Turismo: Puglia e Salento le mete più ambite. I vacanzieri cercano tranquillità, servizi e sicurezza dal Covid

1251
Turisti a Gallipoli

Gallipoli – La Puglia resta la regione più desiderata dai turisti italiani: è quanto emerge dall’analisi dei dati raccolti dalla società Swg per conto di Pugliapromozione, l’Agenzia regionale per il turismo.

L’indagine è stata realizzata tra il 29 giugno e il 6 luglio scorsi su un campione di 1.050 maggiorenni residenti in Italia. Malgrado il contesto nuovo e difficile che il turismo nazionale sta vivendo, la Puglia risulta essere la prima destinazione scelta dai turisti italiani, verso la quale è orientato il 16% degli intervistati e il 21% di coloro che intendono viaggiare in Italia o non ha ancora deciso di farlo. Seguono Sicilia (16%) e Toscana (14%).

“Sicurezza e servizi”

La Puglia è anche la regione ritenuta più sicura per il contagio da Covid anche rispetto a destinazioni del Mediterraneo quali Spagna, Croazia, Montenegro, Grecia, Albania, Turchia, Portogallo, Tunisia ed Egitto. Le destinazioni balneari sono le più gettonate, in particolare Salento e Gargano. Il 56% dice che farà in Puglia una vacanza scegliendo un luogo stabile e facendo qualche escursione, mentre il 14% non si muoverà.
Se agosto rimane il mese preferito dai vacanzieri (lo indica il 44% degli intervistati),  sorprese positive potrebbero venire da settembre (indicato dal 33%). In gran parte si prevede una vacanza di circa una settimana o meno (57%), ma un 24% indica anche le due settimane.
La spesa media prevista dai viaggiatori è di circa 1.200 euro complessivi, che vanno a coprire gruppi di due o più viaggiatori, anche se esiste una fascia di turisti individuali che prevedono di spendere tra 1.000 e 1.500 euro solo per sé. Nel 29% dei casi la Puglia viene indicata da viaggiatori desiderosi di esplorarla per la prima volta.
Nell’offerta proposta, i turisti orientati verso la Puglia mostrano di apprezzare alcuni servizi accessori come parcheggio, piscina e ristorante interno alla struttura. Il budget previsto per la vacanza in Puglia risulta, però, leggermente più basso rispetto alla media nazionale. Da segnalare come l’80% dei turisti che sceglie la Puglia è molto o abbastanza sicuro che gestori di strutture ricettive, ristoranti, bar e spiagge rispettino le regole. C’è, però, meno  fiducia nei confronti dei comportamenti degli altri turisti.
«Appare evidente che la paura del Covid, che è ancora piuttosto diffusa, e lo stress prodotto dal periodo di lockdown portano i turisti a cercare soprattutto calma, distensione, sicurezza e meno spostamenti possibili. E la Puglia si mostra più di altre regioni all’altezza di rispondere a queste esigenze. La Regione – commenta l’assessore all’Industria turistica e culturale, Loredana Capone – insieme agli operatori, ha fatto la sua parte lavorando strenuamente anche durante l’emergenza Covid per riorganizzare la riapertura in sicurezza.  E non è un caso che, nonostante l’ emergenza abbia temporaneamente interrotto la crescita imponente del turismo in Puglia, già si intravedano i segnali di una buona ripresa.”