Capodanno a Gallipoli, aspettando lo sparo

GALLIPOLI. Sarà un fine d’anno  movimentato, ricco di eventi che vanno ben oltre la lunga notte del 31 dicembre quello che accoglierà i turisti in visita nella Città Bella.  L’appuntamento con la tradizione dei classici Pupi di Cartapesta, antico rito propiziatorio, unico nel Salento, per scacciare le negatività del vecchio anno e accogliere il nuovo, si arricchisce di tante novità e abbraccia l’intera settimana.

Due i grandi sodalizi che si sono spesi, in collaborazione con l’Amministrazione comunale del sindaco Errico e con l’aiuto di numerosi sponsor,  per offrire ai cittadini e ai visitatori un ampio programma per godere dei giorni di festa. “Happy new year festival”  a cura delle associazioni “Fideliter excubat” e “Off limits” partirà giorno 20 con il “Villaggio di Babbo Natale” dedicato ai bambini. Fino al 26 in piazzale Bovio, un’isola fantastica accoglierà i piccoli ospiti tra giostre gonfiabili, spettacoli e  animazione. Il 30 e 31 dicembre seguirà l’esposizione del Pupo di Capodanno presso il Piazzale Stazione mentre il 31 allo scoccare della mezzanotte accensione del Pupo con  spettacolo pirotecnico.

Per accogliere il nuovo anno in allegria in Piazza Tellini spettacolo della musica italiana del Festival bar Italia con Vanny deejay & Fabio Marzo, Lele D.Stifler e le Ragazze Italiane. Denso anche il cartellone de “I Cantieri del Capodanno” che  da anni mantengono viva  questa tradizione, realizzando i Pupi in cartapesta dislocati nei vari quartieri della città: Ampalea dei leoni, Gruppo Agriger, Staff via Varese, Staff centro storico, Staff via Savonarola, Staff via Arditi. La manifestazione è organizzata anche con il patrocinio di Pro loco e Regione Puglia. Lo scopo de “I Cantieri”  è quello di gettare le fondamenta per le nuove generazioni affinché si tramandi la tradizione.

Il 27-28 dicembre si parte con “Il Corso dei Giganti in Cartapesta” esposizione dei tradizionali Pupi presso Corso Roma; il 29 e 30 “Le Notti dei Pupi” con installazione e mostra delle opere nei rioni; il 31 dicembre lo sparo nelle contrade d’origine allo scoccare della mezzanotte. In piazza Tellini proseguirà la festa con Antonio Castrignanò in concerto nel suo “Fomenta Tour”.  L’artista salentino, voce e tamburo de “La Notte della Taranta”, ha suonato e collaborato con artisti di fama mondiale, da Stewart Copeland a Goran Bregović, da Mercan Dede a Ludovico Einaudi.

Commenta la notizia!