Fse e Stp assenti al dibattito. Gli studenti: “Ci sentiamo più sfiduciati di prima”

CASARANO.  Si sono svolti regolarmente il corteo e il dibattito di stamattina, organizzati dagli studenti degli istituti superiori sul tema “trasporti e disagi”. Regolarmente si fa per dire. Tutto tranquillo e pacifico, sì, ma con due grandi assenti: i direttivi della Stp e delle Ferrovie del Sud-Est, le due aziende di trasporti invitate a partecipare con la speranza d’avere, per la prima volta, un confronto, e quindi delle risposte. Alcuni studenti hanno provato a contattarle anche via e-mail e con delle telefonate poco prima dell’inizio del dibattito, ma inutilmente.

«Se è vero che il problema è la mancanza di finanziamenti dello Stato – dice Sara Fontò dell’istituto tecnico commerciale “De Viti De Marco” – non si capisce questa scelta di non presentarsi, di non dialogare con noi, esponendo le varie problematiche. Ci sentiamo più sfiduciati di prima». Un sentire condiviso dalla maggior parte degli studenti che hanno preso parte all’iniziativa: «Non si risolverà nulla – commenta Valeria Manfreda del liceo scientifico “Vanini” – Sarebbe ora di bloccare corriere e treni». Più positiva Cristina Baldari del Liceo socio-psico-pedagogico: «Andremo avanti. La presenza e le parole del consigliere provinciale Gabriele Caputo e dell’avvocato Antonio Spagnolo ci fanno ben sperare».

Risultato del dibattito: la Federazione degli studenti e il consigliere regionale Saverio Congedo (Pdl)  hanno proposto di portare la questione a Bari. Se ne discuterà dunque in Regione. Si spera.

Commenta la notizia!