Gallipoli – La doppia vendita, nell’arco di appena 24 ore, delle quote della società “Nautica Santa Caterina” di Gallipoli costa due condanne da parte del giudice della prima sezione del Tribunale di Lecce. Il 45enne Sandro Quintana, attuale vicepresidente del Consiglio comunale di Gallipoli, è stato ritenuto responsabile del reato di truffa aggravata in concorso con il 64enne di Nardò Marcello De Trane, condannato a tre anni.

Quest’ultimo, ex proprietario di fatto della “Nautica Santa Caterina”, secondo la ricostruzione del processo di primo grado, il 2 dicembre 2015 avrebbe ceduto a Quintana il 49% delle quote societarie facendo la stessa cosa il giorno dopo con il Gruppo Ses (già proprietario del restante pacchetto azionario) per un importo pari a 250mila euro.

L’accusa ha sostenuto che la doppia vendita fosse stata escogitata per evitare che la prima vendita risultasse sul registro delle visure catastali. Le indagini partirono dopo la segnalazione da parte degli amministratori del Gruppo Ses (che i due imputati condannati dovranno ora risarcire in sede civile) per la paura di perdere i 250mila euro versati insieme alla titolarità delle quote.

Pubblicità

La difesa ha, invece, spiegato come non si sia trattato di una truffa quanto di un’azione a totale vantaggio della stessa società.

Pubblicità

Commenta la notizia!