Anche Nardò pronta ad ospitare le troupe cinamatografiche

Dino Abbrescia e Raul Bova al "Mignano"; in basso Attilio Caputo

Dino Abbrescia e Raul Bova al “Mignano”; in basso Attilio Caputo

attilio caputo presidente gallipoli calcio(prima da sx)Nardò. Sono cinque le strutture ricettive neretine che nel 2015 faranno parte di un elenco di fornitori di servizi alberghieri della Apulia Film Commission. L’agenzia regionale lo potrà mettere a disposizione delle produzioni cinematografiche che gireranno in Puglia. Si tratta del bed and breakfast “Corte San Giuseppe”, del Relais “Il mignano”, dell’agriturismo “Le Grancìe” e delle masserie “Pagani” e “La Cornula”. L’elenco nasce a seguito di un avviso pubblico scaduto il 10 dicembre 2014, i cui esiti sono stati resi noti a gennaio.
«Non si tratta – precisano dall’Apulia Film – di una procedura di affidamento e pertanto non sono previste graduatorie, punteggi o altre classificazioni di merito». Tuttavia far parte di questa lista significa comunicare la propria disponibilità ad essere invitati a sottoscrivere convenzioni per offrire alloggio e ristorazione alle produzioni cinematografiche e televisive. Un dettaglio tutt’altro che trascurabile, soprattutto alla luce di quanto avvenuto negli ultimi anni, con la città di Nardò sempre più spesso scelta come location sia per girare film destinati al circuito televisivo come “Cesare Mori: Il prefetto di ferro”, “Il padre della sposa”, “Il peccato e la vergogna”, a produzioni per il cinema come “L’immagine del desiderio”, “La terra”, “Walking on sunshine” e il recente “Sei mai stata sulla luna?”.
Le imprese locali hanno dunque a cuore questo interessante fenomeno di promozione e di sostegno all’economia del territorio. Ovviamente non solo a Nardò: diversi hotel e residence del basso Salento hanno partecipato a questo “Avviso esplorativo di manifestazione di interesse”, finanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (uno dei fondi strutturali dell’Unione Europea), e sono riusciti anch’essi ad entrare nella “fatidica” lista. Si va da Gallipoli (Joli Park Hotel, Ecoresort “Le sirene”, Bellavista Club di Attilio Caputo;  Gallipoli Resort, Hotel Ristorante “Al Pescatore”, Hotel “33 Baroni”) a Presicce (“La Casarana Resort”), da Tuglie (agriturismo “Villantica”) ad Ugento (Resort Monteforte, Hotel “Hyencos”, Hotel “Poseidone”).

Commenta la notizia!