Home Authors Posts by Maria Cristina Talà

Maria Cristina Talà

298 POSTS 0 COMMENTS

SANNICOLA. Un attestato di “civica benemerenza” è stato consegnato di recente dalla Giunta comunale di Sannicola al maestro di karate kyokushinkai Luciano Centonze. Nella motivazione si tiene conto del suo “costante impegno nel sociale che ha prodotto un valore aggiunto alla nostra comunità, grazie alle sue qualità professionali e doti umane”. L’associazione sportiva ha cambiato denominazione in “Sannicola Karate Kyokushinkai”, con un team composto dal presidente Luciano Centonze, dal maestro Zocco Massimo  e dagli istruttori Serenella Cortese e Lando Padacqua . «Questa nuova denominazione vuole sottolineare la territorialità dell associazione presente ormai da 8 anni a Sannicola. L’impegno e la professionalità che ci hanno sempre distinto – afferma il presidente – resteranno sempre  i punti cardine della nostra organizzazione che raccoglie da molti anni  tanti bambini, ragazzi ed adulti del nostro Comune e di quelli limitrofi»

SANNICOLA – Prende il via mercoledì 11 ottobre, a Sannicola, il corso gratuito di avvicinamento allo sport delle bocce organizzato dall’Associazione bocciofila sannicolese presieduta da Cristian Malerba. «Il corso – spiega il presidente – è organizzato per “bambini” dai 5 anni fino ai 99, perché non c’è un’età in cui si è troppo grandi per giocare. Si svolgerà per due giorni a settimana e durerà tutto l’anno, basta prenotarsi presso il bocciodromo». La squadra quest’anno affronterà il campionato di serie C – categoria “Raffa” – e sono previste nei prossimi mesi iniziative con le scuole e per i disabili. «A questo proposito – prosegue il presidente – vorrei lanciare un appello a chi è in carrozzina e vorrebbe avvicinarsi a questo sport. A oggi abbiamo un solo iscritto che, ovviamente, da solo non può giocare, per cui mi rivolgo a quanti conoscono persone disabili che potrebbero essere interessate: a volte serve essere spronati da un amico per uscire di casa. Il nostro palazzetto è il migliore della provincia per il superamento delle barriere architettoniche».

SANNICOLA –  Doppio appuntamento presso casa Metoxè, in via Roma, sede dell’associazione presieduta da Simona Mosco. Lunedì 2 ottobre alle ore 20 l’associazione ospiterà la presentazione del libro “Il vento ha scritto la mia storia” di Benjamin Somai, rifugiato curdo che lavora in Italia come panettiere. La serata sarà presentata da Valentina Manzo e sarà ospite don Salvatore Leopizzi. Domenica 10 ottobre, invece, stessa location e stesso orario per parlare di “Tap”, il progetto del gasdotto trans-Adriatico con approdo sulla costa adriatica salentina, con il sindaco di Melendugno, Marco Potì, nell’incontro moderato dal direttore di Piazzasalento, Fernando D’Aprile.

GALATONE – Barriere alzate e treno in transito: è accaduto questa mattina a Galatone. Il passaggio a livello interessato è quello di via Scolatura, su di una strada molto trafficata anche perché vicina alla piscina comunale. «Credo che le “Ferrovie del Sud-Est” fossero al corrente dell’accaduto perché il treno procedeva lentissimo e suonando ininterrottamente», commenta Luigi Bidetti (di Sannicola) che ha segnalato l’accaduto. Simili episodi non sono, purtroppo, insoliti negli ultimi tempi lungo le linee ferrate del Salento. Galatone, poi, detiene pure il record di attraversamenti per la particolare conformazione della linea ferroviaria che attraversa la città. In simili casi le Ferrovie del Sud –Est raccomandano particolare prudenza agli automobilisti così come ai macchinisti. Il treno, infatti, dopo essersi annunciato con la sirena ha impegnato il crocevia a velocità estremamente ridotta.

SANNICOLA. Tutto doppio per i Santi Medici a Sannicola: i santi, la festa, i comitati, i presidenti e pure le interpretazioni delle statue. Le feste avranno luogo a Sannicola nell’omonina chiesetta e a Chiesanuova. Tutto diverso a cominciare dalle statue: i santi di Chiesanuova hanno aspetto arabesco e lunghe barbe, i santi di Sannicola hanno aspetto romano, sbarbati e indossano tunica e mantello

I festeggiamenti inizieranno il 25 a Sannicola alle 19 con la messa e la processione, la banda di Matino e lo spettacolo dei palloni aerostatici e il concerto delle “Stelle del sud” con esibizione di ballo de “I campioni”. Il 26 a Sannicola si esibirà per tutto il giorno la banda di Martina Franca, mentre in serata ci sarà lo spettacolo pirotecnico. A Chiesanuova la processione sarà il 26 alle 20 anche qui con la banda di Matino, al rientro fuochi d’artificio. Il 27 musica con “Lu rusciu nosciu” e a fine serata altri fuochi d’artificio.

I festeggiamenti sono organizzati dai due comitati distinti: quello di Chiesanuova, presieduto da Angelo Napolitano presidente, Tommaso Cagnazzo , Antonio Caputo, Ivano Marzo, Luciano Scarpa, Salvatore Magagnino, Rino Gioffreda, Antonio Marra e quello di Santi Medici Sannicola presieduto da Silvio Picciolo e composto da Salvatore Inglese, Tommaso Picciolo e Annarita Tampesta, Giovanni Marzella e Maura Mezzi, Luigi Calò, Antonio Giaffreda, Lucia Merenda, Lucio Miccoli, Antonio Picciolo, Ilenia Picciolo, Adina Platì, Antonio Portone, Giuseppe Provenzano, Andrea Ria, Cesira Scorrano ed Ercole Talà.

 

Luigi Mercuri, Cosimo Piccione e Marzio Molle

SANNICOLA. «Con il rientro in paese di queste 71 medaglie, è tornato a Sannicola un pezzo di storia: è come se i nostri ragazzi fossero ritornati finalmente a casa». È questo il commosso commento del presidente della locale sezione Combattenti e reduci, Luigi Mercuri, al momento di ricevere dalle mani del sindaco Cosimo Piccione il ricordo che la Regione Friuli ha voluto dare ai Caduti del primo conflitto mondiale. Alla cerimonia, svoltasi recentemente presso il centro culturale di via Oberdan, hanno preso parte anche l’assessore alla cultura Marzio Molle, il maresciallo dei carabinieri Luca Russo, i ragazzi della scuola guidati dalla docente Maria Grazia Aloisi, il poeta Franco Ventura, e l’ufficiale di cavalleria Giancarlo Minerva. Quest’ultimo vive a Trieste ed è stato il tramite che ha portato all’attenzione dell’Amministrazione comunale la possibilità di organizzare la cerimonia. I ragazzi delle scuole hanno letto ad uno ad uno i nomi dei Caduti e alcune brevi informazioni su di loro accompagnandosi con il suono di una campanella. Il maresciallo Luca Russo ha sottolineato “l’importanza che non si cada nella retorica e il valore della libertà conquistata grazie al sacrificio dei militari”. Al termine della consegna delle medaglie si è mosso il corteo di tutti i militari presenti che è giunto fino alla sede dell’associazione che è stata re-inaugurata dopo le ristrutturazioni. Qui commosso il ricordo di Quintino Inguscio, storico presidente e del socio Pasquale Stamerra, entrambi venuti a mancare da poco.

SANNICOLA – C’è tempo fino a domenica 10 settembre per visitare, a Sannicola, la mostra pittorica di Romualdo Pisanello presso il frantoio ipogeo di via Roma. «La mostra  – commenta l’artista, detto Remo  – comprende opere del passato e del periodo recente. Oltre ai dipinti ci sono anche fotografie ritoccate a pennello e fotografie vere e proprie. I soggetti vanno dai paesaggi, soprattutto tramonti sul mare, ai ritratti di familiari e amici, oltre ad una serie di fotografia fatte girando per i posti più belli d’Italia». Pisanello, docente di educazione artistica in pensione, vive a Lodi ma ha iniziato la carriera artistica a Sannicola conquistando premi e riconoscimenti in tutta Italia.

SANNICOLA – Un intero paese, quello di Sannicola, in fermento per la festa della Madonna delle Grazie in programma da giovedì 7 settembre sino a sabato 9. Come da tradizione, a decorare alcune strade si sono impegnati gli stessi abitanti del paese. In particolare su via Roma sono previsti ben 10 archi alti 4 metri e mezzo decorati da 4.500 fiori di carta realizzati a mano (uno ad uno) dagli abitanti. «Stiamo lavorando da molti mesi a questo progetto floreale – commenta Davide Di Vetta, il giovane artista ideatore e direttore artistico di questa performace – ci siamo tanto divertiti e abbiamo avuto l’aiuto di tante persone. Ogni colonna è realizzata con fiori diversi e alla fine sarà tutto coronato da un baldacchino che conterrà all’interno il quadro raffigurante la Madonna che ho realizzato per l’occasione come ogni anno». Collaborano alla decorazione di via Roma le famiglie Barbaro, Marcuccio, Aloisi, Gianfreda, Fuso, Valentino, Gatto, Longo, Fiaschi, Giuranna, Gabrieli, Giannacari, Cataldi, Laterza, Mosca, Di Vetta, Minerva e May.

La festa, annunciata da “Fischetto e tamburo”, inizia il 7 con la messa in piazza alle 19, celebrata da monsignor Fernando Filograna e da don Piero Malodrottu, che a fine mese lascerà la parrocchia. Seguirà la processione, l’accensione della villa, i fuochi d’artificio e le bande di Squinzano e Matino. Il programma di venerdì 8 prenderà il via con la sfilata dei “carrettieri” alle 10 da piazza della Repubblica e le bande di Conversano e Rutigliano. Al rientro della passeggiata a cavallo ci sarà lo sparo dei fuochi d’artificio. Il 9 settembre, alle 19, presso la chiesetta della Confraternita sarà celebrata la messa per la festa di San Nicola da Tolentino con la benedizione dei pani di San Nicola e alle 21.30 in piazza della Repubblica è previsto il concerto della cantante Arisa. Alla fine del concerto altri fuochi concluderanno la festa. Il Comitato festa, presieduto da Tiziano Piccione, è composto da Sandrino Tanasi, Cosimo Selce, Antonio Piccione, Pasquale Bidetti, Giuseppe Camisa, Tommaso Bolognese, Antonio Camisa, Francesco Cauzo, Luca De Iaco, Luigi Malerba, Nicola Marrocco, Ivano Marzo, Cosimo Napoli, Giuseppe Petruzzi, Luigi Romano, Alessio Scorrano, Sergio Tarantino, Fabio Molle, Franco Toma.

CHIESANUOVA (SANNICOLA) – Si intitola “Energie a sud: storie di lavoro e di innovazione” il primo convegno organizzato da “Energie a Sud”, idea progettuale e programmatica di Tony Ingrosso. Mercoledì 6 settembre alle 19.30 in piazza Immacolata a Chiesanuova è prevista la partecipazione di un nutrito gruppo di esperti tra cui Gaetano Castellini Curiel che si occupa di relazioni internazionali economiche per conto di aziende e governi; Francesco Lenoci, docente dell’Università Cattolica di Milano; Peppe Zullo, “cuoco contadino” che ha rappresentato la Puglia ad Expò 2016 e Luca Pignatelli, pittore e artista apprezzato nel mondo. «Il Salento, da emigranti o meno, appare ormai come un luogo di sperimentazione e futuro, con i piedi ben piantati nella terra rossa dei pomodori e delle rape, e lo sguardo rivolto alla ricerca, ai talenti, al mondo e al futuro», afferma Tony Ingrosso.

SANNICOLA. È Josephine Ouédraogo, ambasciatrice in Italia del Burkina Faso dal febbraio scorso, l’ospite d’onore alla quinta edizione del “Tramonto a San Mauro”. L’evento è organizzato dall’associazione Metoxè giovedì 17 agosto, alle ore 17, sulla collina tra Padula Bianca e Lido Conchiglie (litoranea nord di Gallipoli). L’ospite musicale della manifestazione sarà, invece, Eugenio Finardi. La Ouédraogo è stata ministro con il rivoluzionario presidente africano Thomas Sankara dal 1984 al 1987 (anno in cui Sankara fu assassinato  pochi giorni dopo aver chiesto la cancellazione del debito estero dei paesi africani annunciando che il Burkina Faso non avrebbe pagato). Come ministro, Josephine Ouédraogo ha promosso la legge contro le mutilazioni genitali femminili, introdotto i festeggiamenti per l’8 marzo e promosso l’alfabetizzazione femminile. Al seguito del colpo di stato, la Ouédraogo ha vissuto esule per rientrare nel suo paese nel 2014, dopo la caduta del  dittatore, essendo nominata ministro di giustizia.

«Il fenomeno dell’immigrazione  – commenta la presidente di Metoxè Simona Mosco – è complesso e delicato,  ma non bisogna perdere di vista il fatto che si stia parlando di vite umane. Ogni persona presente su quei barconi ha un nome e un cognome, non sono numeri. Ognuno di loro ha una storia, ha dei sogni e nutre speranze che spesso vengono infrante.  Quest’anno abbiamo scelto di affrontare il tema guardandolo attraverso  gli occhi delle donne». Subito dopo sarà il momento del cantautore milanese Eugenio Finardi, “profetico nel suo tentativo di ricerca di un pianeta su cui ricominciare a convivere nella totale assenza di prevaricazioni culturali e sessuali”.

SANNICOLA. Appuntamento in piazza delle Mimose (largo mercato) mercoledì 9 agosto a Sannicola, per la 17esima edizione della “Sagra dei sapori locali” organizzata dal Comitato festa Madonna delle Grazie. Si esibiranno i “Calandamara Ensamble” e gli “Alla Bua. Come tradizione, il panino con la sarda e la ricotta “schianta” rimangono i simboli della festa (una volta a settembre), oggi arricchiti anche da pittule, polpette, panzarotti e melanzane grazie alla maestria dalle massaie che collaborano all’organizzazione. Il comitato, presieduto da Tiziano Piccione, è composto da Cosimo Selce, Antonio Piccione, Giuseppe Camisa, Nicola Marrocco, Pasquale Bidetti, Sergio Tarantino, Tommaso Bolognese, Daniele Bongiovanni, Antonio Camisa, Francesco Cauzo, Luca De Iaco, Luigi Malerba, Ivano Marzo, Cosimo Napoli, Giuseppe Petruzzi, Luigi Romano, Alessio Scorrano, Sandro Tanasi e Fabio Molle.

 

SANNICOLA. In comune hanno la passione per il pianoforte e il sogno di un  futuro da medici, i due giovani sannicolesi che si sono diplomati col massimo dei voti presso il liceo di scienze applicate di Gallipoli. Si tratta di Emanuele Leo e Luca Stamerra, freschi di maturità con 100 e lode. Entrambi si sposteranno per studiare Medicina (entrambi sono particolarmente interessati a Neurologia). «Farò il test di ingresso a Bari. L’obiettivo – commenta Emanuele Leo, di San Simone – è la ricerca medica o la pratica della professione in Italia e all’estero». Il giovane ha maturato la passione per la medicina negli anni passati. «A scuola sono rimasto particolarmente colpito quando abbiamo studiato il corpo umano e in particolare il sistema nervoso. Continuerò, però, a studiare anche il pianoforte, la mia altra grande passione». Entrambi i giovani sono allievi della musicista Tiziana Errico. «Ho superato il test di ingresso alla Cattolica di Roma – esordisce Luca Stamerra – ma farò anche il test per il corpo sanitario dell’accademia aeronautica di Pozzuoli in cui ho già svolto un tirocinio di 14 giorni, con sveglia alle 6 e addestramento militare e studio di molte interessanti materie. Mi piacerebbe anche prepararmi nella medicina d’urgenza e viaggiare per il mondo al seguito delle missioni internazionali». Anche per lui la passione per la medicina è maturata negli anni. «All’inizio volevo studiare matematica o ingegneria, poi abbiamo partecipato come classe a un concorso a Milano “I Giovani e le scienze” e mi sono appassionato alla neurologia».

 

SANNICOLA. Scatti mozzafiato per Silvia Cataldi impegnata di recente nella realizzazione di un servizio fotografico, tra  Gallipoli e Alberobello, col fotografo indonesiano Kenvin Pinardy. «Ho posato per 40 fotografi  – commenta la modella sannicolese, Miss Mondo Italia 2014,  – ed ho avuto occasione di lavorare con grandi maestri di fotografia provenienti anche da altri continenti». L’evento è stato organizzato da Cartotecnica Ti Ci. A settembre, la modella sarà a Castellammare del Golfo, in Sicilia, come madrina dell’evento Miss Oltreoceano.

Salento e Canarie a confronto negli scatti fotografici in mostra (dall’1 al 20 agosto) presso la sede Pro loco a Lido Conchiglie. L’originale idea è del fotografo Gerardo Marzano (di Tuglie), vincitore del concorso fotografico organizzato dall’associazione nel 2014 e nel 2015. «L’esposizione – spiega Gianni Ciricugno della Pro Loco – è composta da sette foto del Salento e sette delle Canarie e mette in contrapposizione questi due luoghi fantastici dove, secondo me, il Salento risulta più affascinante». L’autore degli scatti commenta: «Ho viaggiato per lavoro per tutta la vita e ora che mi godo la pensione voglio catturare con la mia macchina fotografica tutte le bellezze del pianeta. Prossime tappe il Perù e Santo Domingo». Tra le altre iniziative dell’estate proseguono, intanto, le visite all’abbazia di San Mauro organizzate da Pro loco ogni mercoledì alle 18 e, su richiesta, è possibile prenotare le visite per “La strada dell’olio” presso il frantoio ipogeo e con degustazione negli oleifici della zona. Attesissimo, mercoledì 2 agosto alle 17 “Un giorno da pasticcioni”, il corso di pasticceria per bambini con Marco Andronico, mentre il 4 agosto sarà la volta di un laboratorio floreale con le fioraie di “Caos”. A Sannicola organizzato dal bar La Palma e “Gianni e Rodrigo” il 1 agosto alle 21 concerto spettacolo degli “White Queen”  e il 3 agosto sempre alle 21 “Friselliamo pizzicando” con degustazione di olii ed esposizione degli antichi Traini a cura di Maria Pia Giaffreda.

 

SANNICOLA. Sarà Eugenio Finardi il protagonista del “Tramonto a San Mauro” in programma giovedì 17 agosto, alle 17, sulla collina tra Padula Bianca e Lido Conchiglie. L’ufficialità è arrivata da parte dell’associazione “Metoxè” che da alcuni anni organizza dell’evento divenuto ormai un appuntamento fisso dell’estate salentina, sempre allo scopo di “promuovere la pace tra i popoli partendo proprio dalla collina di San Mauro che con la sua storia millenaria racconta di incontri tra oriente e occidente e di viaggi al di là del mare” commenta la presidente Simona Mosco. Intanto nei giorni scorsi la chiesetta di San Mauro è ritornata ad essere centro di riflessione e di meditazione con l’iniziativa “Respiro a San Mauro” organizzata da Pro Loco e gestita da Maruska Ciricugno e Andrea Vaglio. «È stato un pomeriggio sorprendente – commenta Vaglio – dopo aver fatto la passeggiata tra i sentieri abbiamo visitato l’abbazia di San Mauro con i suoi  affreschi di inizio XIII secolo. Dopodiché c’è stato un momento di meditazione e rilassamento al tramonto a diretto contatto con la natura e ascoltando se stessi». L’evento si ripeterà il 26 agosto e per partecipare è necessario prenotare presso la sede Pro loco.

Festa San Biagio – foto di Francesca Calò

SAN SIMONEAppuntamento a San Simone, frazione di Sannicola, da sabato 29 a lunedì 31 luglio per i festeggiamenti in onore di San Biagio. La festa è caratterizzata dalla processione, alle 19 del sabato, accompagnata dalla “Banda Galatea”. Al rientro, alle 21, la messa celebrata dal vescovo Fernando Filograna. Il 30, dopo la messa della mattina, tradizionale rito del bacio della reliquia cui seguirà il lancio delle colombe (offerto da Cosimo Imperiale). In serata la  Banda del Salento, diretta dal maestro Salvatore Tarantino, e i tradizionali fuochi d’artificio. La festa prosegue fino al 31 con l’”Orchestra spettacolo liscio fantasia” il cui spettacolo inizierà alle ore 21. Durante i giorni della festa saranno visitabili le mostre dei maestri Simone De Rosa (pittura) e Cosima Natali (cartapesta). «I festeggiamenti – commenta i presidente del Comitato, Fabrizio Leo – rappresentano il perno principale della nostra storia, tradizione e fede. E’ anche una festa popolare, crocevia di una memoria collettiva, il giorno in cui tutti si riversano in strada per ritrovare gli umori della propria infanzia, ritrovarsi con gli amici tornati a San Simone per le vacanze estive»

 

SANNICOLA. Tre cuccioli da salvare, due femminucce ed un maschietto, sono “ospiti” dell’associazione Quattrozampe a Sannicola. «Siamo alle solite: sono stati abbandonati in una scatola nelle campagne. Siamo intervenuti su richiesta – affermano i volontari – ma non avendo stallo disponibile possiamo solo alimentarli. Li abbiamo sverminati e spulciati. Cerchiamo per loro una adozione seria e le due femminucce dovranno essere sterilizzate. Chi voglia adottarli può contattare l’associazione tramite il profilo facebook». Intanto l’associazione Quattrozampe Sannicola ha organizzato un burraco per beneficenza domenica 23 luglio alle 19.30 presso il parco di Chiesanuova.

GALLIPOLI. Archiviata con successo la prima edizione, a Gallipoli si pensa già al bis del “Premio internazionale di danza”. «Gli stessi partecipanti ci sollecitano in questo senso. Siamo contenti per i risultati ottenuti e cercheremo di migliorare ancora», commenta Flavio de Salve, uno degli organizzatori (originario di Sannicola). «Un plauso particolare va fatto alla giuria, composta da Mattia De Salve, Flaminia Buccellato, Bill Goodson e Gianluca Colonnelli  – aggiunge la direttrice artistica Gisella Biondo –  per lo scrupoloso ed attento lavoro svolto». Questi i vincitori della prima edizione svoltasi al Teatro Italia. Miglior talento è stata giudicata Fatima Milone di Matino. Per la danza classica sono stati premiati Martina Miglietta del Balletto del Salento di Trepuzzi e Ilenia Lamberti (“children”),  Denis Zammillo, Raffaele Cazzato, Andrea Quarta e Miriam Torsello (“allievi”) e Francesca Morello e Rossana De Pascali (juniores”). Per i gruppi premi a Flashdance e Il Balletto e per il passo a due a Francesca Spinelli e Marco Sciascia. Per la danza moderna sono stati premiati Aurora Caggiula e Giulia Miglietta (allievi), Cosmary Fasanelli (Juniores), Fatima Milone, Francesca Spinelli e Antonella Cofano (seniores). Per i gruppi Victory dance, Scuola di danza “Antonia Bellanova”, Accademia delle danze,  Centro danza Sylfide e Koinè. Per il passo a due moderno sono stati premiati  Grace Vincenti e Manuel Gravili, Giorgia Cocola e Sara Peluso.  Per il contemporaneo Daniele Cancemi e Giorgia Cazzolla, Fabia Ungaro e Ludovica Buttazzo, per il passo a due Francesca Spinelli e Marco Sciascia. Nei gruppi Studio danza Casarano e Accademia della danze. Nell’hip hop Samuele Carrino (children), Gloria Scorrano e Federica Barba (juniores). Nei gruppi ha primeggiato Victory dance.

 

 

 

 

 

 

 

LIDO CONCHIGLIE. Entra nel vivo l’estate sannicolese. Mercoledì 19 luglio appuntamento in piazza della Repubblica con gli Schiattacore, la band composta da Marco, Ylenia e Francesco Giaffreda, Bruno Scorrano, Antonio Marulli, Gabriele Pastore, Gloria Guido, Francesca Giaffreda e Maricò Sarcinella. Novità dell’estate è la musica dal vivo che ritorna dopo oltre 10 anni sulla rotonda di Mesciu Peppe. Le serate saranno dedicate alla memoria di “Mesciu Peppe” Monteduro l’imprenditore che, a inizi ‘900 costruì il complesso turistico “Lido Conchiglie” (che ha poi dato il nome alla marina, in precedenza denominata “Cannole”). Primo appuntamento giovedì 20 luglio, alle 22, sarà la pizzica con i Criamu. A seguire, il 23 luglio, serata di piano bar con Domenico Schiavone, il 27 le “Ronde salentine”, serata di pizzica in cui il pubblico potrà portare i propri strumenti e partecipare attivamente alla serata, ed il 30 piano bar con Marcello Brocca.

SANNICOLA. È Debora Pellico, 21 anni di Parabita, la vincitrice del primo concorso di bellezza ”Store Auto” svoltosi a Sannicola durante il gran Galà della moda. Al secondo posto Antonietta Bianco di Gallipoli e al terzo Chiara Picciolo di Parabita. Alla finale del concorso, organizzato da Ada Negro e Andrea Puce, hanno preso parte anche Lorenza Pellegrino (di Galatina), Elena Imperiale (Tuglie), Denise Abbate, Flo De Filippo, Marilena Greco, Mery Cacciatore, Antonietta Bianco e Grazia Barone (tutte di Gallipoli), Tamara Magnolo (Matino),  Antonella Gaetani ed Eleonora Bove (Parabita), Clelia Scalese (Cutrofiano), Emma Abbate (Taviano) e Alessandra Martignano (Alezio). Modelle e concorrenti sono state acconciate e truccate da Marilù Sergi (di Gallipoli), Monica Ferrari (di Taviano), Tatiana Sederino (di Sannicola), Franco De Matteis (di Matino), responsabile per il centro e sud Italia di Hair color Malià, Katia Falco (di Tuglie), Maria Rosaria Platì, Carmen dei Fiori e Sofia De Matteis (di Gallipoli), Mirko dell’Anna (di Nardò), Matteo Indino (Lecce), Davide Lattanzio, Valentina Natali e Costanza Corcella (tutti di Barletta).

Mercuri mobili - La squadra vincitriceSANNICOLAE’ la “Mercuri mobili” la squadra vincitrice del torneo di calcetto in piazza organizzato a Sannicola dall’associazione “Lu Quarantale”. Al secondo posto “M&a termoidraulica” e al terzo “Bar Cristina – Car for you”. Per il torneo “over 40” al primo posto la “Fisioterapia Scorrano”, al secondo “Gli amici di sempre” e al terzo “Gli amici di Biagio”. Miglior portiere “open” Fernando Stapane (“Mercuri mobili”), miglior portiere “over” Andrea Manno di “Allianz assicurazioni”. Miglior giocatore “over” Roberto Chimenti di “Amici di Biagio”, miglior giovane Gioele De Matteis di “Alex style – Store auto”. Capocannoniere Riccardo di “M&a termoidraulica”. Squadra premiata per il fair play “Cafe noir”.

 

SANNICOLA. E’ per il 17 agosto a partire dalle 18 l’appuntamento con la quinta edizione del “Tramonto a San Mauro”, evento organizzato dall’associazione Metoxè sulla serra tra Padula bianca a Lido Conchiglie, per “promuovere i concetti di pace e di fratellanza tra i popoli tutti, sfidando in tal modo i pregiudizi diffusi”, come sottolineato a più riprese dalla presidente Simona Mosco. «Il calar del sole – afferma la presidente – sarà accompagnato dalle parole dell’Ambasciata ospite, la quale coadiuverà e darà vita attraverso la sua presenza e la sua testimonianza all’essenza stessa del progetto», che tra l’altro punta anche a “stimolare l’interesse pubblico nei confronti dell’Abbazia”. Sul piano artistico e istituzionale, gli anni precedenti hanno visto la partecipazione di Cesko degli Après la Classe, Michele Cortese e Nabil Bey(2013), Radioderwish e Rafqu (2014) con il patrocinio morale delle ambasciate di Palestina e Slovenia, l’Associazione pugliesi nel Mondo, l’Università del Salento e il Centro ellenico di cultura di Milano. Nei giorni che precedevano l’evento Metoxè si era impegnata in una raccolta di farmaci a favore di Gaza e all’evento presenziò l’ambasciatrice palestinese Mai Alkaila. Nel 2015 a causa di problemi legali legati ai lavori pubblici sulla sentieristica di accesso all’abbazia, la manifestazione si spostò in località “Pizzo” a Gallipoli col tema “Tramonto 2015, Mediterraneo dei popoli, 1991 – 2015 storia di una integrazione”, con l’esibizione dei “Gens Vibes” gruppo sannicolese composto da Marco e Ylenia Giaffreda, Antonio Marulli, e Francesco Paturzo, per poi lasciare il posto a Sergio Caputo. La manifestazione in quell’occasione ha avuto il patrocinio morale dalle ambasciate di Palestina, Albania e Malta. Nel 2016 si è esibito l’artista Mario Venuti  ed è stata presente Alessandra Morelli, delegata dell’Alto Commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati. Per l’edizione 2017 a breve sarà svelato il nome degli artisti e degli ospiti.

SANNICOLA. Appuntamento questa sera alle 21 in piazza della Repubblica a Sannicola  per le finali del torneo di calcetto organizzato dall’associazione “Lu Quarantale” presieduta da Daniela Pisanello. Le squadre “Bar Cristina” e “Bar la palma” si scontrano per il terzo posto mentre “Am termoidraulica” e “Mercuri mobili” per il primo. «È stata una manifestazione che ci ha permesso di trascorrere delle ore divertenti che ha riempito per 20 giorni la piazza», commenta la Pisanello. Il torneo ha avuto per protagoniste anche le squadre “Alex stile – Hunday”, “Longobarda”, “Pescheria Rodrigo”, “La corte – Rodogallo”, “Caffè Noir”, “Cucchiara e fracasso”. Sempre stasera ci sarà anche la finale del torneo “Over 40” tra “Amici di sempre” e “Fisioterapia Scorrano”, torneo al quale hanno partecipato anche le squadre “Allianz”, “Amici di Biagio”, “Locanda dei viandanti”, “Ac Galatone”, “Scujati Sud Salento” e “Squadra Tufi”. La neonata associazione “Lu Quarantale” nasce dall’idea di quattro commercianti di piazza della Repubblica, ovvero Stefano Scorrano, Maria Pia Giaffreda, Daniela Pisanello e Danilo Tempesta al fine di organizzare manifestazioni sportive sociali e culturali, “ma si apre alla collaborazione con tutte le persone di buona volontà”, sottolineano i soci fondatori.

francesca pisanelloSANNICOLA. Imperdibile appuntamento per gli amanti di “pittule, purpette e pezzetti di cavallo alla pignata”  con la “Sagra dei gusti antichi” di Sannicola. L’appuntamento è per le 21 di questa sera presso la chiesa dei Santi apostoli Pietro e Paolo. «La serata – spiegano gli organizzatori del comitato festa – verrà aperta da Francesca Pisanello e Daniele Vimborsati con il loro karaoke e, a seguire, si danzerà ai ritmi popolari dei Bringanti di Terra d’Otranto. Inoltre ci sarà buon cibo della tradizione come le “marsangiane maritate” o alla parmigiana la carne alla brace e pezzo forte la pignata di cavallo. La sagra conclude i festeggiamenti dei Santi Pietro e Paolo». Il Comitato, presieduto da Silvio Picciolo, è composto da Salvatore Inglese (vicepresidente), Tommaso Picciolo e Annarita Tampesta (cassieri), Giovanni Marzella e Maura Mazzi (segretari), Luigi Calò, Antonio Giaffreda, Lucia Merenda, Lucio Miccoli, Antonio Picciolo, Ilenia Picciolo, Adina Platì, Antonio Portone, Giuseppe Provenzano, Andrea Ria, Cesira Scorrano ed Ercole Talà.

Cosimo Congedo

Cosimo Congedo

IN EVIDENZA. Era un amore segreto, quello del primo meccanico di Sannicola Cosimo Congedo, detto Billy (foto) e la 500. Segreto perché “Billy” iniziò a lavorare negli anni ’50; aprì la sua prima officina nel 1964 su via Regina Elena e divenne presto punto di riferimento per gli alfisti di tutta la provincia oltre che di Brindisi e Taranto in un duro Dopoguerra. «Mio padre aveva un carattere particolare – racconta il figlio Massimo, che gestisce oggi l’officina su via Sferracavalli, dove il padre si trasferì dopo alcuni anni – come tutti gli uomini di allora: amava avere ragione ed era convinto (e non si sbagliava) che le automobili si sarebbero diffuse in ogni famiglia e ci sarebbe sempre stato bisogno di qualcuno che le riparasse». Gli “alfisti”, in quegli anni, erano persone particolari «che amavano profondamente la propria Alfa Romeo e non ammettevano che si vantassero i pregi di altre auto. I “fiatisti” o i “cinquecentisti” non esistevano» prosegue il figlio. Eppure Billy ammirava profondamente la semplice meccanica della 500 che, «senza vanità e quasi per magia riesce a portare il guidatore quasi dovunque – racconta una cliente, proprietaria di una 500, ricordando le parole che il meccanico le aveva detto oltre 20 anni fa – quando la mia 500 si fermava all’improvviso (era noto infatti che mantenessero difficilmente “il minimo”) e non ripartiva, Billy, mi aveva spiegato come colpire con un martello un pezzo del motore e l’auto ripartiva per poter giungere fino all’officina e risparmiare i soldi del carrattrezzi». La 500, che negli anni 70, aveva spinto l’Italia sulle onde del miracolo economico, aveva portato la sua magia anche a Sannicola grazie anche all’officina di un meccanico che si era formato e aveva avviato l’attività in un tempo quasi senza auto e con mulattiere al posto delle strade che aveva avuto “la visione di un futuro in cui l’auto era un lusso e una vanità (le Alfa Romeo con la loro meccanica elegante e sofisticata che per lui non aveva segreti), ma era anche e soprattutto uno strumento di libertà, di ri- scatto sociale (per i meno ricchi) e persino di pari opportunità per le donne (la 500 con la sua meccanica semplice, quasi magica che portava tutti dappertutto e che si riparava a colpi di martello)”, come conclude il figlio Massimo.

Voce al Direttore

by -
Le immagini che scorrono e scorreranno sugli schermi fino a sera tardi ed in parte anche domani, sono le ultime che hanno il sapore...