Dallo scippo alle manette

di -
0 714

Il carcere di Borgo San Nicola a Lecce

Casarano. Crescono i rapporti tra i paesi visini e Casarano, ma purtroppo non si tratta di relazioni virtuose. Dopo l’estorsore di Parabita, il 43enne Biagio Toma, noto già alle forze dell’ordine, prelevato dai carabinieri proprio mentre intascava denaro in uno studio di Casarano, ecco una matinese in azione.

Nei giorni scorsi una giovane donna, S.N. di 27 anni di Matino, ha cercato di fare il “colpo” della giornata ai danni di una pensionata.

Tutto si è svolto nel primo pomeriggio in pieno centro cittadino. La giovane si è avvicinata alla 71enne mentre quest’ultima era in procinto di salire nella sua auto. A prima vista, sembrava una persona alla ricerca effettiva di informazioni, ma considerati gli sguardi insistiti all’interno dell’abitacolo della vettura, l’obiettivo evidentemente doveva essere altro. Infatti mentre ancora l’anziana forniva la risposta richiesta, la donna matinese le ha strappato dalle mani la borsa ed è scappata via.

La fortuna (e la sfortuna per la ladra) ha voluto che poco distante vi fosse una pattuglia dei carabinieri intenta a svolgere i normali servizi di prevenzione. I militi, non appena rinvenuta la segnalazione, si sono messi in movimento.

Le ricerche hanno quasi subito portato a rintracciare la 27enne, che nel frattempo si era però disfatta della borsa contenente 20 euro, documenti, il telefonino ed altri oggetti personali.
Poco dopo è stata rinvenuta anche la borsa e tutto è tornato alla legittima proprietaria.
Con l’accusa di “furto con strappo” la donna è stata arrestata dai carabinieri di Casarano (stazione e Compagnia) e portata nel carcere di Lecce.

Commenta la notizia!