Un libro del magliese Antonio Russo sullo stalking: prontuario antiviolenza per donne e non solo

585
Antonio Russo

Maglie – Un libro per aiutare le donne ad affrontare situazioni senz’altro incresciose che qualche volta sfociano in vere e proprie tragedie: si tratta dello stalking, tema a cui è dedicato un libro del magliese Antonio Russo.

Per i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno è in circolazione “Stalking La Gabbia”, con prefazione degli europarlamentari Lara Comi e Raffaele Fitto e della presidente nazionale Obiettivo Famiglia/Federcasalinghe Federica Rossi Gasparrini. La postfazione è della giornalista Emanuela Boccassini, le illustrazioni di Paola Scialpi.

Una gabbia di isolamento e paura

«Forse non c’è immagine più efficace di quella scelta dall’autore di questo libro per descrivere cosa significhi per una donna essere vittima di stalking – scrive nella presentazione Lara Comi. – Sì, è proprio una gabbia, con quel senso di isolamento, solitudine, paura, terrore che pervade ogni momento della propria vita. Impotenti, indifesi, in balia del proprio carnefice».

C’è da aggiungere che l’europarlamentare parla per esperienza diretta, essendo stata anche lei vittima di stalking.

La legge contro lo stalking esiste: è il Decreto legge del 23 febbraio 2009, n. 11, convertito in Legge 23 aprile 2009, n. 38, che ha introdotto il reato di “atti persecutori”. È una legge che ha coperto un vuoto legislativo e ha funzionato, ma secondo quanto espresso e motivato da Antonio Russo, non è sufficiente.

Un prontuario per difendersi dalla violenza

Da qui una proposta dell’autore che tende a completare e rendere più efficace la legislazione esistente eliminando gli ostacoli che impediscono una soluzione rapida del problema e una tutela adeguata per la vittima. Per quanto riguarda l’istanza di ammonimento che la vittima che non intende fare querela può presentare al Questore, Russo propone “l’estensione della delega del Questore anche all’Ufficiale dei Carabinieri in modo da ridurre i tempi della burocrazia”. Il volume si presenta così come un prontuario per donne e anche uomini chi si trovano ad essere vittime di stalking.

Nel libro sono raccontate anche due esperienze di donne che sono state aiutate. Consigli, ammonimenti, indicazioni da Antonio Russo, criminologo, per 24 anni nell’Arma dei carabinieri e che nell’introduzione esplicita il suo obiettivo: «Con questa guida mi propongo di fornire informazioni sul tema dello stalking e di dare consigli, suggerimenti, pareri alle persone che ne sono vittima, perché il primo passo per evitare che le donne (in modo particolare, ma non unico) continuino a essere oggetto di violenza è l’informazione, il raggiungimento della consapevolezza che ciò che subiscono è punibile per legge e che possono contrastare il loro persecutore».