecnico-amministrativa.

Nell’ambito delle “masserie didattiche” sono stati finanziati due progetti a Gallipoli per un importo di 93.206 euro. La Masseria Didattica è una realtà agricola o agrituistica in cui si coniuga con successo l’attività produttiva e l’esigenza educativa rivolta in modo particolare ai ragazzi.  Per quanto riguarda le agenzie di promozione turistica ne sono state finanziate 3,  rispettivamente a Sannicola, Matino e Racale.

Commenta la notizia!