«Al più presto, non più di 10 giorni»

di -
0 827

Uno dei pali da sostituire

Torre Suda. L’Enel non sostituisce i pali corrosi? Il Comune passa alle maniere forti ed emette un’ordinanza completa di ultimatum. Il vicesindaco di Racale Frediano Manni alcuni giorni fa ha ordinato alla società dell’energia elettrica di sostituire i pali danneggiati, corrosi e pericolanti di Torre Suda.  In particolare, il pericolo maggiore per turisti e residenti è stato riscontrato in via Jonica, sul lungomare, in via Luigi Rizzo, in via Sardegna e in corso Vittoria.

I pali oggetto dell’ordinanza sono sia metallici, sia in cemento. Quelli del primo tipo sono corrosi e, in alcuni casi, anche bucati; gli altri, invece, “perdono pezzi” in modo molto pericoloso per l’incolumità dei passanti. L’ordinanza è stata emessa dopo la segnalazione, da parte del responsabile del servizio lavori pubblici e manutenzione del Comune, della presenza di stato di degrado e di pericolo per la pubblica incolumità. Il vicesindaco ha ordinato ad “Enel Distribuzione” di effettuare i lavori entro dieci giorni. Trascorso tale termine, il Comune provvederà a sue spese, addebitando successivamente i costi alla società fornitrice dell’energia elettrica.

Il provvedimento – che è anche arrivato sul tavolo del prefetto di Lecce Giuliana Perrotta – è giunto dopo varie lamentele che il Comune ha sollevato, anche in forma scritta, per segnalare il problema. Saranno gli agenti della polizia municipale, agli ordini del maresciallo Franco Corvaglia, a vigilare sull’esecuzione e sul buon andamento dei lavori.

PT

Commenta la notizia!