liceo quinto ennioGALLIPOLI. Per rammentare al meglio la storia ultra secolare del liceo “Quinto Ennio” è stata organizzata una mostra didattica, funzionale alla ricostruzione dei momenti più significatici della scuola, che si svolge dal 14 novembre al 17 dicembre nell’aula magna dell’istituto. L’iniziativa promossa dal dirigente scolastico Antonio Errico, dal corpo docente e dalla popolazione scolastica, è patrocinata anche dal Comune di Gallipoli su input del commissario prefettizio Guido Aprea.  La mostra dal titolo “150 Anni Liceo Quinto Ennio” si propone di celebrare l’anniversario della nascita del Ginnasio comunale, da cui si è poi sviluppato l’attuale liceo “Quinto Ennio” che oggi comprende l’indirizzo classico, scientifico, delle scienze umane, economico e linguistico e conta 932 studenti, 39 classi e oltre 70 docenti. Nell’esposizione dell’aula magna saranno presenti documenti conservati nell’archivio storico dell’istituto e anche in quello comunale che ripercorrono le tappe fondamentali dei 150 anni di storia dell’istituto partendo dalla fine dell’Ottocento, risalendo al ventennio fascista e giungendo sino alle testimonianze documentali e fotografiche della storia contemporanea.

L’allestimento è stato curato dagli studenti della classe 4°A dell’indirizzo Classico in collaborazione con i docenti, coordinati dalle professoresse Anna Simone e Annamaria Ardito, e come spiega il preside Errico “mira a inquadrare le vicende della scuola nel quadro più ampio della storia locale e nazionale”. L’occasione della mostra fornirà l’opportunità per vecchi e attuali studenti per rivisitare il percorso storico del liceo gallipolino attraverso le antiche  foto dei gruppi scolastici e dei registri. Alcune immagini ritraggono la prima sede del liceo e della presidenza, e della biblioteca nei locali del Rosario. Vi sono testimonianze delle prime aule allestite nei vecchi locali in cui si possono notare i banchi tipici di quell’epoca. Nell’antica sede del centro storico e in quella attuale di Corso Roma sono stati anche rinvenuti alcuni documenti, foto e fonti del ventennio fascista.

Pubblicità

Commenta la notizia!