Gallipoli, la scure su sette lidi

lido conchiglie 26 8 11 (3)GALLIPOLI. Nuove grane per le strutture degli stabilimenti balneari da mantenere sull’arenile gallipolino per l’intero anno. E per sette gestori di lidi (un altro provvedimento è stato avviato di recente, ma non ancora concluso) dei due litorali ionici arriva la disposizione di rimuovere le parti degli stabilimenti ancora presenti sulla spiaggia. Mentre il Governo sembra allargare le maglie e in Prefettura si studiano le soluzioni concertate per garantire ai balneari di mantenere inalterati chioschi, pedane e pertinenze amovibili, ora il Comune di Gallipoli ha concluso il procedimento amministrativo avviato nell’ottobre scorso e finalizzato a verificare la legittimità dell’autorizzazione paesaggistica annuale e della relativa concessione edilizia. E la disposizione finale per sette strutture al vaglio delle verifiche degli uffici è stata quella di annullare l’autorizzazione paesaggistica rilasciata nel 2012 che di fatto rende nullo anche il permesso a costruire per il mantenimento delle strutture per tutto l’anno. Da qui le determine del Comune che ha invitato i titolari delle concessioni a smontare i lidi nel periodo invernale.

Il tutto è legato anche al procedimento penale del 2011 avviato da parte del Tribunale di Lecce che aveva contestato ai gestori dei lidi la violazione delle norme in materia urbanistica edilizia e paesaggistica e citato in giudizio il Comune come parte offesa. Da quel provvedimento è stato evidenziato che alcuni lidi dal 2010 in poi (forti anche di alcune sentenze favorevoli del Tar) erano rimasti, almeno in parte, montati ininterrottamente sul litorale nonostante la scadenza della originaria concessione edilizia stagionale. In seguito nel 2012 il Comune aveva concesso l’autorizzazione paesaggistica e il permesso a carattere annuale per il mantenimento, ma avendo ora verificato che al momento del rilascio erano state mantenute sulla spiaggia strutture non autorizzate, gli uffici hanno provveduto a revocare quelle autorizzazioni annuali.
Per Lido Zen, La Playa, Banzay beach, Cis Tour, lido Sottovento, Mar y Sol e Mare Azzurro, ora la scure dello smontaggio a pochi mesi dalla riapertura. O il consueto ricorso alle decisioni del Tar.

Commenta la notizia!