Home Authors Posts by Redazione

Redazione

8093 POSTS 0 COMMENTS

GALLIPOLI. Andava in giro con un fucile a canne mozze e cartucce il 42enne Stefano Della Rocca, arrestato nella notte dai poliziotti del commissariato di Gallipoli. Non è stato facile incastrare l’uomo, noto pregiudicato, che all’alt degli agenti ha risposto dandosi alla fuga e cercando di sbarazzarsi – invano – di un borsone contenente l’arma, con matricola cancellata e tre cartucce. Tutto è cominciato intorno alla mezzanotte scorsa quando un gruppo di giovani sul lungomare Galilei ha avvicinato la pattuglia della polizia per raccontare di aver udito, nei pressi dei furgoni ambulanti dediti alla vendita di cibi e bevande, due colpi di arma da fuoco. Ad un primo controllo Della Rocca, che stava bevendo una birra in uno di quei tavolini, se l’è cavata, non risultando alcunché a suo carico. Ma i poliziotti sono rimasti in zona per entrare in azione nuovamente quando l’uomo ha preso la Panda che solitamente usava per i propri spostamenti per dirigersi in via Udine; all’incrocio tra via della Provvidenza e via Arene è stato intimato l’alt a cui Della Rocca ha risposto iniziando una fuga disperata in ia Brindisi e quindi in via Gandhi; sul cavalcaferrovia prima dello stadio ha buttato dal finestrino un borsone con dentro il fucile marca Bernardelli e tre cartucce; il contenitore è stato subito recuperato dai poliziotti che hanno bloccato l’uomo nei pressi dello stadio comunale. Con l’arresto sono scattate le accuse di detenzione abusiva di arma clandestina e spari in luogo pubblico. Il pregiudicato guidava nonostante la patente gli fosse stata sospesa dalla Prefettura. L’operazione ha avuto il suo epilogo quando gli agenti, tornati nell’area retrostante il furgone dei panini hanno rinvenuto in un cestino dei rifiuti due cartucce già usate, i cui scoppi molto probabilmente erano stati uditi dai giovani che poi avevano dato l’allarme.

by -
0 282

Turisti nel centro storico

GALLIPOLI. Comuni mobilitati per partecipare al bando da 16 milioni della Regione per realizzare manifestazioni attraenti da ottobre a maggio prossimi, cioè in “bassa stagione” dal punto di vista turistico. Nei giorni scorsi Castrignano del Capo, con Leuca e Patù e Gagliano hanno sottoscritto un accordo per concorrere insieme a questa operazione di destagionalizzazione del flusso dei visitatori, finora troppo concentrato nei due mesi estivi. Gallipoli ha invece tenuto un incontro con i vertici di “Puglia promozione”, agenzia della Regione, per definire alcuni ambiti di fondo. Tutti i Comuni in gara devono però fare i conti con i tempi tecnici  necessari alla preparazione di progetti il più possibile adeguati allo scopo, mentre la Giunta regionale preme per varare l’avviso pubblico al più presto e poter iniziare il programma di eventi già da ottobre. Il cronoprogramma regionale, qualora venisse attuato, costringerebbe le macchine burocratiche comunali a funzionare a pieno regime in agosto, quando già la quotidianità assorbe molte delle risorse disponibili, come si può riscontrare nelle località turistiche più affollate tipo Gallipoli. Queste difficoltà sono state fatte presente ai dirigenti regionali che però premono per assegnare il prima possibile i fondi agli Enti locali che risulteranno vincitori. Un dilemma che denota, al di là dell’esito finale, una insufficiente programmazione su di un tema così delicato ed a lungo perseguito: spalmare i villeggianti che desiderano venire nel Salento lungo un arco di tempo che duri un intero anno.

PRESICCEFa tappa al palazzo Ducale di Presicce la mostra di pittura “Trans Oppidum” con le opere di Sophia Cull. La personale è allestita da domenica 23, alle 20, presso la Sala del trono in piazza del Popolo. Si possono ammirare oli su tela e lavori su organza realizzati dall’artista tedesca di recente apprezzata anche a leuca (presso le Scuderie di Villa la Meridiana). «È dal 1978 che torno in Puglia, a Morciano di Leuca, diventata per me una seconda patria. Amo questi luoghi per gli amici di gioventù e per la loro natura sempre affascinante. Anche l’idea dei miei quadri su organza è nata qui. Si tratta di successivi strati di organza lavorata con stampa e pittura, in cui sullo strato di stoffa iniziale ne viene sovrapposto un altro che nasce per questo dalla trasparenza di ciò che si intravede», afferma l’artista.

San Mauro

SANNICOLA“Fotografando sotto le stelle a San Mauro” è l’appuntamento di domenica 23 luglio promosso dalla Pro loco di Lido Conchiglie con il patrocinio del Comune di Sannicola. L’obiettivo è quello di “promuovere il territorio tramite l’arte della fotografia”, fanno sapere i promotori. Si tratta di un workshop fotografico, promosso in collaborazione con il team Milkywayhunters, presso l’abbazia di San Mauro. Durante la serata sarà pure possibile osservare il cielo tramite telescopi. Nell’iscrizione (informazioni ai numeri 349/7774344 o 0832/209019) è inclusa una cena a buffet presso la “Braceria Casolare”.

La Busacca

CASARANOAl via a Casarano la prima edizione della rassegna “ViviAmo il teatro”, organizzata dalla Scuola paritaria internazionale San Giovanni elemosiniere e curata della compagnia “La Busacca”. Si parte domenica 23 luglio con “La Fortuna con la effe maiuscola”, commedia in tre atti composta da Eduardo De Filippo nel 1942. Il 27 agosto, invece, andrà in scena “L’isola degli schiavi”, commedia in due atti, scritta nel 1725 da Pierre de Marivaux. Il cartellone sarà chiuso il 2 settembre dallo spettacolo «Caro Totò», un omaggio al principe della risata. Tutti gli appuntamenti si terranno nell’atrio della scuola di via Cavour, con sipario alle 21 ed ingresso libero.

 

Sara Vita Felline

I Malfattori

MATINODivertimento e solidarietà per la serata organizzata domenica 23 luglio,alle 21, presso il Villaggio del fanciullo di Matino. Anspi e Triacorda propongono il cabaret dei Malfattori e altre sorprese, tra le quali la prevista partecipazione del talento di casa Sara Vita Felline, per sostenere l’ospedale pediatrico del Salento. “Insieme per regalare un sorriso” è il titolo della manifestazione. Il biglietto (tre euro in prevendita, quattro all’ingresso) comprende il posto a sedere durante lo spettacolo e la partecipazione all’estrazione dei premi messi in palio grazie alla disponibilità di alcuni sponsor.   

CASARANOTra Palazzo De Donatis e la chiesetta di Santa Maria della Croce le serate musicali estive proposte a Casarano dall’associazione culturale “Archeo Casarano”, in collaborazione con Comune e Pro loco. Il via domenica 23 luglio, alle 22, presso la storica dimora di via Roma con i Daltonic Blue (Chiara Fersini, Antonio Pappadà, Emanuele Piccinni, Ruggero Maglie, Giuseppe Maglie), giusto equilibrio tra “new wave” e “trip-hop” con venature Rock Indie. Insieme a loro i Camden, nel ruolo di special guest, che presenteranno alcuni brani del loro terzo album in uscita nei prossimi mesi. Il 13 agosto, sempre a Palazzo De Donatis, di scena “La municipàl” ed il 25 agosto, a Casaranello, il concerto d’arpa di Angela Cosi.

Davide Barletti

Matteo Greco

Fabrizio Saccomanno

TAVIANOPrende il via nel centro storico di Taviano la rassegna “Girodicorte” organizzata dalle associazioni Vittorio Bachelet, la Piazza e Terre Bruciate. Tanti gli eventi e le serate in programma fino a settembre. Di fila le prime tre serate. Si inizia domenica 23 luglio, alle 21 presso corte Melica, con “Da grande voglio fare il Meridione” concerto poetico di Matteo Greco  con lo stesso autore e Daniele Vitali. Lunedì 24, alla 21 in corte Garibaldi, altra serata con il film “La guerra dei cafoni” di Davide Barletti  e Lorenzo Conte cui seguirà il dibattito con il regista Barletti. Martedì  25, sempre alle 21 in corte Garibaldi, teatro con “Gramsci, Antonio detto Nino”, di Fabrizio Saccomanno e Francesco Niccolini. Le serate prevedono mostre fotografiche, consultazione di libri su Taviano e dintorni, dirette streaming e “la piazza web” oltre a visite guidate nel centro storico.

GALLIPOLIBen 14 violazioni nell’occupazione di suolo pubblico sono state rilevate a Gallipoli, nella sola giornata di ieri e lungo il solo corso Roma, dalla locale Polizia municipale. I vigili intervenuti hanno riscontrato varie anomalie fino all’occupazione senza titolo autorizzativo per alcuni locali  commerciali. Un controllo che proseguirà con regolarità, anche in altre zone della città, come garantito dal sindaco Stefano Minerva: «Sono veramente orgoglioso dell’ottimo lavoro che il corpo di Polizia  Municipale sta svolgendo in un periodo così critico e in cui è più  facile, più del solito, puntare il dito. Sono state riscontrate anomalie  in molti locali e ciò mi lascia perplesso. L’occupazione del suolo  pubblico illecita mi sconforta, nonostante tutti i ripetuti appelli ad  attenersi alle regole». L’invito rivolto agli esercenti commerciali è quello di “attenersi alle regole e alla legge”. Intanto per la festa patronale di Santa Cristina, dal 23 al 25 luglio, entra in vigore l’ordinanza che vieta la vendita di alcolici e altre bevande nelle bottiglie di vetro nelle aree interessate dalla festa e nel raggio di 500 metri dalle stesse. La zona in questione è quella compresa tra corso Roma, via Foggia, viale Bari e l’area sterrata a fronte del parcheggio del cimitero. La finalità è quella di garantire il decoro della città, con riferimento alla prevedibile dispersione delle bottiglie vuote, e la sicurezza per possibili “usi impropri” delle stesse. Per tale motivo sarà vietata agli esercenti (anche con distributori automatici) e agli  operatori autorizzati all’esercizio del commercio su area pubblica. Tali direttive sono contenute nella circolare dello scorso 6 luglio emanata dal Ministero degli Interni.

La motozappa rubata e poi ritrovata

La Stazione dei Carabinieri a Tricase

Carabinieri di Tricase

TRICASE. Furto di motozappa con finale a sorpresa a Tricase Porto. I carabinieri della locale Stazione sono, infatti, riusciti a rintracciare l’attrezzo agricolo che era stato rubato all’alba del 19 luglio da un’abitazione della marina. Dopo la denuncia del proprietario, i militari si sono orientati sul 52enne (del posto) P.M. il quale nei giorni precedenti il furto era stato notato nei pressi dell’abitazione in questione. Con somma sorpresa del legittimo proprietario della motozappa, quest’ultima non solo è stata ritrovata dai carabinieri ma gli è stata restituita pure con gli ingranaggi perfettamente oliati. Altro intervento dei militari a Miggiano dove il 44enne del posto D.S.D. nel corso dell’attività di volantinaggio si è impadronito di un cellulare (270 euro il suo valore) distrattamente lasciato incustodito all’interno di un furgone. A riprendere il furto è stata, però, la telecamera di un impianto di videosorveglianza e così i carabinieri hanno potuto identificare l’autore del colpo. L’uomo, però, immaginando che qualcosa non fosse andato per il verso giusto, si è disfatto del telefonino. A risarcire il derubato ci ha pensato il proprietario della ditta dove lavora il 44enne che, venuto a conoscenza dell’episodio, ha voluto risarcire la vittima del danno economico subito.  

GALLIPOLI. Arriva il potenziamento del servizio rifiuti che durerà fino al 15 settembre. Nelle prossime ore la Giunta dovrebbe dare il via libera ufficiale alla nuova concessionaria del servizio, la “Gial Plast srl” di Taviano con partner lombardo, che ha fatto presente queste necessità per la stagione estiva, quantificando la somma necessaria in 106mila euro circa. Con questi soldi la ditta assumerà 12 operatori ecologici nei mesi di luglio e settembre e 21 in agosto; inoltre per l’intero periodo s’impiegheranno altri cinque automezzi tra compattatori e vasche-costipatori. Come si ricorderà, i vincitori della gara per il servizio rifiuti nell’Aro 11 di cui Gallipoli è capofila opereranno in via provvisoria fino alla sottoscrizione del contratto da parte dello stesso Ambito rifiuti ottimale. Il potenziamento di cui si occuperà presto la Giunta guidata dal Sindaco Stefano Minerva, prevede un aumento pari al doppio della frequenza dello svuotamento dei cassonetti a caricamento laterale per plastica e carta mentre sarà triplicato in agosto; la raccolta di vetro e del “porta a porta” sarà di tre giorni la settimana in luglio e in settembre, ma ad agosto sarà di sei giorni (era previsto solo un intervento settimanale); le “campane” saranno svuotate del litorale sud per il vetro saranno liberate dal loro carico appena risulteranno sature. Infine i servizi pomeridiani sulla litoranea nord  saranno svolti da un autocompattatore; un altro automezzo simile opererà sulla litoranea sud e a Baia verde. Lo svuotamento dei cestini in centro città sarà quotidiano nella fascia oraria dalle 18 alle 22.

CASARANO. Nuova serata di disinfestazione a Casarano. A causa della rottura del mezzo nebulizzante, l’intervento programmato nella notte tra giovedì e venerdì è stato interrotto e, dunque, la prevista disinfestazione contro mosche, zanzare e blatte sarà effettuata questa sera a partire dalle ore 23. Resta sempre valido il consiglio di chiudere porte e finestre della abitazioni e di ritirare i panni stesi. Il calendario  messo in atto dalla Igeco costruzioni spa, la società che svolge il servizio di igiene urbana in città, prevede il prossimo intervento sul territorio comunale e le aree verdi nella notte tra il 10 e l’11 agosto.

 

NARDÒ. Alba particolarmente movimentata quest’oggi al campo dei braccianti migranti di località Boncuri. Alle prime luci del mattino sul posto dove ci sono oltre 300 lavoratori censiti (non si sa quanti siano quelli non registrati) sono arrivate numerose pattuglie di poliziotti, alcuni anche in borghese, e sono cominciati i controlli a tappeto. Lo scopo evidentemente è quello di individuare eventuali rapporti di lavoro anomali – al limite della schiavitù  come accertato in una recente sentenza riguardante gli anni intorno al 2010 – o presenze estranee al mondo del lavoro ma che di quello di nutrono incrociando persone con assoluto bisogno di lavoro e richieste di manodopera. L’operazione è andata avanti fino a dopo mezzogiorno. Non si conoscono altri particolari che sicuramente la Questura di Lecce renderà noti nelle prossime ore. Il massiccio intervento viene dopo alcuni giorni in cui prima il camper per la legalità della Cgil, poi  una commissione del Consiglio italiano per i rifugiati hanno riscontrato nel campo poco lontano da Masseria Boncuri una situazione ormai al limite e addirittura “terra di nessuno”, con presenze quotidiane di persone conosciute come caporali.

Foto di archivio

Foto di archivio

GALLIPOLI. Una “accensione musicale” tutta nuova ed originale sarà lo spettacolo di apertura – che poi si replicherà nel corso delle tre serate con scansioni di un’ora – della 150ma festa di Santa Cristina, compatrona di Gallipoli. Si chiama “Firmamento”  ed è una favola ispirata alla “Steddha te santa Cristina” con protagonista Sirio, la stella più luminosa che corona la costellazione del Canis major. Un astronomo la segue e la studia da anni. Nella sua ricerca viene abbagliato proprio dalla sua luce, che lo fa sentire parte di sé, fino a trasformarlo nella silente notte astrale in un essere umano al quale Sirio regalerà il potere che gli permetterà di entrare nel mistero del creato e della via luminosa delle stelle. A tale richiamo risponderanno altre costellazioni che doneranno alla terra la luce magica delle stelle e daranno il via al periodo di Gran caldo sul pianeta.
Partiti col proposto di rispolverare gli “antichi fasti”, i componenti il comitato  hanno cominciato da qui. “Abbiamo voluto dare nuova vita alle luminarie, che già danno spettacolo di sè qui nel Salento – dicono – creando uno spettacolo per l’ occasione della festa di Santa Cristina, in maniera da rendere la nostra festa tutta nuova e differente da altre. Nella speranza che  questo momento diventi un appuntamento fisso sempre in crescita e magari con nuovi stimoli artistici che caratterizzeranno la Festa di Gallipoli per antonomasia”. Col direttore artistico Alberto Greco, il presidente Benito Carrozza e gli altri membri ne hanno parlato in una conferenza stampa questa mattina, una volta superati gli ultimi intoppi dettati dalle nuove norme di sicurezza e antiterrorismo, riguardanti la viabilità sul tratto terminale di corso Roma. Il Sindaco Stefano Minerva e l’assessore Emanuele Piccinno li hanno ringraziati, senza dimenticare i responsabili dei vari settori del Comune che si sono attivati in merito, il comandante della Capitaneria di porto, fino al sostegno di don Piero De Santis e don Gigi De Rosa. “Sarà la festa più bella degli ultimi dieci anni”, ha detto Minerva, ricordando che in pratica dietro c’è quasi un anno di lavoro.
Tra le altre novità, che ovviamente s’incastrano con la forte devozione verso la santa, c’è il ritorno dei fuochi a mezzogiorno e quelli spettacolari dal molo del porto  la sera del 25. “Abbiamo colmato un vuoto con l’accensione personalizzata e adeguata a Gallipoli”, afferma il presidente Carrozza, che racconta come persino cambiare il palo della Cuccagna (“rottosi dopo 25 anni, era di mio nonno”), ha incontrato difficoltà inattese; alla fine ne ha trovato uno adeguato in Calabria, undici metri di castagno che anche quest’anno vedrà tra gli animatori lo “storico” Giuseppe Siciliano. La “villa” irrorerà di luci tutto il corso quest’anno e nel centro storico cinque balconi antichi saranno addobbati con fiori e piante. La processione tradizionale sosterà vicino alla chiesetta appena restaurata; lì il coro intonerà una preghiera scritta da Andrea Casole dal titolo “Salve, dolce Cristina”.
“Speriamo che vada tutto bene”, l’augurio finale. Non senza un piccolo rimprovero ai concittadini dal braccino corto (“ma l’80% dei commercianti ci ha sostenuti”) e qualche gesto di rabbia fuori luogo per gli inevitabili disagi durante il montaggio delle parazioni luminose da aprte della “Massimo Mariano luminarie”.

by -
0 370

Schiavi moderni d'Italia: se ne discute il 21 luglio ad Alezio con Cat - Codici di Avviamento Territoriale

ALEZIO. Sarte, braccianti, parcheggiatori, vigilanti: sono tanti i volti della schiavitù in Italia, circa 130mila. A parlarne è Leonardo Palmisano nel suo “Mafia caporale”, edito da Fandango, un viaggio dal Nord al Sud d’Italia per raccontare storie di lavoro e sfruttamento. Dell’intreccio di caporalato e impresa si discuterà venerdì 21 luglio ad Alezio presso il Parco Vittime delle Mafie, alle ore 20, con “Schiavi di oggi. Presentazione di Mafia Caporale.”, evento promosso dall’associazione Cat – Codici di Avviamento Territoriale e realizzato con il patrocinio del Comune di Alezio. Durante l’incontro, che vede la presenza dell’autore e sociologo Palmisano, interverrà anche Antonella Perrone, segretario generale di UILTuCS Lecce (Unione Italiana Lavoratori Turismo Commercio e Servizi) che spiegherà perché le organizzazioni criminali abbiano interesse ad investire in settori come il turismo, i servizi ed il commercio. Modera Fernando D’Aprile, direttore di Piazzasalento.

“Appare chiaro che, benché la recente Sentenza Sabr abbia formalmente riconosciuto l’esistenza della schiavitù agricola – dichiara Armenia Cotardo, presidente di Cat – c’è ancora un’Italia intera da bonificare da quella perversa assenza di morale che porta a considerare l’essere umano una scontabile merce di scarso valore ed auspichiamo che momenti di riflessione come quello che stiamo organizzando contribuiscano in tal senso”.

Inaugurazione del Presidio sanitario estivo a Gallipoli

GALLIPOLINuovo Presidio sanitario estivo a Gallipoli in via Sant’Angelo, nel cuore del centro storico. Sono così in tutto 22 i punti di assistenza predisposti dalla Asl Lecce lungo la costa salentina. A Gallipoli l’altro presidio è sul lungomare Marconi, all’ingresso monumentale del vecchio ospedale. In più, sul lungomare Galilei è in servizio un’ambulanza h24. La finalità di tali “guardie turistiche” è quella di garantire un’assistenza sanitaria di base evitando, nel contempo, di ingolfare i Pronto soccorso degli ospedali.  In via Sant’Angelo, in particolare, è prevista una turnazione con sette medici in attività ambulatoriali 24 ore al giorno. «Avere un ulteriore presidio sanitario – afferma il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva – risponde alla necessità dettata dal fatto che Gallipoli, più di ogni altra località turistica del Salento, ha un afflusso turistico imponente, con una popolazione che d’estate passa da 21mila abitanti a oltre 200mila. L’Amministrazione comunale ha messo a disposizione i locali idonei e l’Asl ha prontamente fornito la strumentazione sanitaria e il necessario personale». Al sindaco fa eco il direttore generale della Asl, Silvana Melli: «Grazie a questa collaborazione operativa con l’Ente locale si riesce ad assicurare a residenti e turisti un’assistenza sanitaria per le necessità di minore gravità, mentre per le emergenze vere e proprie si può fare ricorso al servizio 118 e al Pronto soccorso dell’Ospedale di Gallipoli. Un’offerta sanitaria completa, dunque, e in grado di garantire un’estate più sicura a tutti: in caso di bisogno, trovare un medico sarà molto più semplice». All’inaugurazione di mercoledì 19 luglio sono intervenuti alcuni amministratori comunali, il direttore medico dell’Ospedale di Gallipoli, Egidio dell’Angelo Custode, e il direttore del Distretto socio sanitario, Roberto Vergaro.

TAVIANO. Appuntamento il 24 settembre per applaudire il ritorno ai vertici nazionali della pallavolo a Taviano. Il calendario appena sfornato dalla Federazione prevede per l’ultima domenica di settembre l’esordio interno della Pag contro il Mondovì nel girone Blu di serie A2. I progetti della società nelle parole del dirigente Stefano Gaetani che chiama a raccolta i tifosi: «Dopo anni di lavoro costante siamo entusiasti di riproporre a Taviano un’altra esperienza di livello nazionale come la A2 che non rappresenta solo una vetrina sportiva di assoluto prestigio ma, siamo certi, sarà in grado di trasformarsi in un volano di sviluppo per tutto il territorio». Il riferimento è alla rete di collaborazioni, tutte “Made in Salento”, alla quale si sta lavorando. L’ultimo acquisto, intanto, è quello dello schiacciatore statunitense 24enne Gabriel Vega. Altri tesserati delle ultime ore sono anche Matteo Beltrami e Giacomo Percoco. Dei giorni scorsi il colpo delnazionale spagnolo Francisco Ruiz.

Enza Prestia

LIDO CONCHIGLIE. Aperitivo “Agri-culturale” al Salento Bike Cafè di Lido Conchiglie, venerdì 21 luglio alle 19.30, con la presentazione della guida “Salento a KM0”. Si tratta di un vademecum sula biodiversità agricola locale e i produttori naturali e solidali della provincia di Lecce. A seguire il concerto di Enza Prestìa che propone un particolare incontro tra lo spirito popolare del suo essere figlia di emigranti e la forza sudamericana del suo luogo di nascita (Buenos Aires). Accompagnata da percussioni e chitarra, la sua voce calda e unica, dal temperamento di fuoco, esprime meravigliosamente la creatività, l’energia, la festa esternando la bellezza dell’universo femminile. Enza presenterà il suo album “Lunática”: un viaggio nel mondo della determinazione femminile, con brani che incarnano la donna legata alle tradizioni e ai tempi primordiali. Le musiche “contaminate” dalle vite tramandate dai padri e arricchite dalle forme più sensuali della musica popolare italiana e sudamericana, in un connubio di melodie nuove che spaziano e percorrono due continenti.

by -
0 143

Lorenzo Siciliano

NARDÒ. “Case dell’acqua, perché non riprendere e realizzare quando deciso dalla precedente Amminstrazione?”: la proposta viene da chi – il consigliere comunale Lorenzo Siciliano (Pd) – nell’aprile 2015 chiese attenzione su questo tema, poi accolto un anno dopo circa dalla Giunta di Marcello Risi che ne previde quattro.  “Proposi di installare nel nostro territorio le case dell’acqua che quella Giunta ubicò in via Alcide De Gasperi, in viale della Libertà, una a Santa Maria al bagno in via Lamarmora, ed un’altra a S. Isidoro. Il progetto della casa dell’acqua – rileva Siciliano – costituisce un percorso educativo sotto il profilo ecologico, economico e sociale, in quanto il riutilizzo delle bottiglie dell’acqua permette di contenere, alla fonte, la produzione di imballaggi e la conseguente riduzione della produzione di plastica. Inoltre realizza una diminuzione della spesa delle famiglie, derivante dall’acquisto di acque imbottigliate. Infine, permette di riavvicinare la cittadinanza all’acquedotto quale bene pubblico, tenuto conto che il consumo dell’acqua potabile viene garantito dai continui controlli effettuati dall’azienda sanitaria locale in relazione agli standard di qualità e sicurezza”. Il consigliere Siciliano annuncia una richiesta per riunire l’apposita commissione “per ribadire quello che fu un indirizzo ben preciso su questo tema, invitando la Giunta municipale a prendere atto della delibera già approvata, dando il via all’installazione delle case dell’acqua nelle zone della nostra città già stabilite”.

Ordine ingegneri

NARDÒRaffaele Dell’Anna, di Nardò, è il nuovo presidente dell’Ordine degli ingegneri della provincia di Lecce. L’elezione, all’unanimità, è avvenuta nel corso della prima riunione del nuovo Consiglio: Giuseppe Coluccia (di Lecce) è il vice presidente vicario, Francesca Felline (Lecce) vice presidente, Anna Paola Filieri (Lequile) segretario e Nicola Giordano Bruno Santoro ((Cursi) tesoriere. Del Consiglio fanno parte anche Marco Cataldo (Parabita), Lorenzo Conversano (Alezio), Nicola Fiore (San Cesario di Lecce), Angelo Miglietta (Cavallino), Serena Pagliula (Nardò), Mauro Pellè (Lecce), Marco Pisanello (Taviano), Anna Maria Riccio (Copertino), Paolo Stefanelli (Lecce) e Simone Valzano (Trepuzzi). Il presidente Dell’Anna ricorda che “la grande partecipazione alle elezioni degli iscritti rappresenta uno stimolo verso la categoria e per l’attuazione di un programma che è il risultato condiviso da tutti i consiglieri”. I punti più significativi di tale programma passano dalla promozione e organizzazione di eventi per valorizzare il ruolo sociale dell’ingegnere, l’attività di affiancamento agli enti pubblici al fine di offrire un supporto, sia in fase di programmazione che di pianificazione delle risorse, per una più efficace e competente tutela e valorizzazione del territorio, ed il coinvolgimento attivo degli iscritti e di tutte le categorie tecniche nell’attività dell’Ordine.

 

NARDÒTorna a far discutere il progetto di una nuova chiesa nella pineta di Santa Caterina. È il comitato “Salviamo la Sarparea” a paventare l’ipotesi che quel progetto accantonato nel 1981 per mancanza di fondi possa ora ritornare d’attualità. Il finanziamento dovrebbe arrivare dalla Cei dopo il progetto esecutivo che si prevede entro settembre. Già ora in via Pietro Micca viene celebrata la tradizionale messa estiva all’aperto (“particolarmente amata dagli stessi fedeli”) e lì dovrebbe trovare posto la nuova struttura in muratura da circa 250 posti con annesse pertinenze. Secondo il comitato ambientalista, però, il progetto appare “miope e anacronistico”. «L’idea di costruire nel 2017 un grande edificio religioso in muratura, erodendo la verde collina di Santa Caterina e privandoci non solo di un preziosissimo scorcio paesaggistico ma di centinaia di verdi e ombrosi pini d’Aleppo, appare un’eresia senza senso», si legge in una nota. L’attenzione è anche verso la grande lama carsica vicino la quale (“a poche decine di metri”) verrebbe a sorgere la chiesa, sullo scosceso pendio tufaceo della collina. «Ricordiamo come le lame carsiche siano strutture geologiche protette da importanti prescrizioni nel “Pptr” regionale», fanno sapere dal comitato nel quale si augurano che a dirimere la questione possa giungere presto il Piano urbanistico generale cittadino, “sperando in un deciso ripensamento da parte del Comune di Nardò e della Curia”.

SANNICOLA. Dopo le bici gratis, a Sannicola arriva anche il caffè offerto a chi pedala. Fino al 30 settembre, l’iniziativa promossa dal Comune prevede che quanti si recano nei bar aderenti possono avere, per l’appunto, un caffè gratis purché arrivino in bicicletta, pubblichino una foto in bici vicino l’attività aderente e la pubblicizzino sui social usando l’hashtag #SannicolaInBici. Anche al fine di recuperare le energie spese pedalando, occorrerà poi fare una colazione completa, con cornetto e pasticci otto: in questo caso il caffè sarà offerto alla cassa. Un modo come un altro per incentivare l’uso delle due ruote, così come il noleggio gratuito (20 euro la cauzione) per il quale occorre rivolgersi al Bar Cristina di piazza della Repubblica.

ambulanzaPRESICCE. Ha perso il controllo della sua auto, una Fiat Panda, andando a schiantarsi contro un albero d’ulivo. Le fiamme che sono divampate subito dopo l’impatto non hanno lasciato scampo al ragazzo alla guida dell’auto, Alessandro Negro, 19enne di Presicce. Lo scontro non ha coinvolto altri mezzi ed è avvenuto intorno alle 3,30 di questa mattina sulla strada provinciale che collega Lido Marini a Presicce.

Per il giovane, che probabilmente si dirigeva a casa, vani sono stati i soccorsi: all’arrivo dei medici del 118 il suo cuore aveva già smesso di battere. La salma del 19enne si trova ora nella sala mortuaria del Vito Fazzi di Lecce, dove verrà eseguita l’autopsia. La dinamica dell’incidente al momento è al vaglio ai Carabinieri di Presicce, che hanno proceduto ai rilievi di legge.

ape calissiniGALLIPOLI. Piazza Imbriani, proprio all’imbocco del centro storico, rischia di finire su tutti i media ma non per la bellezza o il numero di visitatori bensì per meri problemi d’ordine pubblico. Così un gruppo di commercianti si è rivolto ad un avvocato per denunciare l’alta tensione che, a loro dire, rischia di fare il deserto intorno alle loro attività. Di condotte “contrarie alla legge” racconta l’esposto inviato dall’avvocato Monica Villanova alla Procura della Repubblica, al Sindaco di Gallipoli, al commissariato di polizia e alla compagnia dei carabinieri della città.

La questione giunta al vaglio dei giudici adesso, è nata con i conducenti degli apecalessini che portano in giro i turisti nel centro storico e che “da qualche settimana” sono soliti trovare parcheggio nei pressi di attività commerciali situate in piazza. “Al fine di accaparrarsi i turisti per il tour – si legge nell’esposto – dopo aver parcheggiato sulla strada e fuori dagli spazi ad essi riservati”, i conducenti si fermano nei pressi per offrire il servizio ai passanti. Il guaio è che “spesso i conducenti finiscono per litigare tra loro”. Di litigio in litigio “si sfocia in vere e proprie risse che, oltre ad incutere timore ai titolari ed al personale impegnato nell’attività commerciale, cagionano un danno economico non irrilevante”. Le segnalazioni verbali alle autorità preposte non sono servite a molto, certamente non ad aumentare i controlli, secondo i denuncianti, per cui “è spesso accaduto che i clienti, spaventati da episodi riferiti hanno preferito dirigersi altrove, mentre altri, dopo aver consumato, si sono allontanati dai tavolini, lamentandosi e senza pagare il conto”.

È riferibile a quanto denunciato un episodio avvenuto lunedì sera in piazza Imbriani, con al centro una coppia con tre bambini e tutto intorno gruppi di giovani impegnati nei tour con apecalessini che se li contendevano a suon di calci e pugni. Lo scontro è sato sedato dall’intervento di alcuni passanti.

 

 

by -
0 408
15966102_261775747569077_8756702251901476342_n ALEZIO. Reduce dai fasti della prima candelina spenta insieme agli Opa Cupa, lo scorso 14 luglio, riprende la programmazione de El Barrio Verde di Alezio. Protagonisti del prossimo appuntamento, giovedì 20 luglio saranno gli Alla Bua. Formati tra le ronde della storica festa di San Rocco a Torrepaduli e nelle notti itineranti del canto pasquale di Santu Lazzaru, i sei musicisti provenienti da vari paesi del Salento (Casarano, Torrepaduli, Collepasso, Racale fino alla grica Sternatia), propongono, come da loro abitudine, una serata dedicata alla cultura salentina, dettata dalla grande passione di suonare, tramandare e divulgare la musica popolare ereditata dai propri padri. La band è composta da Gigi Toma – voce e tamburello, Fiore Maggiulli – voce e tamburello, Dario Marti – chitarra e voce, Irene Toma – voce e oboe, Michele Calogiuri – violino, Francesco Coluccia – fisarmonica. Per info e prenotazioni: 3274592706 – 3283780589.

 

Voce al Direttore

by -
Da luglio il vostro giornale andrà più in là, per diventare una “piazza” grande - in prospettiva - quanto il Sud Salento. Abbandoniamo perciò...