Ugento, notte di focareddhe per la festa di San Giuseppe

1897
La Focareddha alla parrocchia del Sacro cuore

Ugento – Una festa, tanti “fuochi”: martedì 19 marzo sono diversi gli appuntamenti in paese per festeggiare San Giuseppe. Protagoniste, come da tradizione, focareddhe e zeppole.

I Malfattori (foto di Luca Bolognese)

Al santuario di San Giuseppe, in mattinata si celebra la messa alle ore 8 e 10.30. Alle 16.30, invece, da qui parte la solenne processione che attraversa le vie del paese secondo quest’itinerario: via Salentina, Ripamonti, Barco, Urso, Edison, Sabin, Montelungo, Calatafimi, Pasteur, Edison, Volta, Ripamonti, Salentina, per terminare al santuario, dove alle 17.30 ci sarà la messa in suffragio dei papà defunti. Al termine della celebrazione, la confraternita di San Giuseppe offrirà una zeppola ai presenti. Ad allietare la festa ci sarà la musica della banda “Città di Matino”.

All’oratorio San Giovanni Bosco, a partire dalle ore 20 c’è la focareddha organizzata da “Gli amici della Focara”. Anima la serata il gruppo comico “I malfattori”.

Alla parrocchia del Sacro cuore (dalle ore 19) altro falò organizzato dal Comitato festa San Giuseppe lavoratore: intorno al fuoco, si potranno degustare panini caldi, pittule e vino, il tutto condito da musica e karaoke.

Si fa festa anche al “Quartiere ugentino” (in via San Giacomo), dove l’accensione della focareddha sarà accompagnata dalla pizzica del gruppo “Mariglia”. Inizio fissato alle 20.30.