Uggiano La Chiesa, il campo sportivo in zona Matrico sarà intitolato alla memoria di don Gino Bona

517
Don Gino Bona

Uggiano La Chiesa – Domenica 30 dicembre il paese celebra il “Centenario della nascita di Gino Bona”, sacerdote, appassionato di calcio e personaggio simbolo della storia cittadina. Per ricordarlo, dopo la celebrazione della messa in chiesa madre alle ore 10, alle 11 ci sarà la cerimonia di intitolazione del campo sportivo sito in zona Matrico alla memoria del religioso. Prendono parte alla manifestazione il Consiglio comunale dei ragazzi, il presidente della Provincia Stefano Minerva e il delegato provinciale del Coni Antonio Pellegrino. Sul campo intitolato a Bona si giocherà poi una partita che vedrà sfidarsi i giovanissimi calciatori di Uggiano e di Casamassella. L’evento è organizzato dal Comune, in collaborazione con l’Istituto comprensivo, la Provincia di Lecce, il Coni e la Parrocchia Santa Maria Maddalena.

Salvatore Piconese

Il Sindaco Salvatore Piconese dichiara: “La nostra comunità dedicherà una giornata a colui che, più di altri, a partire dal dopoguerra in poi, ha contribuito alla crescita civile, sociale e sportiva di Uggiano e di Casamassella. Gino Bona è tra le personalità più importanti della nostra storia recente, ed è ancora oggi vivo il suo ricordo, così come è viva nella memoria di tutti la sua generosità nei confronti dei giovani e la sua dedizione per lo sport. È giusto che, nell’anno del suo centenario, venga degnamente ricordato. E lo faremo tutti insieme con gli alunni delle scuole”.

L’amore per il calcio ha segnato la vita di don Gino Bona, nato a Uggiano La Chiesa l’11 dicembre 1918. A 12 anni entra nel seminario vescovile di Otranto, e nel 1936 approda al Seminario regionale di Molfetta. Rientrato a Uggiano dopo la chiamata alle armi in seguito allo scoppio della Seconda guerra mondiale, crea un centro sportivo e si impegna nella promozione dello sport a 360°. Il suo cuore, però, batteva soprattutto per il calcio: si deve infatti a don Gino la costituzione della squadra di calcio cittadina e la realizzazione del Campo sportivo in zona Matrico, lo stesso che oggi – come a chiudere un cerchio – gli viene intitolato. Oltre allo sport, Bona diede un contributo attivo alla vita sociale e culturale del paese, intraprendendo anche delle azioni per valorizzare la marina di Porto Badisco.

Pubblicità

Pubblicità