Gallipoli – Una vita passata tra le giostrine a far divertire i bambini. Una vita intera: sin da bambino, ma non dalla parte di chi si diverte a girare in tondo. Il protagonista di questa storia si chiama Barsanofio Bembi, ha 75 anni ed è il giostraio tra i più anziani del Salento. Lo trovate, spesso con qualsiasi tempo, accanto alla sua “ruota” magica in piazza Carducci, su corso Roma. Se l’attività non è in pieno svolgimento magari perché è mattina o non è ancora l’orario giusto, lui ne approfitta per ritocchi cromatici, piccoli aggiustamenti meccanici, prove di funzionamento. Con risultati che si vedono ad occhio nudo: difficile trovare qualcosa di più curato.

Con la sua “ruota” da Tripoli a Gallipoli Nato ad Oria, in provincia di Brindisi, e rimasto orfano di padre quando aveva appena un anno, Barsanofio all’età di 12 anni se ne va da casa per motivi di lavoro; segue così il fratello maggiore che ha appena iniziato a lavorare come giostraio appunto. “Ho cominciato così a lavorare in giro per l’Italia e anche all’estero, sempre con il suo camioncino pieno di sorprese per i più piccoli. In un periodo ricordo che andai anche a lavorare in Africa, a Tripoli, sempre insieme a mio fratello. Poi lui si è fermato, ha cambiato lavoro; io ho continuato, spinto dalla necessità ma soprattutto dal grande amore che nel frattempo mi era nato per i bambini e per questo lavoro”

Quella decisione mai venuta meno “Decisi così che avrei passato la mia vita a renderli felici i bambini che incontravo con le mie giostrine. A 25 anni incontrai poi mia moglie, una gallipolina, e per questo amore decisi di fermarmi qui a Gallipoli, anche se viaggiare mi è mancato sempre tantissimo”. Poi, con un filo di orgoglio, racconta la meraviglia dei grandi, delle mamme che vedono come ci sa fare con i loro figlioletti: “Arrivano qua che piangono, si disperano poi ci parlo io e tutto finisce in un sorriso e le mamme mi dicono ‘ma come hai fatto…'”. Diverse generazioni gli sono passate davanti ed i bambini di un tempo, che prima pregavano i genitori per un giro di giostra, adesso sono diventati a loro volta genitori e portano i loro figli a divertirsi su automobiline, cavallucci, motorini, carrozze.

Pubblicità

Ma adesso c’è un problema Mai un incidente, mai pensato di cambiare mestiere: “Questo so fare, da sempre. Ormai sono oltre 60 anni”. Anche se in questi ultimi due deve convivere con un cruccio. Da due anni appunto lo hanno spostato da un posto, sempre sulla piazza, ad un altro dove però il suo naturale richiamo non lo vedono più i passanti. E gli incassi si sono più che dimezzati (non le spese, ovviamente). Conclude mesto Barsanofio, mentre ha appena avviato un altro giro: “I bambini hanno ancora bisogno delle giostrine, ma dietro a questo chiosco non mi vedono più. Spero solo di tornare dove stavo prima, dietro l’edicola della piazza, dove sono stato per tanti anni,  per continuare a vivere della felicità dei bambini”. Ma si vede nello sguardo che non ci crede molto.

 

Pubblicità

Commenta la notizia!