Un cognome è di troppo: il Prefetto cancella (su richiesta) quello del padre adottivo

Quello del marito della madre "non ha avuto alcun valore affettivo"

1134

Sannicola – L’aggiunta del cognome del padre adottivo alla sua anagrafica proprio non gli era mai piaciuta tanto da chiedere che fosse proprio eliminato dai suoi documenti. Ora c’è anche il decreto del Prefetto di Lecce che ha accolto l’istanza del signor L. C. P. (la prima è l’iniziale del nome) che dallo scorso 20 febbraio è solo il signor L.P.. Alla base della richiesta motivazioni di carattere personale e di rapporti familiari.

La storia Il 38enne di Sannicola (nato a Gallipoli) protagonista di questa storia “non ha mai gradito l’aggiunta del cognome C. avvenuta quando aveva 17 anni a seguito della sua adozione da parte del marito della madre. Prima dell’adozione – si legge nel decreto con cui il Prefetto autorizza la cancellazione – era cresciuto e veniva identificato e riconosciuto con il solo cognome della madre. Il cognome aggiunto non ha per lui alcun valore affettivo”.

Il decreto è stato pubblicato, come per legge, sugli Albi pretori dei Comuni di Sannicola e Gallipoli e chiunque ritenga di proporre opposizione potrà farlo entra 30 giorni dalla pubblicazione.

Pubblicità
Pubblicità