Tricase, primi nomi per Sindaco e prime contestazioni sui metodi di scelta a destra (FdI) e a sinistra (Partito socialista)

257

Tricase – Chi ha scelto chi? Dove e quando ci sono state riunioni su candidature? Chi le ha convocate? Appena sono state formalizzate le prime candidature alla carica di Sindaco, sono sorti interrogativi maliziosi e proposte di ricominciare tutto da capo, sia nel centrodestra che nel campo avverso.

“Fratelli d’Italia smentisce categoricamente il contenuto di una nota firmata “Gruppo centrodestra Tricase”, con la quale si annuncia l’individuazione del candidato sindaco nella figura di Federica Esposito”: comincia così la nota a firma di Claudio Cagnazzo, coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia.

FdI smentisce Federica Esposito

Il riferimento diretto, come si legge, è rivolto alla consigliera comunale uscente e già vicepresidente della Provincia Federica Esposito. Come è ormai noto, da quell’area è pronto a correre Donato Carbone (Forza Italia) che però proprio a piazzasalento ha espresso la necessità di lavorare ancora per l’unità della coalizione prima di fare annunci pubblici.

“A nessuna riunione Fratelli d’Italia ha partecipato. Siamo intenti invece – afferma Cagnazzo – nel fare quadrato per l’individuazione di un nome che sia sintesi delle diverse anime di centrodestra, pertanto qualunque dichiarazione, fino a quel momento, sarà solo una fuga in avanti non utile alla compattezza della coalizione. Diffido quindi chiunque ad utilizzare il contenuto di quella nota e a parlare di “centrodestra” se Fratelli d’Italia non è presente ai tavoli di coalizione”. Nel centrodesta circola anche il nome di Ippazio Cazzato.

Pd e Leu contestati dai socialisti

Non tira aria migliore nel centrosinistra. Spiazzata dalla rapida discesa in pista di Carmine zocco, già dirigente del Pd, da un tavolo di coordinamento con Pd, Leu e espressioni dell’associazionismo, è stata formulata una “rosa” di nomi tra i quali è stato poi scelto e lanciato Antonio De Donno, dirigente delle Acli regionali. A sollevare dubbi è in questo caso il Partito socialista salentino.

Apprendiamo da organi di stampa locale della candidatura alla carica di Sindaco del Comune di Tricase, del dott. Antonio De Donno. Tale candidatura, chiamata a rappresentare la coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni comunali di Tricase, muove i suoi primi passi da un tavolo di coordinamento (?) che, in tutta evidenza, non ci ha visto partecipi quale soggetto politico lo afferma Mario Accoto, segretario provinciale dei socialisti.

“Azzerare tutto e cercare l’unità”

Il Partito socialista esprime perciò “disappunto e rammarico, per l’occasione mancata, di un sereno e positivo confronto tra tutte le forze di area, indispensabile per la costruzione di una proposta politico-amministrativa solida, rappresentativa e partecipata”.

La scelta dei rappresentanti locali di Pd e Articolo 1 Leu “di confinare entro i propri perimetri partitici la costruzione di tale coalizione, oltre che inopportuna, mostra già le sue debolezze: alla candidatura di De Donno, infatti, si contrappone la discesa in campo di Carmine Zocco, candidato a Sindaco in rappresentanza di movimenti civici di area centrosinistra”.

Si lavori per ricercare una candidatura unitaria. “In questo scenario frammentato, sebbene i tempi stringano – conclude Accoto – auspichiamo che, fino al termine ultimo di presentazione delle liste, possano promuoversi momenti di confronto partecipati da tutti i partiti e soggetti attivi che si riconoscono nel centrosinistra, per costruire una coalizione ed una candidatura unitaria, a servizio di Tricase”.