Via al piano di aiuti

1921

GALLIPOLI. Importanti servizi in via di assegnazione nei prossimi giorni per venire incontro alle esigenze delle categorie deboli e svantaggiate, quali anziani, disabili e minori.
Giungono a conclusione le procedure di gara relative all’assegnazione degli appalti per i servizi erogati tramite l’Ambito di zona di Gallipoli che comprende anche i comuni di Alezio, Alliste, Melissano, Racale, Sannicola, Taviano e Tuglie. Tra il 29 settembre e il 3 ottobre, si  procederà alla valutazione delle offerte  per l’assegnazione dell’appalto del servizio di assistenza domiciliare integrata (Adi) destinato a  favore delle persone anziane non autosufficienti e ai disabili gravi. Il servizio prevede l’assegnazione dell’incarico per 16 mesi e sarà destinato ad oltre 75 persone residenti in uno dei comuni dell’ambito. Contestualmente sarà assegnato anche il servizio di assistenza domiciliare (Sad) per anziani e quello socio assistenziale integrato con servizi sanitari.
In fase di assegnazione per il prossimo biennio anche il servizio di integrazione scolastica per gli alunni portatori di handicap. La responsabile dell’Ufficio di Piano, Maria Caiffa, dopo l’approvazione nel luglio scorso da parte dell’autorità di gestione del Ministero dell’Interno che ha finanziato interamente il progetto dell’Ambito di  Gallipoli – Pac Anziani, ha dato seguito, anche alla gara relativa all’affidamento del servizio di telesoccorso, telecontrollo e telecompagnia in favore delle persone anziane (con una base d’asta di 72mila euro) con proroga dei termini per la presentazione delle offerte fissata la 26 settembre prossimo. Un servizio al quale potranno accedere potenzialmente quasi 300 anziani ultra 65enni per un periodo di oltre tre anni.  Il servizio, tramite apparecchiature, operatori e call center attivi h24, mira a favorire il superamento delle difficoltà derivanti da situazioni di emergenza in cui possono trovarsi gli assistiti. Viene reso anche in situazioni di estrema necessità e serve a mobilitare, in maniera mirata, i soccorsi al domicilio dell’anziano. Gli obiettivi specifici sono quelli di alleggerire il carico delle famiglie; consentire un soccorso rapido in situazioni di emergenza; favorire il senso di fiducia dell’utente nella comunità, sviluppare nel contesto locale la concezione del “prendersi cura” dell’anziano o del disabile.