Tuglie, «chiese senza barriere»: l’appello del fisioterapista Chimienti

2646

chiesa matrice copiaangelo chimienti e progetto screening posturale  (2)TUGLIE. Parte da Facebook l’appello per l’eliminazione di alcune barriere architettoniche, in particolare quelle per l’accesso ai luoghi di culto come la chiesa Matrice (foto in alto) di piazza Garibaldi. È il fisioterapista Angelo Chimienti (foto) ad affidare il suo pensiero al social network, subito dopo l’udienza dedicata da Papa Francesco proprio ai fisioterapisti italiani, “evento significato per la nostra categoria sempre in prima linea nella disabilità, nella riabilitazione e in generale nel sociale”.
Chimienti si fa portavoce di alcuni pazienti diversamente abili. «L’accesso in molte chiese del paese da parte di persone diversamente abili è impossibile a causa di barriere architettoniche che di fatto non vengono abbattute», afferma il fisioterapista. Diversi i commenti e le condivisioni su Facebook che fanno presagire a qualche iniziativa che possa finalmente eliminare questo problema.