Fratello per Racale e Verghereto

by -
0 758

Frate Vincenzo Minutello

Racale. In occasione della festa patronale del Comune di Verghereto (borgo di circa duemila anime, nei dintorni di Forlì), celebrata nell’ultimo fine-settimana di agosto, la locale Giunta comunale ha intitolato il piazzale che conduce all’Eremo di Sant’Alberico a fratel Vincenzo Minutello, eremita di Racale, che per 44 anni fu attivo in quella zona condividendo il percorso di fede insieme a don Quintino Sicuro, ex finanziere ed eremita di Melissano.

Alla cerimonia, ha presenziato anche una delegazione di Racale, paese che fratel Vincenzo, carrettiere ed agricoltore, abbandonò all’età di 25 anni per seguire le orme di don Quintino sull’Eremo di Sant’Alberico, 1.147mt d’altezza sul livello del mare. Lavorando duramente, i due religiosi contribuirono alla ricostruzione della fatiscente struttura, con il pressoché esclusivo sostentamento delle elemosine dei fedeli. Insieme si recarono a piedi a Lourdes, in pellegrinaggio alla Madonna, viaggiando sprovvisti di cibo e denaro, calzando scarpe ricevute in carità e affidandosi alla Provvidenza per mangiare e dormire.

Dopo la morte di don Quintino (dicembre 1968), fratel Vincenzo, divenuto, intanto, diacono, ereditò il compito di tenere “in vita” l’Eremo, che curò con dedizione estrema sia dal punto di vista strutturale che spirituale, lasciando un indelebile ricordo tra le popolazioni del circondario di Verghereto, tuttora incantate dalla sua umiltà e dal sorriso con cui accoglieva chiunque bussasse alla sua porta. Nel 2006, anno della sua scomparsa, fratel Vincenzo fu seppellito per sua volontà accanto a don Quintino, sull’Eremo.

La comunità del suo paese d’origine si è detta orgogliosa ed onorata di condividere i natali con colui che ha dedicato la sua vita alla preghiera, lasciando vivo in eterno un mirabile esempio di fede e di carità cristiana.

Anche una delegazione di Melissano, guidata dal sindaco Roberto Falconieri, era presente alla cerimonia nel Comune di Verghereto.

A testimonianza di come in tutto il territorio  l’esempio e il ricordo di  fratel Vincenzo siano ancora molto vivi.

MM  

Commenta la notizia!