Portaccio: “Ecco quello che farò”

by -
0 651

Taviano. Abbiamo intervistato il sindaco di Taviano, Carlo Portaccio.

Sindaco Portaccio, il primo mese è già volato via!
«Ci siamo messi immediatamente al lavoro, nonostante le difficoltà economiche che ci siamo trovati da subito, dovute in parte alla riduzione dei finanziamenti statali per circa 300mila euro, e in parte a dei debiti lasciati dalla precedente Amministrazione. Abbiamo già approvato in Giunta il bilancio di previsione, di lacrime e sangue. Abbiamo tenuto fede a degli impegni presi in campagna elettorale come il ripristino della viabilità in via Immacolata e piazza San Martino, fortemente voluta dalla città; la riapertura degli uffici comunali tutti i giorni; l’apertura del secondo ingresso del cimitero comunale. Stiamo ora perfezionando il programma delle manifestazioni estive, sia pur con risorse pari a zero euro; stiamo provvedendo al ripristino del manto stradale; abbiamo inoltre approvato un atto di indirizzo per eseguire alcuni interventi al mercato dell’ortofrutta. Direi che ci stiamo dando da fare. Credo che dal prossimo bilancio potremmo andare avanti con passo più spedito per affrontare tutte le emergenze».

Mercaflor, questione spinosa. Che intenzioni avete?
«Stiamo valutando il da farsi, verificando se esistono le possibilità di un ritorno di una gestione in economia al Comune di Taviano. Dobbiamo vedere se giuridicamente è possibile farlo. Riteniamo sia fondamentale per una ripresa forte dell’economia cittadina».

Come ogni cittadino anche ogni sindaco ha delle aspirazioni. Ci racconta la sua aspirazione più grande?
«Vorrei amministrare in questi 5 anni ascoltando e interpretando i bisogni, i desideri e i sogni della gente, essere aperto alle loro istanze. Vorrei una città pulita, con degli accessi ordinati, belli; vorrei completare l’assegnazione dei lotti in zona Pip, rilanciare il mercato dell’ortofrutta e la farmacia comunale. E, da ultimo, iniziare quel percorso di fusione tra i quattro Comuni (gli altri sono Racale, Alliste e Melissano, ndr), percorso già anticipato dalla gente che mi sembra disposta ad abbandonare i campanilismi per un soggetto più grande. Proviamoci, solo così possiamo valutarne la fattibilità».

La precedente Amministrazione iniziò a parlare di Taviano Città della Cultura. Cosa ne pensate?
«E’ un’idea che bisogna riprendere. Taviano ha una lunga tradizione di appuntamenti a sfondo culturale, come la Stagione Teatrale, tradizione che noi vogliamo far proseguire e magari rafforzare. Importantissima sarà in tal senso la collaborazione dei privati. In sintesi siamo aperti ad ogni iniziativa seria che contribuisca alla crescita dell’identità culturale della Città di Taviano e dei tavianesi».

È ingombrante un vicesindaco come il plurivotato Giuseppe Tanisi?
«Per niente…anzi, fa piacere collaborare con Giuseppe, in fondo lo facciamo dal 1997. Sono stato il suo vicesindaco dal 2001 al 2006 e l’ho fatto con correttezza, e lui farà altrettanto con me. La città voleva che noi restassimo uniti e così è stato. Con lui siamo d’accordo su tutto e le sue deleghe sono importanti, segnale di fiducia piena».

Carlo Pasca

Commenta la notizia!