I Presiccesi non mollano: “Così non va”

by -
0 716

lido marini (3)

PRESICCE. Le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali alla Pro-loco fissate per il 25 agosto scorso sono state rinviate all’anno prossimo. L’assemblea degli iscritti ha rilevato che la situazione di sfilacciamento che aveva portato i dirigenti del sodalizio a rinunciare a qualunque iniziativa per protestare contro il disinteresse totale del comune di Ugento, responsabile territtorialmente di Lido Marini, di fatto aveva impedito di procedere ad un regolare tesseramento dei soci. Per regolarizzare questo aspetto della vita dell’associazione si è stabilito di rinviare le elezioni, riconoscendo il diritto di voto ad una platea adeguatamente più vasta, cioè a chi rinnoverà la tessera quest’anno e nel 2014.

Intanto però il risentimento e la rabbia della gente contro il comune di Ugento non accenna a diminuire e, accantonata la prassi del manifesto affisso abusivamente, sceglie anche il sito di Piazzasalento in cui si legge tra l’altro che  “se il problema per il sindaco di Ugento sono i manifesti, per noi invece è la mancanza di controllo sulla cessione di pezzi di spiaggia ai privati. Ogni anno si notano le spiagge private che si allargano e si allungano sempre di più a danno di chi non può pagare 25 euro al giorno per un ombrellone”. Da qui la richiesta al sindaco di Ugento di mandare i suoi vigili urbani col metro per misurare la superficie dei lidi. «Vedrai sindaco quante belle sorprese. Altro che manifesti». Dello stesso tenore le altre note pervenute al giornale, compresa quella in cui si accenna addirittura alla spoliazione della sabbia dell’ultimo pezzo di spiaggia pubblica per ripascere e allargare sempre di più i lidi privati.

Commenta la notizia!