Matino – Derby di un antico sapore tra due squadre di giovanissimi, la Virtus Matino (reduce da un doppio salto di categoria, dalla Terza alla Prima), e la Soccer Dream Parabita (appena salita in Seconda). Con un finale drammatico ma che per fortuna si è risolto entro poche ore. Questo pomeriggio a Matino si è svolto il primo incontro di Coppa Italia: primo turno e prima partita particolare per le rivalità che hanno contrassegnato le compagini calcistiche che si sono succedute nel tempo.

Sarà per la giovane età dei patron – Cristina Costantino da un lato e Fabio Vinci dall’altro – o per il comune interesse a scovare piccoli talenti da far crescere, la gara è andata via tranquilla col Matino che ha messo per tre volte la palla dietro le spalle del portiere del club parabitano. Con un drammatico epilogo che poteva aprire la strada ad una vera e propria tragedia dello sport ma che, per fortuna, si è risolto in un grande spavento, protagonista il portiere della Soccer Dream, Giulio Greco (foto). Durante un normale scontro di gioco quando mancavano pochi minuti alla fine della gara, il ragazzo si è accasciato al suolo e per alcuni istanti non ha dato più segni di vita. Con l’ambulanza del 118 il calciatore si è ripreso mentre veniva trasportato all’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Lì i sanitari gli hanno riscontrato una forte contusione al capo ma niente di più.

Ecco come raccontano il brutto episodio i suoi compagni della Soccer Dream Parabita: “Il derby di Coppa Puglia, disputato oggi al via del Mare, fra Polisportiva Virtus Matino e Soccer Dream Parabita, non lo ricorderemo per il risultato, 3 a 0 per la squadra di casa, o per qualche bella giocata che i giocatori hanno regalato al pubblico. La nostra emotività è stata completamente assorbita quando, a cinque minuti dal termine, il giovane portiere della Soccer Dream, Giulio Greco, è rimasto in terra privo di sensi, dopo essere caduto pesantemente sul terreno, in seguito a uno scontro di gioco. Immediato l’intervento di avversari, compagni e componenti delle panchine, con il pubblico di ammutolito, con il giocatore che non dava alcun segno di movimento. Greco è stato trasportato a Lecce dall’autoambulanza accompagnato dal caloroso applauso di tutti i presenti. I primi accertamenti hanno scongiurato problemi seri, al di là della forte contusione. “Roccia” potrebbe essere dimesso in serata e presto tornerà a volare!”.

Pubblicità

Subito sulle reti sociali sono fioriti messaggi affettuosi e augurali(ma anche di paura per il pericolo scampato): da parte di tutto lo staff della Polisportiva Matino, dai tanti amici: “Forza campione, ti apettiamo più forte di prima in campo!”, è uno di questi. Inviti a guarire presto ed a tornare tra i pali sono giunti anche da altri  sodalizi, dalla Gioventù calcio Cutrofiano al Capo di Leuca, alla Polisportiva Neviano.

Pubblicità

Commenta la notizia!