Una nuova piazza e un infopoint all’ingresso di Otranto, sul fiume Idro: il progetto del Comune finanziato dalla Regione

614

Otranto – Riqualificare e rendere fruibile il lungofiume Idro per sottrarlo allo stato attuale di detrattore paesaggistico e infrastrutturale. È questa la volontà della Giunta di Pierpaolo Cariddi che presto sarà realtà con i fondi in arrivo dalla Regione.

Il progetto è destinatario di 680mila euro nell’ambito del Patto per la Puglia del 2017 da impiegare in interventi di rifacimento e la fruizione di infrastrutture turistiche. Sono 33 i progetti esecutivi finanziati dalla Regione, di cui undici nel Salento. Tra questi anche quello con cui il Comune di Otranto intende intervenire in un’area che – come segnalato dalla stessa Amministrazione nella delibera di approvazione del progetto – appare da anni caratterizzata da spazi poco illuminati e pavimentazioni stradali degradate.

Dai parcheggi al centro storico

Non è il biglietto da visita adatto per i turisti che approdano qui.  Al finanziamento regionale si aggiunge anche una quota di cofinanziamento da parte del bilancio comunale pari a 20mila euro.

“A questo bando abbiamo voluto candidare un progetto di riqualificazione del fiume Idro dal momento che si tratta di un’area di collegamento tra la zona dei parcheggi e gli attrattori turistici della città come il centro storico, le spiagge urbane e il lungomare” afferma il Sindaco. “Un progetto che definirà una nuova porta della città, accogliendo i turisti e fornendo loro le prime informazioni per una fruizione consapevole del nostro patrimonio culturale e non solo”.

Un viale in pietra dura

Ecco alcuni dettagli dell’opera: “Attualmente l’area è asfaltata e utilizzata in parte come parcheggio e in parte per attività commerciali. Con il progetto si prevede di trasformare lo spazio in una nuova piazza pedonale con basolato  di pietra dura, nuovi alberi e una illuminazione pubblica con pali di arredo urbano”.

“Sarà presente un manufatto amovibile – conclude Cariddi – che fungerà da info point e sarà poi collegata sempre con percorso basolato al lungomare di Otranto e ai giardini pubblici senza soluzione di continuità per definire un percorso gradevole verso il centro storico. Sarà riqualificato anche l’alveo del fiume idro che lambisce la piazza e la caratterizza”.

Pierfrancesco Albanese