Festa a Casarano per i 100 anni di Luigi De Nuzzo: l’elisir è l’acqua del rubinetto

Casarano – Festa grande a Casarano per il secolo di vita di nonno Luigi De Nuzzo. Attorniato dal calore della sua famiglia, con i figli Teresa, Bruno e Gianna (questi ultimi due gemelli) e i tanti nipoti e pronipoti, il neo centenario ha tagliato la torta nella sua abitazione di via Piave dove, ancora oggi, vive in piena autonomia. «Nonno Luigi è in piena attività, vive a casa sua e bada perfettamente alla sua vita. ogni giorno – afferma il nipote che porta il suo stesso nome – fa una paio di passeggiate fuori casa e si cucina da se. È in ottima forma e ci tiene a dire che beve regolarmente l’acqua del rubinetto».

Guerra e lavoro Classe 1918, nonno Luigi era un calzolaio prima di partire per la Seconda guerra mondiale. Al termine del conflitto andò poi a lavorare nelle miniere del Belgio, a Charleroi, per poi fare ritornare in paese a fare il calzolaio e pure il barbiere, nel  salone di via Roma. Una decina di anni fa è morta la moglie Filomena Bellisario. Per la giornata di festa è arrivato anche il sindaco Gianni Stefàno per portare, insieme all’assessore Ottavio De Nuzzo ed al consigliere Giovanni Ferrari, gli auguri dell’Amministrazione comunale e in dono una piccola statua di San Giovanni elemosiniere, il patrono della città.

Commenta la notizia!