Vaccini, la Puglia accelera: via alle seconde dosi per gli over 80. La Regione riprogramma le scadenze

616
Gallipoli – «Il Piano vaccinale in Puglia procede al massimo ritmo consentito dalla disponibilità di vaccini». È l’assessore regionale alla Salute Pier Luigi Lopalco (oggi in visita al “Sacro Cuore” di Gallipoli”) a tracciare il bilancio della situazione Covid in Puglia.
«I primi effetti sulla pandemia già si osservano: è crollato il numero di casi fra gli operatori sanitari ed i casi fra gli ultra 80enni sono per la prima volta inferiori a quelli registrati nelle fasce di età più giovani. Il sistema Puglia è già pronto per somministrare fino a 50.000 vaccini al giorno.  In estate – spiega Lopalco – la terza ondata di Covid sarà esaurita e nel frattempo saranno arrivati i vaccini in quantità sufficiente per coprire tutte le categorie di rischio. Questo fa ben sperare che non assisteremo ad ulteriori ondate pandemiche».

Seconde dosi al via

In Puglia quest’oggi sono iniziati i richiami con le seconde dosi di vaccino agli over 80: sono 31.357 le persone che hanno completato il ciclo secondo i dati della Regione aggiornati alle ore 17.30. La notizia giunge il giorno dopo la nuova rimodulazione del calendario vaccinale disposto dalla Regione, con i dati sui contagi sempre alti: il 17,3% dei tamponi oggi risulta positivo (ieri era il 16%), sempre ben oltre il doppio del dato nazionale.
I decessi registrati oggi sono 28, cinque dei quali nel Leccese, mentre scende (unico dato in controtendenza), seppur di poco, il numero dei contagiati a domicilio, che da 41.184 di ieri scende (per la prima volta dopo molti giorni) di 129 unità.

Il nuovo programma vaccinale

Circa i vaccini, il presidente della Regione Michele Emiliano afferma: «Si procede in tutte le province anche con le vaccinazioni domiciliari degli ultra ottantenni. La Puglia sta dando esecuzione speditamente al piano vaccinale: oggi sono 503.332 le dosi somministrate a fronte di 581.545 consegnate, pari all’86,6 per cento (dato aggiornato alle ore 15.30). Di queste: 84.990 al personale scolastico, 13.683 alle Forze armate. Le prime dosi a queste ultime due categorie, effettuate principalmente con Astrazeneca, sono state quasi completate del tutto».
L’obiettivo è quello di recuperare in settimana anche le vaccinazioni riprogrammate a causa dello stop momentaneo alle dosi Astrazeneca. Intanto dal Governo centrale sono giunte 79.560 nuove dosi del vaccino Pfizer.
Nella Asl Lecce sono state somministrate 16.000 prime dosi di Astrazeneca nel personale scolastico, completando tutte le scuole superiori; nelle Forze dell’ordine sono state somministrate 2.000 prime dosi di Astrazeneca; la vaccinazione della Polizia penitenziaria è incominciata oggi e proseguirà nei prossimi giorni, quando le dosi (circa 1.000) saranno anche per il personale universitario.

Al momento le fasce di popolazione calendarizzate sono: personale sanitario, persone da 80 anni in su, personale scolastico, Forze armate e Forze dell’Ordine, strutture penitenziarie, luoghi di comunità, persone con elevata fragilità, persone tra i 70 e 79 anni, persone tra 60 e 69 anni, persone con meno di 60 anni con patologie. La stessa Regione precisa che “il rispetto dei tempi è sempre condizionato dall’arrivo dei vaccini e dalla loro disponibilità”. Nei prossimi giorni sarà presentata la nuova piattaforma “La Puglia ti vaccina” e il numero verde dedicato, che insieme alle farmacie accreditate diventeranno i canali informativi per sapere quando e dove vaccinarsi.