Vaccino antinfluenzale, “dosi in arrivo”, garantisce la Regione: “Il picco attesa dopo Natale”

443

Gallipoli – «Il picco influenzale è atteso dopo le vacanze di Natale. Fino ad allora tutti i pugliesi che ne hanno diritto e vorranno vaccinarsi avranno l’opportunità di farlo». È l’assessore regionale alla Salute Pier Luigi Lopalco che torna a garantire circa la distribuzione delle dosi per il vaccino antinfluenzale rispondendo alle tante sollecitazioni che giungono, da settimane, da parte di medici di base e pazienti in attesa.

Anche al fine di evitare possibili complicanze causate dal Covid, quest’anno le richieste sono aumentate ed in molti casi cc’è da attendere. Ne è consapevole Lopalco che afferma: «Le ditte, interpellate dagli uffici regionali, hanno garantito che continueranno a consegnare i nuovi lotti man mano che verranno resi disponibili a livello nazionale. Quindi bisogna avere pazienza. I medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta stanno facendo di tutto per somministrare le dosi a loro consegnate in base ai criteri di priorità a loro assegnati».

“Già distribuite oltre un milione di dosi”

Malgrado le oggettive difficoltà registrate nel reperire e distribuire le dosi, la Regione fa sapere che la Puglia “è stata fra le prime regioni italiane ad avviare la gara d’acquisto dei vaccini anti influenzali in primavera. In questo modo è riuscita ad opzionare ben 2.100.000 dosi per la stagione 2020-21”. Ma da Bari fanno pure sapere che tale forte richiesta da parte del pubblico, “se da un lato è la dimostrazione di una ritrovata fiducia del cittadino nei confronti del vaccino contro l’influenza, dall’altra sta mettendo alla prova il sistema di produzione e distribuzione da parte delle aziende farmaceutiche”.

Al momento, sulla base degli ordini eseguiti dalle Asl pugliesi, sono stati consegnati dall’azienda farmaceutica Sanofi circa 650.000 dosi ed altre 400.000 da Seqirus. «A titolo di confronto, negli ultimi anni, in tutta la stagione, venivano somministrate complessivamente 6-700.000 dosi», spiega Lopalco.