Aradeo, primo ciak per la “Merico”

carmine merico

Il giovane Carmine Merico, amministratore della “Merico productions”

ARADEO. Sorprende piacevolmente che cittadini di Aradeo abbiano deciso di investire risorse e competenze nel mondo del cinema. È quanto sta accadendo con la “Merico productions”, società di produzioni cinematografiche e televisive, amministrata dal giovanissimo Carmine Merico, 23 anni compiuti lo scorso 5 marzo. Padre di Aradeo, madre di Noha, il ragazzo ha vissuto con la sua famiglia  negli ultimi 15 anni in Spagna. Nel Salento sono tornati l’anno scorso, decisi ad intraprendere questa avventura potendo contare su di “una valida sceneggiatura” scritta da Luca Biglione e dal comico romano Enzo Salvi.
Le riprese del loro primo film “Mia figlia si sposa” (ma se ne prevedono già degli altri) avranno inizio la settimana prossima. Come locations splendidi squarci del paesaggio salentino, dagli uliveti al mare, alla stupenda piazza Salandra di Nardò,  al Ristoppia di Lequile, al BluBay, ai palazzi barocchi di Lecce, alla piazza di Martano, al Ciak. La regia è affidata a Florinda Martuncello, nella sua opera prima. Con lei Blasco Giurato (premio Oscar per la fotografia in “Nuovo cinema paradiso” di Tornatore), quale direttore della fotografia.
Nel ruolo di supervisore della produzione c’è Salvatore Alongi, in passato braccio destro di Luciano Martino, uno dei più grandi produttori italiani i tutti i tempi. Produttore esecutivo è Salvatore Scarico, un allievo dell’89enne Manolo Bolognini (sul set la settimana scorsa). Fra gli attori del film figurano nomi prestigiosi quali Uccio De Santis, Antonio Giuliani, Gianni Ciardo, Paola Onofri, Maurizio Mattioli, Antonella Genga, Nina Morich, Lino Barbieri, Roberta Garzia.

Commenta la notizia!