Cultura e natura fanno soldi

Gallipoli. Sono iniziati il 10 settembre e sono andati avanti fino al 12 presso i locali del mercato coperto e del chiostro di San Domenico, nel centro storico, i primi laboratori di “progettazione partecipata” del Sac (Sistema ambiente e cultura) “Salento di mare e di pietre” dal titolo: “Il futuro è farina del tuo Sac”. Tutti insieme per la prima volta si sono riuniti  amministratori pubblici, cittadini, associazioni ed enti di promozione culturale, sociale e turistica, imprese ed esperti di progettazione culturale; suddivisi in quattro laboratori specifici, si sono messi a pensare insieme come realizzare e valorizzare con una gestione integrata i 23 beni ambientali e culturali del Sac, per poi giungere alla redazione di proposte concrete ed economicamente utili.

“Il racconto del Sac”, “Gli spazi della cultura”, “ La mobilità lenta e sostenibile” e “La gestione sostenibile” le sezioni del Sistema creato intorno all’iniziativa del Comune di Sannicola e dell’allora Sindaco Giuseppe Nocera. Il “Salento di mare e di pietre”, comprende Gallipoli con il parco regionale Isola di sant’Andrea e il Litorale di Punta Pizzo, Alezio, Alliste, Aradeo, Collepasso, Matino, Melissano, Neviano, Parabita, Racale, Sannicola, Seclì, Taviano e Tuglie,  prevede la realizzazione di allestimenti di  servizi culturali in musei, biblioteche, castelli e palazzi; laboratori didattici per la costruzione di un racconto dei beni e del territorio interessato e di servizi per il cicloturismo per i prossimi 5 anni. Il lungo percorso di costruzione del Sistema ambientale e culturale entra ora nella sua fase più importante, cioè l’assegnazione dei finanziamenti attraverso bandi di gara per la realizzazione delle singole azioni.

Commenta la notizia!