Il sindaco di Riccione: “Francesco, ti penso”

giornale gallipoli

GALLIPOLI. Non è che ci si può confortare con i mali altrui, ma vedere un’altra “capitale” delle vacanze di massa alle prese con alcuni nodi estivi fa quantomeno riflettere e sprovincializza un problema che, evidentemente, non è soltanto locale. “Francesco, leggo e ti penso”, ha scritto il Sindaco di Riccione al suo omologo di Gallipoli. Con quale spirito è facile immaginarsi. Ecco l’apertura di una pagina del quotidiano “La Voce” di Riccione. A distribuire questi “inviti” sono pierre piuttosto disinvolti, che già consegnano a 13-15enni biglietti gratis per entrare in discoteche di Riccione, Rimini e persino Bologna e San Marino. Ai più grandicelli c’è bisogno di proposte più “forti”…  Si ribellano gli albergatori, si ribellano i commercianti del centralissimo viale Ceccarini, teatro con  protagonisti poco desiderabili. Ragazze in tanga e ragazzi a torso nudo, strombazzamenti notturni, auto dormitorio, manifesti pubblicitari dappertutto. Lì sono riusciti però a liberare le spiagge dai saccopelisti  e dai venditori abusivi, dicono coloro che invocano “prima che sia troppo tardi” regole anche per tutto il resto. Altrimenti sarà serrata.

Commenta la notizia!