Giochi e conte per divertire i bambini

di -
0 319

Simu Salentini.

Una, ddoi, ttre,/ a Pippina face u cafè/ e lu face de cioccolata/ a Pippina staje malata./Staje malata cu ddolori/ Scià chiamati mesciu Pippi;/ Mèsciu Pippi sta allu furnu,/sta sse rroste nnu cutugnu;/lu cutugnu se bruciau/ Mèsciu Pippi se sculacchiau.

(I bambini la recitavano in girotondo; poi, alla conclusione, si sedevano di colpo per terra)

Ddarlampa, ddarlampa/se chiove scampa/ scampa, furtuna,/zzìccamene una.

(La nonna teneva la mano aperta con il palmo rivolto verso il basso. Tutti i bambini, che le stavano intorno, mettevano sotto il palmo aperto il dito indice. Intanto  la nonna strofinava il dorso della stessa mano con l’altra, e recitava la filastrocca, alla fine della quale chiudeva rapidamente la mano aperta cercando di afferrare le dita dei bambini. Chi veniva preso, doveva starsene buono per tutto il gioco, con la testa appoggiata sulle ginocchia della nonna).

“Una” issi tittu,/lu cavallu me lu nfittu,/lu cavallu de lu papa/quante corne tene la  crapa?/“Una”/“Due” issi tittu,/u cavallu me lu nfittu,/ lu cavallu de lu papa/quante corne tene la crapa?/“Due”/Tre issi tittu/lu cavallu me lu nfittu,/ lu cavallu de lu papa/quante corne tene la  crapa?/Tre/Tre issi tittu…(la nonna faceva sedere il bambino sulle ginocchia e, imitando l’andatura del cavallo, recitava la filastrocca aumentando sempre il numero da indovinare).

Pìzzuli, Pìzzuli de Martina./a cavallu te a rescina,/a rescina è sciuta a Spagna,/pè ttruvare a castagna,/a castagna e a nucedda/essi fore ca si chiù bbedda.

(Conta ad “esclusione” di chi veniva indicato per ultimo. I bambini si mettevano in cerchio e il capo, recitando la conta, li  toccava con l’indice, uno per uno. Chi veniva indicato per ultimo doveva uscire dal gioco).

Spingula china/farmacina/cima cimante/fienu filante/don Nicola/spata nova/ciucciu palummu/spezza lu chiummu/chiummu chiumminu/essi fori/Giuvanni e Ninu.

(Testi  tratti da “Tesori sommersi” a cura di P. Mazzotta e M.C De Mitri).