“Un abbraccio”, Antonio Campeggio

1792

Ti abbraccio forte con amore

nel vano tentativo di sfiorare il tuo cuore,

lo sento in un battito lontano

Pubblicità

come quel primo giorno in cui baciai la tua mano.

Ho arredato i tuoi silenzi con le mie paure

 le tue lacrime  scioglievano le mie parole dure

mentre i miei passi si facevano più pesanti

vedevo Te camminarmi davanti.

Scalzi i nostri cuori su percorsi accidentati

stanchi gli sguardi su pensieri tormentati.

Ho svestito da tempo il mio orgoglio,

ne farò dono un giorno a mio figlio.

Lamento un graffio al petto dolente

cerco il tuo sguardo dolce e sorridente

mi avvedo solo ora che il tuo cuore sanguinante

è trafitto da spine e graffi, ma è pulsante.

Ora comprendo perché il tuo passo mi precede :

proteggi il mio cuore e la mia poca fede

le spine del tuo cuore dovevan essere le mie,

dopo anni di preoccupazioni, ansie e traversie.

Ora dopo tanto tempo tutto mi è chiaro

con accanto il tuo cuore il futuro sarà meno amaro.

Ti abbraccio ancora una volta con amore

nel vano tentativo di sfiorare il tuo cuore.

Ti Amo

 Antonio Campeggio  – Parabita

 

Pubblicità