Volley Cutrofiano, le ragazze del “Cuore di mamma” chiudono il girone di andata all’ultimo posto

179

Cutrofiano – Ennesima sconfitta per le ragazze del Cuore di mamma Cutrofiano. Questa volta le “pantere” hanno desistito al tie-break a beneficio del Sassuolo, che si è aggiudicato la gara col punteggio di 3-2 al termine di una gara molto equilibrata.

Una caduta meno rovinosa rispetto alle precedenti, perché ha consentito alla formazione salentina di muovere la classifica portando a casa un punto prezioso. Con quest’insuccesso il Cuore di mamma resta ancorato all’ultimo posto della classifica, con 8 punti al netto di due vittorie e sette sconfitte. Un risultato maturato nell’ultima giornata del girone del campionato femminile di serie A2.

Pesano gli infortuni

Per il Cuore di mamma si materializza così la quarta sconfitta consecutiva. Una striscia negativa condizionata dai tanti infortuni che hanno falcidiato l’organico a disposizione di Carratù.

Pubblicità

Tra le pallavoliste guidate da Antonio Carratù si è distinta la prestazione di Kajalina, autrice di ben 31 punti. Ma le modenesi si sono imposte al Pala Paganelli dinanzi ai propri sostenitori in virtù delle performance di Adhuoljok e di Cvetnic, che hanno messo a segno rispettivamente 28 e 29 punti.

Al di là della sconfitta, le salentine non hanno però sfigurato al cospetto delle modenesi, aggiudicandosi il primo e il terzo set, entrambi vinti per 22-25. Soltanto al tie-break le ragazze di mister Carratù si sono dovute arrendere alle padrone di casa, dopo un set serratissimo che si è chiuso sul punteggio di 21-19.

Nonostante le sconfitte, ottimismo per il girone di ritorno

Pur con questi risultati deludenti, il direttore sportivo Francesco Melegari (di Cutrofiano) intravede la luce in fondo al tunnel: “Cogliandro e Provaroni hanno ripreso a lavorare con il gruppo, per cui crescerà il livello degli allenamenti. Siamo convinti che il girone di ritorno sarà tutta un’altra musica, perché Carratù avrà a disposizione più frecce al proprio arco”.

“Crediamo fortemente nella squadra allestita in estate – ribadisce Melegari. – Certe assenze prolungate si sono rivelate molto pesanti nell’economia dei risultati e delle prestazioni, perché siamo stati costretti a schierare giocatrici fuori ruolo per metterci una pezza”.

Pubblicità