UniSalento pensa alle matricole del 2033: magliette in regalo a 20 scuole primarie. Coinvolta l’azienda tessile Barbetta (di Nardò)

908

Lecce – “UniSalento ti aspetta. Matricola anno accademico 2033/2034”: questo il singolare invito stampato sulle magliette che l’Università del Salento distribuirà a circa 1.500 alunni  delle prime classi di 20 scuole Primarie sorteggiate tra quelle delle province di Lecce e Brindisi. Le magliette, in cotone di qualità 100%, sono state realizzate in collaborazione con l’azienda tessile Barbetta (di Nardò) e verranno assegnate agli alunni e alunne che realizzeranno brevi video sul tema “Cosa voglio fare da grande”.

Il sorteggio ha sorriso alle scuole di Collepasso, Ruffano, Gallipoli “Polo due”, Nardò “Polo uno”, Ugento, Alezio, Melendugno, Copertino “Polo uno” e “Falcone”, Cavallino, Carmiano “Zimbalo”, Lecce “De Amicis” e “Alighieri”, Leverano “Don Lorenzo Milani”, Soleto “Falcone – Borsellino”,  “Alighieri – Diaz” di Lecce, Brindisi “Bozzano” e “Commenda”, Erchie, San Vito dei Normanni “Primo comprensivo”, Francavilla Fontana “Secondo comprensivo”. L’iniziativa proseguirà per altri due anni, con il sorteggio di ulteriori scuole.

“La formazione del futuro” 

«Pensare al futuro non è facile quando è così incerto il presente, ma vogliamo continuare a farlo, a immaginare il futuro si comincia da piccoli, e come Università del Salento – afferma il rettore Fabio Pollice – sentiamo sempre più forte l’esigenza di far conoscere proprio ai più piccoli la risorsa che rappresentiamo per loro: un’organizzazione che si impegna nella ricerca e nella formazione per migliorare il mondo in cui viviamo, renderlo più sostenibile e rispondente alle esigenze delle future generazioni. Vorremmo che le famiglie del nostro territorio vedano nell’Università un’istituzione volta a sostenere i loro figli e, unitamente alle scuole di ogni ordine e grado, costruire assieme a loro un percorso formativo di eccellenza che ne metta in valore le potenzialità e le vocazioni».

«Siamo lieti di collaborare a questa iniziativa di carattere culturale e sociale. L’impresa è un capitale sociale, e l’imprenditore ne è il custode: all’università il compito di accompagnarci in un percorso che ci consenta di trasmettere alle generazioni future imprese sane e culturalmente adeguate alle sfide che ci attendono», commenta Luciano Barbetta, fondatore dell’omonima azienda neretina e componente del Consiglio di amministrazione dell’Università del Salento.