Ugento, festa dei Santi Medici ancora più grande: programma lungo 4 giorni, e domenica concerto delle “Vibrazioni”

8156
Il gruppo del Comitato festa Santi Medici
Il gruppo del Comitato festa Santi Medici

Ugento – La festa dei Santi Medici, la più attesa in città, torna dal 26 al 29 settembre con un programma ancora più ricco: tra fede, tradizioni, musica e spettacolo, quest’anno i festeggiamenti si allungano infatti da 3 a 4 giorni.

Il gruppo del Comitato festa

Luminarie al santuario dei Santi Medici

Impegno ed entusiasmo da parte del Comitato festa, che in questi giorni vede concretizzarsi un lavoro lungo un anno, frutto del gioco di squadra.

Una squadra, quella del Comitato, composta dal presidente Elio Scarcella, dal vicepresidente Donatello De Nuzzo, dal segretario Vincenzo Ozza, dal cassiere Ilario Congedi, e dai consiglieri Roberto Gatto, Vittorio De Nuzzo, Orlando Salvatore, Pompeo Pizzi, Claudio Miraglia, Pasquale Trosi, Luca Bleve, Enzo Tornisello, Tony Stasi, Marcello Pierri, Maurizio Bagnato e Silvio Pellico.

“Ogni anno, finita la festa, ci prendiamo 15 giorni di vacanza e poi ripartiamo subito per preparare l’edizione successiva”, spiegano dal Comitato. “Cerchiamo sempre di dare qualità alla festa e di mettere insieme un programma che soddisfi i gusti di tutti. Quest’anno, ad esempio, abbiamo i Calanti per chi ama la musica popolare, la banda, che in una festa non può mai mancare, uno spettacolo di magia per i più piccoli, e poi il gran finale con il concerto delle Vibrazioni”.

Concerto domenica per non danneggiare i commercianti

Le vibrazioni

Proprio il concerto delle Vibrazioni, che si terrà in piazza Italia, è il motivo che ha portato alla scelta di allungare di un giorno i festeggiamenti: “Per l’evento la piazza sarà chiusa fin dalla mattina – spiegano sempre dal Comitato – e questo, se il concerto si fosse fatto di sabato, avrebbe danneggiato le attività commerciali della zona”.

“Ecco perché abbiamo deciso di spostare il concerto, e di conseguenza l’ultimo giorno di festa, a domenica: non possiamo danneggiare i commercianti che anche quest’anno (insieme al Comune) non hanno mancato di darci il loro sostegno”, concludono gli organizzatori.

Festa dei Santi Medici: il programma religioso

Nella vigilia della festa, giovedì 26 settembre, messe nel santuario dei Santi Medici dalle 6,30 alle 10,30 (una ogni ora). Nel pomeriggio, dopo la messa delle 17,30 partirà la solenne processione che, con partenza dal santuario, attraversa le principali vie del paese e arriva in piazza San Vincenzo, dove si celebrerà la messa presieduta dal vescovo della diocesi Ugento-Santa Maria di Leuca monsignor Vito Angiuli.

Venerdì 27 ancora messe nel santuario dalle 6,30 alle 9,30 (una ogni ora), e poi in serata alle 18,30 e alle 19,30. Alle 11, sempre nel santuario, solenne pontificale presieduto da monsignor Angiuli.

Sabato 28 messe nel santuario alle 8 del mattino, e domenica 29 alle 7,30.

Il programma civile

Giovedì 26, giornata della vigilia animata dalla musica della banda “Città di Matino”. In serata (alle 21,30) salgono sul palco in piazza San Vincenzo i Calanti, gruppo ugentino di pizzica e musica popolare salentina: ospite d’eccezione Enza Pagliara.

Tradizionale fiera del bestiame nella mattinata di venerdì 27. La sera, invece, alle 20 c’è il concerto bandistico lirico-sinfonico “Città di Martina Franca”, in piazza San Vincenzo.

Uno scatto dalla festa dello scorso anno

Lo spettacolo di fuochi d’artificio a cura delle ditte Luigi Dario (di Matino) e Fratelli Pannella (di Benevento) accende il cielo sabato 28, alle ore 21. Alle 21,30, sempre in piazza San Vincenzo, cabaret, musica e spettacolo di magia per il divertimento dei bambini e non solo.

L’ultimo giorno di festa, domenica 29 settembre, si chiude con l’atteso concerto del gruppo “Le vibrazioni”: Francesco Sarcina e compagni saliranno sul palco allestito in piazza Italia alle 21,30.

Le luminarie sono della ditta Mariano Light (di Scorrano). Per tutta la durata della festa, in piazza San Vincenzo ci sarà la “riffa istantanea”, con ricchi premi, animata dal Comitato.