La scolaresca del Quinto Ennio in visita al Museo della Memoria e dell’Accoglienza

Il Liceo “Quinto Ennio” di Gallipoli ha avviato oggi, 14 novembre, con un incontro con Vittorio Perrone un lungo e fitto percorso di avvicinamento e preparazione alla Giornata della Memoria. Scenario dell’incontro è stato il Museo della Memoria e dell’Accoglienza di Santa Maria al Bagno. Cinquanta studenti e studentesse delle sezioni classico e linguistico hanno potuto ascoltare e intervistare in prima persona il signor Vittorio, accostandosi ai tanti ricordi, aneddoti e racconti che il passaggio dei sopravvissuti ai campi di sterminio ha sedimentato nella vivida memoria del novantenne neretino. Il denso e significativo confronto è durato circa due ore, dopo le quali gli studenti, condotti da Marina Marzano e Alessandra Greco, esperte accompagnatrici nei sentieri della memoria locale, hanno potuto esplorare i luoghi più significativi del borgo di Santa Maria al Bagno legati agli eventi di quegli anni. La giornata, organizzata grazie alla mediazione e alla collaborazione di Stefano Manca, giornalista di Piazzasalento, e di Valeria Dell’Atti, presidente della Cooperativa Fluxus di Nardò che ha in gestione il museo, si inserisce nelle fasi didattiche di un più generale progetto, “I giovani ricordano la Shoah”, al quale i ragazzi del “Quinto Ennio” aderiranno partecipando ad un connesso concorso nazionale con un proprio elaborato in cui confluirà proprio l’esperienza vissuta presso il Museo di Santa Maria al Bagno. Gli appuntamenti con la memoria della Shoah non finiscono però qua per i liceali dell’istituto gallipolino: già domani, infatti, 15 novembre, gli stessi parteciperanno in serata all’incontro con un’altra importante testimone, la scrittrice Lia Levi. L’ottantasettenne scrittrice, sopravvissuta alle leggi razziali e vincitrice del premio Strega “Giovani 2018”, presenterà il suo romanzo per ragazzi “Questa sera è già domani” (edizioni e/o). L’itinerario di approfondimento, ricco di ulteriori momenti di studio e riflessione, terminerà a gennaio con il viaggio di 39 liceali delle classi quinte dell’Istituto, che si recheranno con il “Treno della Memoria” presso i luoghi più drammaticamente noti della Shoah, quali i campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

I docenti Pier Paolo Tarsi, Giulia Santi e Rosaria Tarantino

 

Pubblicità

Commenta la notizia!