Volley, al Cuore di Mamma Cutrofiano manca la vittoria per un soffio. Troppi infortuni e troppi ko

374

Cutrofiano –  Valgono poco le due vittorie e pesano troppo le otto sconfitte, l’ultima maturata proprio nel finale, ma alla luce dei numerosi infortuni patiti, la squadra Cuore di Mamma Cutrofiano ha dimostrato di essere ancora viva e di potersi giocare ancora le sue chance in chiave salvezza.

Si è rivelato di nuovo fatale il tie-break per il Cuore di Mamma Cutrofiano. Le “Pantere” guidata da coach Carrattu si sono sgretolate nel quinto set della gara disputata contro la Cda Talmassons, al termine di una partita tirata e ricca di emozioni conclusa con il risultato di 2-3.

Dopo la sconfitta incassata una settimana fa contro il Sassuolo con il medesimo esito, le salentine hanno ciccato la vittoria per un soffio, in occasione della prima giornata di ritorno del campionato femminile di serie A2. Con questo risultato le cutrofianesi hanno guadagnato un punto in classifica. Resta ancorata in decima posizione il Cuore di Mamma Cutrofiano, con dieci partite giocate e un bottino di nove punti.

Un match sofferto

Al Pacesari, il Cuore di Mamma ha cercato il riscatto contro la Cda Talmassons, ma è inciampato sul più bello: le padrone di casa, sostenute dal calore del pubblico, hanno agguantato il vantaggio nel primo parziale e sono riuscite ad avere la meglio sulle avversarie (25-20).

Nel secondo set, la Talmassons ha risposto immediatamente e, seppure le ragazze guidate dallo spirito di Asia Cogliardo hanno dimostrato il proprio carattere, per le ospiti è arrivato il momento di sorridere con la conquista del pareggio dei set (22-25).

La reazione del Cuore di mamma Cutrofiano non si è lasciata attendere. Al termine di un terzo set molto equilibrato, le Pantere si sono riportate in vantaggio (25-23). Nel quarto gioco le ospiti hanno acciuffato per la seconda volta il pareggio dimostrando di crederci di più (23-25), allungando la partita al quinto e decisivo set. Al tie-break la Cdt Talmassons si è subito portata avanti di due punti mantenendo il residuo vantaggio sino al 13-15 finale e aggiudicandosi il match.