Home Authors Posts by Maria Cristina Talà

Maria Cristina Talà

362 POSTS 0 COMMENTS

San Simone (Sannicola) – Giunge alla sua quinta edizione il concorso di fiabe e favole  “I have a Grimm” targato Metoxè. La premiazione si terrà domenica 24 giugno alle ore 20.30 presso piazza San Biagio a San Simone.  In giuria Luigi Congedo, Anna Gaballo, Tecla Scarpa, Giuseppe Fuso e Pierpaolo Longo. Oltre 50 le opere presentate suddivise nelle tre  categorie “Baby Grimm”, per i bambini di scuola primaria, “Young Grimm”, per ragazzi fino a 14 anni e “Grimm” dai 15 anni in su.  «Novità di quest’anno – commenta la presidente Simona Mosco – è la nuova sezione dedicata ai bambini della scuola dell’infanzia i quali hanno partecipato con un disegno valutato da una giuria speciale composta dall’artista Fabio De Donno e dall’insegnante Antonio Mitria».  La serata, patrocinata dal Comune, sarà presentata da Valentina Manzo, Federica Longo e Lorenzo Palumbo.

Sannicola – Appuntamento nel parco degli Ulivi a Sannicola, mercoledì 20 giugno a partire dalle 18 per la prima edizione della “Festa del pisello riccio”, organizzata dall’associazione “Spazi popolari”. Presenti Rita Accogli, docente Unisalento nel dipartimento di scienze e tecnologie biologiche e ambientali, nonché responsabile tecnico dell’Orto botanico dell’Università, l’imprenditrice agricola sannicolese Elisabetta Fiorito, la presidente dell’associazione “Salento a Km0”, Francesca Casaluci, che si occupa di agricoltura biologica, organica e naturale e i produttori locali che stanno lavorando per ridare valore questa antica varietà di pisello che, fino a qualche anno fa era sopravvissuta solo grazie alla forte volontà di pochi anziani agricoltori che ne conservavano il seme di anno in anno. E’ stato proprio l’interessamento dell’Università che studia le varietà biologiche e dell’imprenditrice sannicolese che ha permesso gli studi, la conoscenza e la rivalutazione di questo vegetale altrimenti destinato a scomparire. «Si tratta invece – sottolinea la Fiorito – di una varietà dall’alto valore nutrizionale e che può dare grandi soddisfazioni anche dal punto di vista imprenditoriale. Andava sparendo e ne erano rimasti pochi semi, ma dopo anni di lavoro in collaborazione con l’Università oggi siamo arrivati ad una quantità tale che possiamo farne una festa»

 

Sannicola – Appuntamento domenica 17 giugno alle 20.30 presso il centro culturale di via Oberdan, a Sannicola, con la compagnia “Anonima teatrale” che mette in scena “I promessi sposi”, per la regia di Alessandro Errico. Sulla scena Gabriele Sances, Anna Bidetti, Sabina Leo, Oronzo Buono, Pasquale Bidetti, Enrico Rapinese, Lorenzo Caputo. La compagnia è attiva dal 2000. La commedia rappresenta una rilettura in chiave contemporanea del racconto manzoniano, con il sopruso che cerca innumerevoli strade per impedire al “bene” di compiersi» commenta il regista. L’evento è patrocinato dal Comune.

 

San Simone (Sannicola) – Sport e solidarietà a braccetto per l’evento organizzato di recente dalla Polisportiva Mauro Fedele di San Simone insieme all’associazione “Academy In-super-abili” del Centro sportivo dell’Asd Soccer Dream di Parabita. «La Polisportiva  – spiega il presidente Fernando Leo – ha organizzato questo evento per parlare di disabilità, ma in un momento gioioso ludico e ricreativo e per la consegna di un contributo che la Polisportiva ha devoluto in favore dei ragazzi diversamente abili». Alla manifestazione, condotta dal giornalista Antonio Imperiale, hanno preso parte un gruppo di ragazzi, insieme ai tecnici e ai testimonial Pasquale Bruno e Roberto Rizzo. «Si è trattato di un’occasione veramente speciale – prosegue il presidente Leo –  per entrare in contatto con questo mondo di persone fortissime che conservano tutta la loro voglia di vivere pienamente la vita e divertirsi e hanno tanto da insegnare a noi e a tutti riguardo al senso della vita e a come affrontarla sempre in modo positivo e con il sorriso sul volto. Proseguiremo di certo negli anni questa bella collaborazione con altri eventi e sarebbe desiderabile che anche altre associazioni si unissero a noi tutti in queste iniziative»

 

Chiesanuova (Sannicola) – Appuntamento a Chiesanuova, il 12 e 13 giugno, per i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio da Padova, “santo amato perchè dalla parte dei poveri e degli ultimi”, come  afferma il parroco don Gino Ruperto. Martedì 12, alle ore 20.30, per le vie del paese si snoderà la processione accompagnata dalla Banda municipale di Matino. Alla sua conclusione, circa alle 21.30 ci sarà lo spettacolo degli Schiattacore, il gruppo musicale sannicolese nato nel 2002 e composto da Marco , Ylenia e Francesco Giaffreda, Bruno Scorrano, Antonio Marulli , Gabriele Pastore e dalle ballerine Gloria Guido, Francesca Giaffreda, Maricò Sarcinella. Il giorno dopo durante la messa delle 10, presieduta da don Oronzino Stefanelli, docente di “sacra scrittura” e  vicario della parrocchia Sant’Agata di Gallipoli, saranno benedetti e distribuiti i tradizionali “pani di sant’Antonio”. In serata alle 21.30 avrà luogo lo spettacolo comico di cabaret con “I MalfAttori”, ovvero  Sabina Blasi, Giampaolo Viva, Sergio Orlanduccio e Roberto Rovito,  e gli “Scemifreddi” trio comico di San Cesario composto da Anthony Fracasso, Cristiano Nobile e Tonio Rollo.

 

Sannicola – Il pittore sannicolese Marco Leo in mostra a Matera in un altro evento internazionale con circa 50 artisti provenienti da tutto il mondo. Leo espone l’opera “Atto di forza” già presentata a Bergamo lo scorso anno. «La mostra materana – spiega l’artista –  è la seconda tappa dell’Evento NowArt ed è curata da Antonello Guardigli». L’evento si svolge presso la “Casa Cava” ed è organizzato dalla InArte Werkkunst Gallery. «Si tratta di occasioni veramente speciali di confrontarsi con altri artisti contemporanei e farsi conoscere dal pubblico. Permettono di maturare artisticamente e personalmente e anche di acquisire spunti e riflessioni che non possono fare altro che spingere a migliorare se stessi e il proprio lavoro. Inoltre sapere che la propria opera è stata scelta per essere esposta è grande motivo di soddisfazione e orgoglio».

Sannicola – Appuntamento il 26 maggio ore 19 per i festeggiamenti della Madonna della consolazione che inizieranno con la processione che partirà dalla chiesetta di Santi Medici per giungere sino alla chiesetta della Consolazione dove sarà celebrata la messa. La processione partirà da via Roma per poi percorrere via Regina Elena, via Aradeo, via Collina, via Trieste via Aradeo e la provinciale per Neviano con la benedizione dei campi. Alla fine della messa musiche popolari con il gruppo “Ulia” di Anna Cinzia Villani e  alle 22.30 spettacolo pirotecnico di Amodio Maggio e banda di Matino.

La storia La Madonna della Consolazione si festeggia dal 1993 quando alcuni fedeli decisero di ristrutturare la chiesetta rurale in abbandono. Dai pochi documenti storici a disposizione si ha notizia di un crollo nel 1893 mentre l’anno successivo, grazie alle offerte dei fedeli, la chiesa venne ricostruita ed aperta alla devozione del popolo. Ristrutturata e decorata ulteriormente nel 2007, è aperta al culto in periodi particolari come il mese di maggio, dedicato alla Madonna e per i festeggiamenti.

Sannicola – Commovente testimonianza delle famiglie De Filippo, Nicosia e Picciolo (tutte di Sannicola) nel corso della trasmissione “A sua immagine” andata recentemente in onda su Rai1 e condotta da Lorena Bianchetti. Le tre famiglie sono accomunate dalla terribile esperienza della perdita di un figlio e il tema della trasmissione è stato proprio quello della forza che si può trovare nella condivisione di un tale terribile dolore con chi ha subito il medesimo lutto. I tre giovani, Stefano De Filippo, Gabriele Nicosia e Alex Picciolo sono stati strappati prematuramente al mondo e questo ha gettato nello sconforto le famiglie che in trasmissione hanno raccontato come sono riuscite a elaborare in un certo qual modo il lutto grazie all’intervento del parroco che li ha invitati ad incontrarsi e a parlarne e a non rinchiudersi nel dolore. I De Filippo erano presenti in trasmissione e sono stati intervistati direttamente mentre i Nicosia e i Picciolo sono stati intervistati in collegamento. Presenti in trasmissione anche altre famiglie con la medesima esperienza.

 

Sannicola – Una giornata davvero speciale quella che i bambini delle classi seconde e terze della scuola Primaria di Sannicola hanno trascorso, nei giorni scorsi, presso la Cooperativa olearia sannicolese. Nell’ambito della “Giornata del trekking”, gli studenti sono stati accompagnati a piedi dai nonni vigile Antonio Pastore e Claudio Mercuri, sotto l’occhio attento della polizia municipale e degli insegnanti, percorrendo il lungo tragitto che dalle scuole, attraverso piazza della Repubblica e via Don Tonino Bello, li ha portati sino alla cooperativa. “La salute vien camminando” è stato lo slogan della giornata volta a promuovere il corretto stile di vita. A metà mattinata pausa merenda con pane, olio e pomodoro e nella seconda parte della giornata il Gruppo Trekking Alezio ha organizzato dei giochi di gruppo.

 

Sannicola – Al via le selezioni per la seconda edizione del concorso Miss Store Auto organizzato dall’omonima concessionaria di Sannicola. Le iscrizioni sono riservate a ragazze tra i 18 e i 25 anni e si possono effettuare attraverso la pagina facebook storauto srl o tramite whatsapp al numero 328 3054385. Lo scorso anno è risultata vincitrice Debora Pellico, 21 anni di Parabita. Sul podio anche Antonietta Bianco di Gallipoli e Chiara Picciolo di Parabita. Alla finale del concorso, organizzato dai coniugi Ada Negro e Andrea Puce, erano giunte Lorenza Pellegrino di Galatina, Elena Imperiale  di Tuglie, Denise Abbate, Flo De Filippo, Marilena Greco, Mery Cacciatore, Antonietta Bianco e Grazia Barone, tutte di Gallipoli, Tamara Magnolo di Matino,  Antonella Gaetani ed Eleonora Bove di Parabita, Clelia Scalese di Cutrofiano, Emma Abbate di Taviano e Alessandra Martignano di Alezio.

Gallipoli – Appuntamento giovedì 17 maggio alle ore 21 al Teatro Schipa di Gallipoli per lo spettacolo “C.o.n.g.i.u.r.a Purificazione” messo in scena dalla compagnia “Alii Somnia”  per la regia di Paride Caricato con la partecipazione del cantante Michele Cortese (di Gallipoli), del pianista Daniele Vitali (di Gagliano del Capo) e l’attrice Valentina Piccolo (di Lecce) in collaborazione con Témenos Recinti Teatrali di Gagliano del Capo. «Lo spettacolo – commenta il regista di Tuglie – intende sensibilizzare verso un’umanità migliore, rappresentando il male inteso variamente inteso come la guerra, l’inquinamento, la povertà. L’intento è quello di risvegliare le coscienze di tutti verso il cambiamento». La compagnia è composta da 17 ballerini, allievi di Caricato. Al contempo, si affianca anche ad artisti operativi da anni nell’ambiente culturale del Salento quali la scuola di danza Victory Dance di Parabita e la compagnia teatrale Témenos Recinti Teatrali. «”Alii Somnia”  – continua Caricato – significa “Sogni d’altro” e nasce con l’obiettivo di selezionare danzatori e danzatrici senza la necessità di attingere all’estero».

 

Sannicola – Appuntamento l’11 e il 12 maggio per i solenni festeggiamenti di San Nicola a Sannicola. Venerdì 11 dopo la messa delle 18.45 c’è la processione solenne dalla chiesa matrice a piazza della Repubblica con la benedizione e il concerto bandistico “Città di Gagliano”, con Anna Ciacca direttore d’orchestra. Sabato 12 al termine delle messe è previsto il tradizionale “bacio della reliquia” e, alle 21.30, lo spettacolo musicale di Vito Mariani “Orchestra all’italiana, tributo a Renzo Arbore”. A mezzanotte meno un quarto fuochi d’artificio. Ad organizzare la festa è la parrocchia di Santa Maria delle Grazie retta da don Massimo Cala.

Sannicola – Appuntamento a Sannicola giovedì 10 maggio alle ore 20, presso il centro culturale di via Oberdan, per la presentazione del libro “L’anima de tu poarieddhu cu la lingua te li nonni nosci” di Pino Tarantino (foto). Si tratta della prima pubblicazione della raccolta di poesie dell’autore sannicolese che scrive in vernacolo da molti anni e che ha sempre declamato le sue opere durante alcune manifestazioni e pure su facebook. L’evento, patrocinato dal Comune, è organizzato da Pro Loco ed è coordinato da Franco Marrocco, il segretario dell’associazione. Alla serata interverrà Franco Ventura, pittore e poeta, mentre con l’autore dialogherà la giornalista Maria Claudia Minerva. Intratterranno il pubblico le musiche di Francesco Barbaro e le letture di Salvatore Coluccia e Antonietta Manca della compagnia teatrale Gli Armonauti di Gallipoli. Tra gli interventi  anche quelli del sindaco Cosimo Piccione e della presidente Pro Loco Elisabetta Greco.

Sannicola – Tradizionale appuntamento in contrada Crocefissi lungo la Provinciale Sannicola-Gallipoli per i festeggiamenti de “Crocefissu te lu monte” che si terranno per tutto il giorno domenica 29 aprile a partire dalle 11 con la messa e a proseguire fin a sera con tutta una serie di eventi. Alle 12 l’associazione Archès presenterà il reportage “Il t.a.c. nel p.i.p., storia di uno sviluppo mai decollato” a cura di Melissa Calò e Andrea Cavalera che forniranno ai convenuti anche cenni storici sulla chiesetta. Seguirà il “pic-nic” autogestito caratterizzato dalla jam session cui sono invitati tutti gli artisti a partecipare a partire dalla 15. Alle 16.30 Marco Cavalera, archeologo, e Stefano Calò, esperto di modellazione 3d dei beni culturali e ambienti rupestri, accompagneranno il pubblico alla visita delle grotte rupestri. Alle 18.30 sarà celebrata la messa e a seguire riprenderà il percorso informativo a cura degli archeologi di Archès sugli insediamenti rupestri e il culto del Crocefisso nel Salento a cura di Alessio Stefàno, dottore di beni culturali.

 

San Simone (Sannicola) – Appuntamento alle ore 9 a San Simone domenica 29 aprile per il 15° trofeo “Mauro Fedele” organizzato dall’omonima polisportiva in collaborazione con l’associazione sportiva “G.S. Piconese No Tap” di Melendugno. «Si prevedono circa 150 partecipanti per la categoria “Amatori” – commenta Gianfranco Pisanello, organizzatore tecnico e ciclista di lungo corso – che verranno anche da Bari, Foggia e Taranto e da Sicilia e Calabria». La gara, patrocinata dal Comune, è la seconda prova del Campionato italiano centro sud e fa parte del “Cicloamatour” in 10 tappe e del “Giro dei boschi” in 3 tappe. La corsa partirà da piazza San Biagio, proseguirà per via Alezio, giungerà a Sannicola in piazza della Repubblica, proseguirà per Chiesanuova, via Raimondi, via Sferracavalli, via Grassi, salirà per via Oberdan e via Petrarca per giungere nella parte alta del paese e da viale degli Studenti scenderà per via San Simone. Il percorso sarà ripetuto otto volte per un totale di 80 km. Il segnale per la partenza sarà dato da Silvano Lotti, presidente onorario della scuola di ciclismo tugliese salentina “Vincenzo Nibali”, ciclista che ha collezionato nella sua vita numerosi successi tra cui la vittoria nella prima edizione della “Targa Crocefisso” nel 1951. L’anno scorso la gara è stata vinta da Ciro Greco. «Una gara importante, commenta Fernando Leo, presidente della Polisportiva – di cui andiamo molto orgogliosi e che ogni anno organizziamo con l’organizzazione tecnica di Gianfranco Pisanello assieme all’associazione ciclistica Piconese. Un campionato italiano in 3 tappe di cui l’unica pugliese è proprio nella nostra San Simone».

Sannicola – C’è un pezzo di Salento anche in California grazie alle feste, le sagre, le degustazioni e i corsi di pizzica organizzati dalla sannicolese Alessandra Chimienti. La ragazza, in America per amore e per studiare in un prestigioso college, ha creato il gruppo Facebook “Pugliesi in California”, per cercare di attenuare un po’ la nostalgia di casa. «Mi sono detta che se a San Francisco ci ero arrivata io, partendo dalla piccola Sannicola, di certo c’era altra gente come me proveniente da altre parti della Puglia. Quando ho creato il gruppo eravamo solo in due mentre oggi siamo quasi in 150».

La sagra di casa negli States L’associazione organizza anche la “Sagra te lu paese tou”, quest’anno alla seconda edizione, con i prodotti tipici locali (da “Antico forno” di Chiesanuova, “pasticceria De Mitri” e “L’arte del pane” di Sannicola).  «Si tratta di un grande evento – spiega la ragazza – che si svolge al Golden Gate park di San Francisco in cui ogni partecipante porta un piatto tipico del suo paese di origine. In questo modo, essendo la maggioranza dei partecipanti pugliese, si ha modo di riassaporare i sapori di casa ma anche di farli conoscere per la prima volta a chi pugliese non è». Ma le soddisfazioni per Alessandra sono anche quelle dello studio visto che a maggio si laurea presso il Merrit Collage di Oakland dove è stata pure scelta, grazie agli ottimi risultati conseguiti, come “valedictorian” per tenere il discorso di commiato finale

San Simone (Sannicola) – La parrocchia di San Biagio, a San Simone (frazione di Sannicola), ricorda i 90 anni dell’arrivo di don Gabriele Rizzo attraverso una mostra retrospettiva di 6 opere dell’autore realizzate tra gli anni ’50 e ’60. La mostra, curata da Franco Ventura, può essere visitata da quest’oggi, sabato 14 aprile, subito dopo la messa delle 19. Don Gabriele nacque a Gallipoli nel 1896 e giunse nella parrocchia nel 1928 per rimanervi per 42 anni, fino alla sua morte avvenuta nel 1970. «Don Gabriele – spiega Ventura – già da  ragazzo, assieme alla vocazione sacerdotale, coltivava anche quella per le arti, la storia e la poesia. Amava disegnare ritratti a carboncino raffiguranti i papi, i vescovi e i parrocchiani, opere che solo nel 1974 furono raccolte in una mostra dal suo successore don Grazio Cagnazzo e dallo studioso Marcello Musca». Anche in quella occasione la mostra fu curata da Franco Ventura. Il sacerdote- artista aveva anche realizzato un autoritratto e nel 1951 un libro dal titolo “Il villaggio di San Simone”. Inediti sono rimasti, invece, rimasti, “Storia di Sannicola” e “Storia della diocesi di Gallipoli”.

Sannicola – Appuntamento domenica 15 aprile alle ore 20 presso il Centro culturale di via Oberdan per lo spettacolo teatrale “Serva Italia, Italiani strana gente” di e con Carlo Mega, organizzato dall’associazione Metoxè. Originario di Sannicola, Carlo Mega, vive tra Roma e Milano dove lavora come attore e regista. Ha lavorato con la Cooperativa Tuscolano di Luca Ronconi e studiato con Aino Piodi, storico maestro della Civica scuola d’arte drammatica “Paolo Grassi”. «Per capire l’Italia di oggi – spiega Simona Mosco, presidente di Metoxè – Carlo Mega parte dall’invettiva di Dante, “Ahi serva Italia”, per ripercorrere la storia del Bel Paese attraverso lo sguardo di poeti, intellettuali, storici e artisti da Machiavelli, Foscolo, Leopardi e Manzoni sino a Gramsci, Carlo Levi, Montanelli, Bocca e molti altri. La cultura è storia e in occasione dei 70 anni della Costituzione abbiamo fatto coincidere questo evento. É importante conoscere chi siamo percorrendo l’Italia di ieri e di oggi. Ascoltare le voci di chi ha fatto grande la nostra patria. Inoltre è un onore per noi avere Carlo Mega, attore e regista compaesano». Lettori della serata Maria Elena Tucci e Fausto Puce.

Sannicola – Sono state posizionate nei giorni scorsi le due tele realizzate per la confraternita del Sacramento e Madonna delle grazie, a Sannicola, dall’artista Davide Di Vetta. «Le opere  – spiegano i confratelli – sono state richieste all’autore dal compianto priore Pasqualino Stamerra e commissionate dal suo successore Pasquale Mercuri. Esse rappresentano le due confraternite (Sacramento e Madonna delle Grazie) che si sono unificate nel 2009». Le opere si trovano all’interno della “congrega”, di fianco alla chiesa madre, e possono essere visitate ogni domenica mattina durante l’orario delle messe. Di Vetta (di Sannicola)  ha anche realizzato, sempre per la confraternita, lo sfondo raffigurante le pie donne piangenti della teca ospitante la statua di Gesù morto da poco restaurata. «Sono lusingato e onorato – commenta l’artista – di essere stato chiamato a realizzare queste opere. Il lavoro ha richiesto alcuni mesi e sono orgoglioso del risultato finale. Spero possano essere gradite ai confratelli e al pubblico».

 

Sannicola – Sannicola assegna un’importante benemerenza civica assegnata al carabiniere in pensione Salvatore Nicosia. La cerimonia si è svolta nei giorni scorsi al centro culturale di via Oberdan alla presenza dei colleghi e dei carabinieri in pensione. Nicosia,  vicebrigadiere capo con qualifica speciale dei carabinieri, è andato da poco in pensione dopo aver prestato servizio a Sannicola dal 1986 fino al 2017. «Mi sono arruolato nel 1978 e sono stato a Gualtieri, Reggio Emilia, a Collecchio, Parma e poi a Sannicola dove ho vissuto oltre un quarto di secolo e dove ho lasciato il cuore. Ora vivo in Sicilia ma tornerò spesso a ritrovare le persone con cui ho vissuto tutta la vita e che mi sono state vicine nei momenti felici e soprattutto in quelli più bui della mia vita, in particolare quando con mia moglie abbiamo dovuto affrontare il terribile lutto della perdita del nostro amato figlio». Il riconoscimento, consegnato dal sindaco Cosimo Piccione, è stato proposto all’Amministrazione comunale da Nello Marti. «Per il suo impegno civico e la costante dedizione all’arma, e alla difesa dei cittadini, contribuendo così alla crescita e al raggiungimento del bene comune»: questa la motivazione della benemerenza.

Sannicola – La settimana dei riti pasquali, a Sannicola e nelle frazioni, è caratterizzata anche dalla presenza divertente e insieme inquietante delle Caremme, sparse qua e là e arrampicate persino sugli alberi, e da “Lazzareni” (la notte delle Palme), “Matinate” (la notte di Pasqua) e “Ringraziate” (la settimana successiva). «Ho cantato nei lazzareni per più di 30 anni – commenta Rocco Leo, di San Simone – era un divertimento che aspettavamo per tutto l’anno tra risate e le battute sempre spiritose di Luigi Zuccaro». Il gruppo era costituito da Sergio e Augusto Leo alla chitarra, Luigi Zuccaro alle percussioni e Carmine Pisanello (recentemente scomparso) alla fisarmonica. «Ricordo con particolare commozione – prosegue Leo – le gare canore che si svolgevano negli anni ’80 all’interno del Cinema Vaglio in piazza della Repubblica, a Sannicola. In una occasione arrivammo persino secondi». Il gruppo di San Simone si spostava anche nei paesi vicini per portare la tradizione sannicolese. «Una notte andammo in una masseria a Collepasso a casa di un conoscente, ma lui non capì la situazione, poiché non conosceva questa tradizione e si affacciò dalla finestra con un fucile da caccia pensando che fossimo dei malviventi e sparò persino alcuni colpi prima di riconoscerci e capire che eravamo lì per cantare».

Gallipoli – Sono in tanti, in queste ore, a ricordare il legame tra il presentatore romano ed il Salento, e in particolar modo con Gallipoli. Frizzi condusse tre edizioni del Premio Barocco, da quella del 2008 a Lecce a quelle del 2010 e del 2011 a Gallipoli (la prima al Teatro Italia e la seconda nell’area portuale). Per questo lo staff del Premio Barocco, con il patron Fernando Cartenì, ha un ricordo particolare per Frizzi, “l’uomo dei sorrisi e degli abbracci, sempre gentile con tutti, mai sopra le righe, è stato uno dei personaggi più amati e più presenti nelle case degli italiani. Nel giorno della sua scomparsa, tutto lo staff del Premio Barocco è sinceramente commosso. Non smetteremo però di ricordarlo con un sorriso. Lo stesso che lui regalava a chiunque, contagiando con il suo entusiasmo, perché come diceva lui: La vita è meravigliosa”. Altro legame quello con il produttore televisivo Nello Marti (di Sannicola) che lo ricorda come “un caro amico, più che un collega di lavoro, una persona umile, disponibile e sempre gentile”. Marti ha lavorato per Rai1 con Fabrizio Frizzi producendo il Premio Regia Televisiva, gli Oscar tv nel 2011, 2013, 2014 e 2015, e per lo stesso Premio Barocco.  «Parecchi anni fa – ricorda commosso Marti – vinse anche un premio speciale per l’audience eccezionale di un’edizione di “Miss Italia”. Nella conduzione del Premio Barocco faceva scintille ed era il conduttore più adatto perché dava spazio agli ospiti. Ricordo l’esibizione di Sofia Loren e di sua sorella che cantarono con Albano”. Nello Marti ricorda anche altri particolari: «Più che lavorare in ufficio, preferiva venire alla Maestà, in campagna, e preparare le scalette dei programmi seduti nella natura. Veniva in macchina anche una settimana prima della messa in onda per curare ogni dettaglio e amava tanto il Salento che chiamava “La terra promessa, luogo di serenità, socievolezza e accoglienza”. Quando il lavoro si faceva pesante e stressante, dopo varie ore, mi diceva: “Questo è il momento di raccontarmi una storiella per ridere”, e amava farsi raccontare aneddoti comici su personaggi televisivi famosi del passato. E dopo quel momento di pausa, riprendevamo a lavorare”.

Sannicola – Primo posto femminile per Letizia Milauro e quarto tra i ragazzi per Lorenzo Mega al recente torneo internazionale a Samobor, in Croazia, per il dojo di Sannicola di karate Kyokushinkai diretto dai maestri Luciano Centonze e Massimo Zocco (da sinistra nella foto con i due atleti). Alla manifestazione hanno partecipato circa 280 atleti di 48 squadre provenienti da Austria, Bosnia Herzegovina, Estonia, Ungheria, Italia, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Serbia, Spagna, Ucraina, Stati Uniti e Croazia. «Questi piazzamenti – commenta Luciano Centonze –  sono il risultato di un impegno costante degli atleti e ci riempie di orgoglio come maestri vedere realizzato l’obiettivo di ogni atleta in gara: raggiungere il podio più alto».

Sannicola – Appuntamento sabato 17 marzo 2018, alle ore 20,30 presso il Centro culturale di via Oberdan, con l’associazione  Metoxè, per l’evento “Sorrido grazie a te”. L’iniziativa prevede la partecipazione del cantante Michele Cortese (di Gallipoli), vincitore della prima edizione di X Factor Italia nel 2008 con il gruppo vocale Aram Quartet,  duplice vincitore della 56ª edizione del Festival di Viña del Mar nel 2015 e fresco dal suo ultimo tour “Km0”. Cortese darà vita ad un live acoustic dedicato a Lucio Battisti.  Gli spettatori dovranno munirsi di un  “biglietto” particolare: una busta della spesa contenente beni di prima necessità  come pasta, latte, zucchero, tonno, riso, caffè, olio che verranno donati dall’associazione ai poveri per il tramite di Banco alimentare, Caritas e Misericordia. «L’intento – commenta la presidente Simona Mosco –  è quello di far sentire unite tutte le persone. Perché chi può ha il dovere di dare a chi non ha possibilità di avere un pasto certo».

Sannicola – Un’opera unica, realizzata artigianalmente, per ridare il cuore alla Madonna addolorata di San Simone. È quella realizzata (in argento) dalla giovane orafa Ramona Palese grazie all’impegno del comitato spontaneo sorto in seguito al furto del cuore originale della statua avvenuto durante l’estate scorsa ad opera di ignotii. Il comitato è composto dal parroco don Claudio Mazzotta e dai fedeli Daniele Leo, Gino Ria e Cosima Tarantino. «Il cuore è caratterizzato da molti simboli di fede – spiega don Claudio – una corona di rose, segno della purezza, la fiamma, segno del suo cuore ardente e una spada che lo trafigge, poichè lei è compartecipe delle sofferenze di Cristo». L’elsa della spada è decorata con degli angeli e al centro un serafino con le quattro ali chiuse e altri angeli laterali. «È un pezzo unico fatto a cera persa. Prima la si lavora a mano e poi si fa la fusione del metallo sulla cera. In questo modo – afferma l’orafa – si ottiene il metallo base che va poi lavorato e rifinito. La cera in questo processo va, appunto, “persa”, per cui se se ne volesse realizzare un altro bisognerebbe ripartire dal principio ed essendo del tutto artigianale non sarebbe mai uguale. È stato emozionante creare quest’opera perché ho sempre lavorato per i privati ed è la prima volta che creo un’opera per la chiesa che sarà esposta al pubblico. Per me è un onore». La giovane orafa è figlia d’arte dell’orefice Fabrizio Palese che festeggerà proprio nel 2018 i 40 anni di attività. La benedizione del cuore avverrà domenica 18 marzo alle ore 18 nella parrocchia di San Biagio. «Il  furto del cuore originale della statua, risalente agli anni ’40, è stato un grande dispiacere per tutta la comunità. Per questo si è determinata la volontà di realizzarne uno nuovo, espressione della fede e della devozione per la Vergine Maria e per l’Addolorata in particolare», afferma don Claudio. Tanti i fedeli “simonari” che hanno contribuito. «Appena abbiamo costituito il comitato – spiega Daniele Leo – e abbiamo iniziato a chiedere contributi in giro, abbiamo subito trovato un grande riscontro e addirittura molti fedeli si sono recati in chiesa per portare il proprio contributo. In pochi mesi abbiamo raggiunto l’obiettivo e dato ordine all’artista di realizzare l’opera».

 

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...